Il circuito mediatico

Pagina 2 di 3 Precedente  1, 2, 3  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: Il circuito mediatico

Messaggio Da einrix il Dom 18 Gen 2015, 20:18

Se uno vuole fare un altro passo avanti, può leggersi come le agenzie di notizie vengano messe in crisi proprio dalla rete. Di sicuro saranno i motori di ricerca che potranno assumere quel ruolo, mediato da applicazioni twiter e aggregatori di FeedRSS. 

Ma entriamo in un campo ancora in fase di sperimentazione e progettualità, che non sappiamo come andrà a regime. Di sicuro chi potrà pagare certi servizi ne avrà di migliori, e personalizzati su una clientela che, alla faccia della privacy, permette si leggano le sue preferenze attraverso l'uso della rete (Web cookies).

http://www.linkiesta.it/crisi-agenzie-di-stampa-italia
avatar
einrix

Messaggi : 7937
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 75
Località : Bergamo e Rimini

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il circuito mediatico

Messaggio Da einrix il Dom 18 Gen 2015, 20:35

Se non l'hai capito sino ad adesso... non so come spiegartelo.

Un conto è una notizia che scorre dopo l'altra, e quella è una notizia, un altro è fare una pagina di notizie finalizzate ad una certa comunicazione. La metti in prima pagina o la nascondi dentro il giornale. Fai caratteri piccoli o grandi, ne metti altre due o tre, tutte dello stesso tono, insieme. Così non dai la notizia, ma costruisci una notizia.

Che un cane morda qualcuno non è una notizia importante, ma se prendi le notizie di una settimana di cani che in tutta Italia hanno morso qualcuno e le metti tutte insieme, la notizia diventa "i cani mordono gli italiani"! Umberto Eco lo ha spiegato benissimo, facendo con altre parole proprio l'esempio dei cani.

L'agi, non mette assieme tutte le notizie dei cani che mordono. Di mano in mano che un cane morde ne danno la notizia che finisce in fila e in coda a tutte le altre. Questo significa dare notizie, e per questo i giornali non danno notizie ma costruiscono opinioni, indipendentemente dal fatto di dire di non essere schierati. Sono schierati, e come, ed alcuni, più di altri. Gomez e Travaglio sono schierati a destra, per cui combattono contro questo governo, aiutando il M5S che nelle ultime elezioni ha guastato il sogno di Bersani ( e pure quello mio), perché Berlusconi era con l'acqua alla gola, ma che anni fa erano con Montanelli, sempre contro Bersani, in appoggio ai partiti oltre il Pentapartito di Craxi e Forlani. Berlusconi gli ha tolto il giochino di mano, e per quello sono diventati antiberlusconiani. Se gli permetteva di fare quello che volevano fare, sarebbero stati berlusconiani. L'anello che congiunge Grillo e Berlusconi è proprio la storia di questi giornalisti del FQ che sono ideologicamente di destra e che si fanno passare per uomini di sinistra, almeno per uno come Rossoverde. Mentre credo che Amiter, che dice di essere di destra, lo abbia capito benissimo, ed è per questo che apprezza quei giornalisti e quel giornale.
avatar
einrix

Messaggi : 7937
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 75
Località : Bergamo e Rimini

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il circuito mediatico

Messaggio Da Rossoverde il Dom 18 Gen 2015, 20:44

A parte che il F.Q. non è il mio giornale, i giornali li leggo un po'tutti. In genere ti cito dei fatti , mi astengo volutamente , diversamente da te, dal fare da cassa di risonanza per un partito o addirittura per il miglior partito possibile, mi attengo ai fatti, alla realtà , da cui con i proclami non si sfugge. Eppoi, non ho citato solo il F.Q. , basta che tu vada a vedere i miei post.
Non ho assolutamente bisogno del F.Q. per essere critico nei confronti e di Renzi e soprattutto del Pd nella sua interezza, Renzi e solo il tardo epigono del disfacimento di una sinistra residuale che già da anni ed anni non esiste più nei fatti. Ma non mi voglio dilungare oltre. Uso a volte il F. Q. per i fatti che cita, le idee ho le mie.
Diversamente e tu e il tuo partito, vi proponete come la soluzione ai problemi del paese, purtroppo il tuo partito , senza guardare troppo indietro, per farti uno sconto eccezionale, guardando solo Renzi non ha fatto altro che disgregare quel minimo di minimo che c'era di sx. Che delusione, dire una cosa e nella pratica fare l'esatto contrario.
Capisco che tu sia ossessionato dal F.Q., e ti capisco veramente, perchè non sta facendo fare una bella figura al tuo Pd, e la famiglia Renzi.
Tanto di cappello che a te basti il televideo per fare poi le tue scelte politiche.
Ti saluto
avatar
Rossoverde

Messaggi : 1007
Data d'iscrizione : 05.06.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il circuito mediatico

Messaggio Da einrix il Dom 18 Gen 2015, 21:52

Rossoverde ha scritto:A parte che il F.Q. non è il mio giornale, i giornali li leggo un po'tutti. In genere ti cito dei fatti , mi astengo volutamente , diversamente da te, dal fare da cassa di risonanza per un partito o addirittura per il miglior partito possibile, mi attengo ai fatti, alla realtà , da cui con i proclami non si sfugge. Eppoi, non ho citato solo il F.Q. , basta che tu vada a vedere i miei post.
Non ho assolutamente bisogno del F.Q. per essere critico nei confronti e di Renzi e soprattutto del Pd nella sua interezza, Renzi e solo il tardo epigono del disfacimento di una sinistra residuale che già da anni ed anni non esiste più nei fatti. Ma non mi voglio dilungare oltre. Uso a volte il F. Q. per i fatti che cita, le idee ho le mie.
Diversamente e tu e il tuo partito, vi proponete come la soluzione ai problemi del paese, purtroppo il tuo partito , senza guardare troppo indietro, per farti uno sconto eccezionale, guardando solo Renzi non ha fatto altro che disgregare quel minimo di minimo che c'era di sx. Che delusione, dire una cosa e nella pratica fare l'esatto contrario.
Capisco che tu sia ossessionato dal F.Q., e ti capisco veramente, perchè non sta facendo fare una bella figura al tuo Pd, e la famiglia Renzi.
Tanto di cappello che a te basti il televideo per fare poi le tue scelte politiche.
Ti saluto
Non sarà il tuo giornale, ma mi riempi di citazioni di FQ. Alla fine è la stessa cosa.

A me non dispiace fare da cassa di risonanza del PD, e su quel tema faccio due cose: 
- ascolto quello che dicono e guardo quello che fanno "quelli del PD", facendone partecipi anche gli altri, se sono interessati a quelle vicende. 
- discuto delle questioni di partito e per quelle del governo, adesso che il PD è nella maggioranza

Qui invece parlo dei media e di come agiscono nella società, non sempre come fonte delle notizie (Televideo, ad esempio), ma come costruttori di opinioni (prendiamo il giornale fittizio di Umberto Eco).
Da questo ragionamento viene fuori che Eco ha ragione: il giornalismo in genere è proprio ciò che nel suo libro diventa paradossale, ma non irrealistico. Poco male: un giornale può fare quello che vuole, anche spargere fango, nei limiti della legge, ma non può anche dire «io do solo notizie vere», perché non è vero. Basta guardare come viene composta la pagina e si capisce qual'è lo scopo di Libero piuttosto che quello di Europa, o il Corriere della Sera, o il Fatto Quotidiano. Tutti danno le stesse notizie, ma il loro scopo non è quello di dare le notizie, ma di usarle per qualche finalità. Europa è il giornale del PD, Libero è il giornale di Berlusconi, il Fatto Quotidiano è il giornale di Gomez e Travaglio, e portano avanti quello che loro hanno in mente, non la verità, che è qualche cosa difficile da rappresentare, o la notizia che letta sull'ansa dice poco o niente. La verità, il fatto lo danno solo le agenzie, non in maniera generalizzata e filtrando verso gli interessi di chi le loro notizie acquista, ma senz'altro sono notizie. Leggere notizie o leggere giornali è un esercizio diverso. Se leggi notizie tu le valuti nel contesto dei tuoi scopi, ma se leggi i giornali, se non hai una forte capacità critica (sono rare le persone con queste capacità), allora vieni indottrinato, perché il prodotto che ti confezionano è fatto proprio sulla misura della tua visione che hai della realtà, del mondo, e proprio su quella - come direbbe Jasper - fanno un lavoro psicologico.
Non mi preoccupa la notizia in se, che tu mi proponi e sulla quale una risposta la trovo sempre, ma il fatto che tu mi proponga quella notizia e non un'altra. Proprio quella scelta mi mostra che non hai indipendenza di giudizio e vieni manipolato dal FQ,  e come dici tu, non solo da lui.
Nelle altre discussioni, discutiamo e basta, ma in questa in cui si tratta il tema della stampa, è giusto mettere a fuoco queste questioni. E se tu riflettendo, migliori le tue capacità di giudizio, non puoi che migliorare il sistema in cui non ti trovi solo tu, ma anche io stesso.
avatar
einrix

Messaggi : 7937
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 75
Località : Bergamo e Rimini

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il circuito mediatico

Messaggio Da Rossoverde il Dom 18 Gen 2015, 22:14

einrix ha scritto:
Non sarà il tuo giornale, ma mi riempi di citazioni di FQ. Alla fine è la stessa cosa.

A me non dispiace fare da cassa di risonanza del PD, e su quel tema faccio due cose: 
- ascolto quello che dicono e guardo quello che fanno "quelli del PD", facendone partecipi anche gli altri, se sono interessati a quelle vicende. 
- discuto delle questioni di partito e per quelle del governo, adesso che il PD è nella maggioranza

Qui invece parlo dei media e di come agiscono nella società, non sempre come fonte delle notizie (Televideo, ad esempio), ma come costruttori di opinioni (prendiamo il giornale fittizio di Umberto Eco).
Da questo ragionamento viene fuori che Eco ha ragione: il giornalismo in genere è proprio ciò che nel suo libro diventa paradossale, ma non irrealistico. Poco male: un giornale può fare quello che vuole, anche spargere fango, nei limiti della legge, ma non può anche dire «io do solo notizie vere», perché non è vero. Basta guardare come viene composta la pagina e si capisce qual'è lo scopo di Libero piuttosto che quello di Europa, o il Corriere della Sera, o il Fatto Quotidiano. Tutti danno le stesse notizie, ma il loro scopo non è quello di dare le notizie, ma di usarle per qualche finalità. Europa è il giornale del PD, Libero è il giornale di Berlusconi, il Fatto Quotidiano è il giornale di Gomez e Travaglio, e portano avanti quello che loro hanno in mente, non la verità, che è qualche cosa difficile da rappresentare, o la notizia che letta sull'ansa dice poco o niente. La verità, il fatto lo danno solo le agenzie, non in maniera generalizzata e filtrando verso gli interessi di chi le loro notizie acquista, ma senz'altro sono notizie. Leggere notizie o leggere giornali è un esercizio diverso. Se leggi notizie tu le valuti nel contesto dei tuoi scopi, ma se leggi i giornali, se non hai una forte capacità critica (sono rare le persone con queste capacità), allora vieni indottrinato, perché il prodotto che ti confezionano è fatto proprio sulla misura della tua visione che hai della realtà, del mondo, e proprio su quella - come direbbe Jasper - fanno un lavoro psicologico.
Non mi preoccupa la notizia in se, che tu mi proponi e sulla quale una risposta la trovo sempre, ma il fatto che tu mi proponga quella notizia e non un'altra. Proprio quella scelta mi mostra che non hai indipendenza di giudizio e vieni manipolato dal FQ,  e come dici tu, non solo da lui.
Nelle altre discussioni, discutiamo e basta, ma in questa in cui si tratta il tema della stampa, è giusto mettere a fuoco queste questioni. E se tu riflettendo, migliori le tue capacità di giudizio, non puoi che migliorare il sistema in cui non ti trovi solo tu, ma anche io stesso.
E. ma sei forte, se permetti ognuno deve essere libero di usare il proprio metro per notizie da usare. Per esempio , anche avendo letto la notizia che babbo Renzi fosse indagato e via dicendo, non ho postato un bel niente perchè non ho ritenuto la notizia importante politicamente più di tanto. Un link a caso
http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/01/10/paga-i-debiti-chil-papa-renzi-non-i-requisiti/1330518/
Buonanotte
avatar
Rossoverde

Messaggi : 1007
Data d'iscrizione : 05.06.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il circuito mediatico

Messaggio Da einrix il Dom 18 Gen 2015, 22:43

Rossoverde ha scritto:
E. ma sei forte, se permetti ognuno deve essere libero di usare il proprio metro per notizie da usare. Per esempio , anche avendo letto la notizia che babbo Renzi fosse indagato e via dicendo, non ho postato un bel niente perchè non ho ritenuto la notizia importante politicamente più di tanto. Un link a caso
http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/01/10/paga-i-debiti-chil-papa-renzi-non-i-requisiti/1330518/
Buonanotte
C'è un limite a tutto nella difesa dei propri punti di vista, e quindi ragionevolmente quella notizia che il FQ ha comunque messo sul suo giornale, tu non te la sei sentita di propalarla. Ad ogni modo: qui si parla di media e di come si usano, la dove poni i problemi io ti do le risposte. Il circuito mediatico non si può dire che non condizioni le nostre discussioni. Mentre su tutta una serie di temi, certi servizi giornalistici dovrebbero restare fuori. Se discutessimo sulle notizie di Televideo e anziché far riferire ai giornalisti, vedessimo gli interventi dei politici e le interviste che gli fanno, già avremmo argomenti di maggiore obiettività per discutere.

Se tu vai su Televideo, a cercare la notizia, non vieni influenzato come se invece vai su Europa o su il Fatto Quotidiano.
Se c'è l'intervento di un parlamentare alla Camera, quello è un documento vero, per quante cose giuste o sbagliate possa dire. E lo stesso se ci si guarda un intervento di Berlusconi ad una manifestazione del suo partito o l'intervento di Vendola in un suo (come lo chiamano) Comitato Centrale. O per Renzi, l'apertura e la replica, nella direzione. Quelle cose se apri i siti non è che le trovi sempre pronte, ma devi cercartele, e ciò fa la differenza.
avatar
einrix

Messaggi : 7937
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 75
Località : Bergamo e Rimini

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il circuito mediatico

Messaggio Da Amiter il Lun 19 Gen 2015, 04:18

einrix... ma le cose che Travaglio dice in quel video che ti ho postato, sono FATTI o OPINIONI?? Al di là delle battute con cui egli ama condire i suoi servizi, ci riesci a cogliere i FATTI, oppure dici che si inventa tutto? Sono sempre in attesa di questa risposta...

Che tu non conoscevi l'art. 2 del CP, ma cosa infinitamente più grave non lo conosceva nemmeno il presidente del consiglio che ha una laurea in giurisprudenza, è un FATTO o un'invenzione di Travaglio?
Ora, a mio avviso, è anche opportuno che un giornalista metta la pulce nell'orecchio del lettore sul fatto che quasi certamente Renzi non poteva non conoscerlo, e che quindi era in malafede... questo naturalmente non lo fa chi scrive notizie in modo asettico, ma fa parte anche questo del lavoro un giornalista... poi sta a ognuno di noi valutare a proprio modo, ma IL FATTO rimane...
Non mi dire che tu ti leggi solo le notizie dell'ANSA... anzi, mi pare che ti sei letto il libro di Eco, che non si limita mica a riportare delle notizie...

Poi il problema è che in Italia talvolta certe notizie non vengono date neppure in modo asettico...
avatar
Amiter

Messaggi : 456
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 21

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il circuito mediatico

Messaggio Da einrix il Lun 19 Gen 2015, 06:33

Vedi Amiter, il problema è quasi sempre nella finalità. Se quello che fai è perché vuoi abbattere il PD e Renzi, è una cosa, se è per aiutare governo e legislatore, è un'altra. Travaglio e Gomez devono abbattere il PD e lottano con tutti i mezzi, come se fossero un partito, di cui il giornale diventa una cannoniera, una lanciamissili, una macchina del fango. Lo ha detto Eco, un cane che morde non fa notizia, pur essendo una notizia, ma se tu vuoi mettere la gente contro i cani, nella stessa pagina devi pubblicare solo articoli di cani che mordono. La differenza la vedi tra Televideo ed un giornale come uno strumento di guerra politica. Le note sono le stesse, ma è diversa la musica. Loro fanno della sociologia applicata, non del giornalismo di informazione, ed hanno per scopo di modificare la percezione del mondo che la gente ha. Il giornalismo, in teoria, dovrebbe avere altri scopi.

Quando ti mostro un video di Youdem non ti dico che si tratta di una fonte indipendente, di una fonte totalmente disinteressata. E' implicito che si tratti di multimedialità PD. Quindi dichiaro le finalità e tu puoi alzare i tuoi filtri per farti un quadro realistico della comunicazione.

Ma quando pubblico una notizia del Corriere, alzo il filtro solo se penso che sia un giornale di gruppi di potere legati alla finanza. E ben se ne guardano di dichiararlo. Anzi, insistono che la loro missione sia solo quella di dare notizie vere per permettere al cittadino di farsi un quadro della realtà. Ma non è così, tanto che hanno istruito uno campagna ventennale di antipolitica. Con Libero, il Giornale o il Fatto Quotidiano, siamo alla stampa indipendente, più subdola e politicizzata del pianeta. E Travaglio e Gomez, per quest'ultimo, ne sono gli artefici, scelti, istruiti e formati da Montanelli che aveva una sua idea per servire l'anticomunismo e le classi borghesi (detto come una volta), a cui apparteneva.

Quindi, se leggo un articolo, due tre, vedo che sono giornalisti bravi come ce ne sono altri, ma se li leggo in un contesto più ampio allora vedo che c'è una linea e quella linea nasconde delle finalità, che non sono il giornale per l'informazione, ma il giornale per il potere.
A quel punto diventano un partito e li filtro come partito, a differenza di televideo.

Senza contare, poi, sul piano etico, la funzione di macchina del fango, che mettono in moto quando fanno le "campagne" contro qualcuno o contro qualche partito... li poi siamo a "peggio di un partito". Visto che poi, molti abboccano.
avatar
einrix

Messaggi : 7937
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 75
Località : Bergamo e Rimini

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il circuito mediatico

Messaggio Da einrix il Lun 19 Gen 2015, 06:53

Ma guada anche La Repubblica che ha sempre un occhio benevolo verso il PD. Non è un giornale indipendente dalla sua proprietà. se fa ogni giorno degli articoli apparentemente buoni verso il centro sinistra, prova a toccargli Confindustria, in un attimo cambiano tono e ne assumono le difese. Oppure prova a toccare con una critica Israele, neanche nei giorni delle distruzioni del Libano e di Gaza alzano la voce contro Israele, mentre appena c'è un attentato di Hamas la notizia diviene gigante. Per non parlare delle utilissime(?) (per sinistra e grillismo) campagne contro i peccati di Berlusconi. Le avrebbe mai fatte a quel livello se non avesse avuto una guerra di proprietà in corso contro Berlusconi? D'Avanzo era bravissimo, ma lo avrebbero spinto a cercare  e a scrivere così tanto se non ci fosse stato un processo con mezzo miliardo in ballo? Io dico sicuramente di no!
Questo è il giornalismo finto indipendente, che viene creato e sostenuto non per informare, ma per formare opinioni durature nella testa della gente. Naturalmente non sono tutti uguali sul grado della decenza, e c'è chi fa meglio e chi fa peggio; ragione per cui non si può fare di tutta l'erba un fascio, ma quella è la potenzialità della stampa, e come uno strumento o un'arma, viene utilizzata alla maniera di Belpietro o Travaglio oppure a quella di Ezio Mauro di Calabresi. Basta saperlo.
E poi, per tutti i giornali c'è il bisogno di mantenere un certo influsso sul governo, per cui un po lo minacciano sempre di fargli le bucce, se non rigano dritto rispetto agli interessi piccoli o grandi che difendono. E i governi deboli sono più controllabili di quelli forti, ragion per cui tendono sempre a mantenerli deboli, ed in bilico, sempre bisognosi di aiuto di buona stampa... ed il gioco è fatto.
avatar
einrix

Messaggi : 7937
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 75
Località : Bergamo e Rimini

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il circuito mediatico

Messaggio Da einrix il Lun 19 Gen 2015, 14:30

Un esempio magistrale di disinformazione è data da questi due articoli che si contraddicono:

il primo ha questo titolo: "Salva Berlusconi, Alessandro Pace: “La manina di Renzi è un reato di falso"
http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/01/18/salva-berlusconi-alessandro-pace-manina-renzi-reato-falso/1349562/

il secondo, ha quest'altro titolo: "Corruzione, Orlando: “Intollerabile”. Ma difende il falso in bilancio berlusconiano"

http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/01/19/corruzione-orlando-intollerabile-difende-falso-in-bilancio-berlusconiano/1350417/

Ora, nel primo articolo Alessandro Pace accusa Renzi di reato di falso, per avere modificato la legge concordata nel consiglio dei ministri, di nascosto.

Nel secondo articolo, si dice che quelle modifiche alla legge le vuole il Ministro Orlando.

Prescindendo dal resto, sul quale si può tornare a discutere in altra parte - qui parliamo di circuito mediatico - Il primo articolo se è vero il secondo, è falso. Ebbene con due articoli, di cui uno è sicuramente falso hanno scritto due articoli contro il governo Renzi.

Eppure, come era suadente Il costituzionalista che ragionava sulla ipotesi che Renzi abbia fatto tutto di nascosto. Nella realtà non pare proprio sia andata così se vale l'articolo di cui è protagonista Orlando, anche se per la verità non si fa capire bene, qual'è il quibus dell'articolo, restando sul generico di frasi fatte, tanto per spandere miasmi.

Questo è proprio quello che non fa un giornale di informazione, ma che fa un partito politico che vuole delegittimare il suo avversario. E questo è ciò che fa il Fango Quotidiano.

A chi può piacere un tale giornale? Ad uno che ne condivida le stesse finalità. Che non sono ragionamento politico, ma lotta politica con tutti i mezzi, fingendo siano informazioni e verità, mentre sono solo miasmi e veleno. 

Cosa ci si può aspettare da gente così, se va al governo? La menzogna elevata ad arte di governo.

La redazione di Umberto Eco non è tanto paradossale ed al limite, ma è una delle tante che sporcano di fango il paese, da anni e sempre da destra.
avatar
einrix

Messaggi : 7937
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 75
Località : Bergamo e Rimini

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il circuito mediatico

Messaggio Da Amiter il Mer 21 Gen 2015, 07:01

Naturalmente quei due articoli non vanno assolutamente interpretati come li hai interpretati tu... ma mi pare inutile continuare a spiegartelo...
Tra l'altro un articolo di giornale non influisce nemmeno in piccola parte sull'andamento del nostro paese... invece il governo SI'!
Se dedicassi 1/10 delle tue energie ad esserre un tantino più critico nei confronti di questo governo di santi e di eroi, forse ti renderesti conto di quanto sia grave che il suo presidente abbia praticamente finto di non conoscere un pilastro fondamentale del codice penale... proprio lui che è laureato in legge... e neanche la sua vice che è anche un avvocato professionista...
Su queste cose nemmeno una critica piccola piccola, giusto?

Anche qui, che altro dirti?... quando vai a cercare le pagliuzze altrove, peraltro senza nemmeno trovarle, e non vedi le travi negli occhi di questa gente?
avatar
Amiter

Messaggi : 456
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 21

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il circuito mediatico

Messaggio Da Amiter il Dom 25 Gen 2015, 16:37

Tanto per sfatare un tantino questa ossessione e preconcetto nei confronti ad esempio di Peter Gomez, mi era sfuggito questo passaggio... perché non vedo mai questa trasmissione...





... notare che Gomez parte dicendo:"Speriamo che Renzi ce la faccia..."... è vero che il video è di almeno 6 mesi fa... ma a parte le solite polemiche, poi dice:"Noi vi facciamo le pulci perché pensiamo, da una parte di informare i cittadini, e dall'altra perché vi costringiamo a migliorare... perché è importante anche per voi... dire le cose esatte e poi farle, e noi racconteremo se fatte bene o se fatte male..."

Credo che queste affermazioni di Gomez siano impeccabili... forse non per gli ossessionati...

Secondo la De Girolamo poi, se la gente non crede più nella politica la colpa è della stampa che disinforma!... ma di che parla? Va be', credo che queste battute si commentino da sole...
Interessante però questa "trasversalità" di vedute...
avatar
Amiter

Messaggi : 456
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 21

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il circuito mediatico

Messaggio Da einrix il Dom 25 Gen 2015, 19:00

Amiter ha scritto:Tanto per sfatare un tantino questa ossessione e preconcetto nei confronti ad esempio di Peter Gomez, mi era sfuggito questo passaggio... perché non vedo mai questa trasmissione...





... notare che Gomez parte dicendo:"Speriamo che Renzi ce la faccia..."... è vero che il video è di almeno 6 mesi fa... ma a parte le solite polemiche, poi dice:"Noi vi facciamo le pulci perché pensiamo, da una parte di informare i cittadini, e dall'altra perché vi costringiamo a migliorare... perché è importante anche per voi... dire le cose esatte e poi farle, e noi racconteremo se fatte bene o se fatte male..."

Credo che queste affermazioni di Gomez siano impeccabili... forse non per gli ossessionati...

Secondo la De Girolamo poi, se la gente non crede più nella politica la colpa è della stampa che disinforma!... ma di che parla? Va be', credo che queste battute si commentino da sole...
Interessante però questa "trasversalità" di vedute...
Quel video mi sembra più un autogol, per eccesso di difesa...

Ma se con Ctrl F cerchi la parola Renzi nella prima pagina del Fango Quotidiano di oggi: 25 Gennaio, la trovi ben dieci volte.

Ti elenco solo i titoli, ma se hai qualche perplessità puoi farti la stessa indagine, domani o dopo domani e leggerti gli articoli di propaganda di Gomez, visto che della versione On Line è lui il direttore. Ma la versione cartacea, non deve essere molto differente.

1) Banche popolari, istituto di papà Boschi
e il decreto di Renzi. La Consob indaga
E la ministra azionista non si astiene

2) Matteo Renzi, ‘the departed’

3) Frode fiscale, se Renzi incontra il pregiudicato, la legge che senso ha?

4) Renzi contro magistrati: “Critiche ridicole”
Anm: “Su corruzione promesse mancate”

5) Grillo dal palco lancia un “vaffa” a Renzi
Colle, M5S: “Non andiamo al Nazareno”
Vox Ricca fra la base: “Nome già scelto”

6)•VIDEO - GRILLO: “PATTO RENZI-B? NON SO NEMMENO COSA SIA”

7) Quirinale, Civati: “Ora mando un sms a Renzi perché voglio Prodi al Colle”

8) Renzi vuole attrarre fondi sovrani. Ma non difende le aziende strategiche

9) Montezemolo, Renzi lo vuole consigliere per investimenti. Ma i suoi vanno a rotoli

10) Frode fiscale, se Renzi incontra il pregiudicato, la legge che senso ha? (questo c'è pure due volte!)
avatar
einrix

Messaggi : 7937
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 75
Località : Bergamo e Rimini

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il circuito mediatico

Messaggio Da Amiter il Dom 25 Gen 2015, 22:58

Si dà il caso che Renzi sia il presidente del consiglio italiano... cos'è che non ti è chiaro, einrix?
Quando c'erano Berlusconi, Monti e Letta toccava a loro... forse Letta un po' meno perché almeno non era un cazzaro alla stregua di Renzi... ma Berlusconi probabilmente anche di più, essendo oltretutto un plurinquisito...

Ma tu ti ricordi per quale motivo la stampa tedesca mise alla gogna il ministro Guttemberg alcuni anni fa?... per un motivo che qui in Italia ci si riderebbe sopra... eppure l'hanno costretto alle dimissioni...

Ti ricordi per quale motivo fu chiesto l'impeachment di Clinton... una roba praticamente ridicola se confrontata alla trattativa stato-mafia che ha visto coinvolto Napolitano...


La verità è che non ci siete abituati a una stampa che fa il proprio lavoro, così come non siete abituati ad una vera opposizione... in questa Italia figlia del consociativismo, in cui la quasi totalità della stampa è in mano a editori politici o in conflitto di interessi (vedi ad esempio De Benedetti)...
avatar
Amiter

Messaggi : 456
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 21

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il circuito mediatico

Messaggio Da einrix il Lun 26 Gen 2015, 04:18

Amiter ha scritto:Si dà il caso che Renzi sia il presidente del consiglio italiano... cos'è che non ti è chiaro, einrix?
Quando c'erano Berlusconi, Monti e Letta toccava a loro... forse Letta un po' meno perché almeno non era un cazzaro alla stregua di Renzi... ma Berlusconi probabilmente anche di più, essendo oltretutto un plurinquisito...

Ma tu ti ricordi per quale motivo la stampa tedesca mise alla gogna il ministro Guttemberg alcuni anni fa?... per un motivo che qui in Italia ci si riderebbe sopra... eppure l'hanno costretto alle dimissioni...

Ti ricordi per quale motivo fu chiesto l'impeachment di Clinton... una roba praticamente ridicola se confrontata alla trattativa stato-mafia che ha visto coinvolto Napolitano...


La verità è che non ci siete abituati a una stampa che fa il proprio lavoro, così come non siete abituati ad una vera opposizione... in questa Italia figlia del consociativismo, in cui la quasi totalità della stampa è in mano a editori politici o in conflitto di interessi (vedi ad esempio De Benedetti)...
Vi sono intenti politici, non informativi in una critica che si sviluppa solo attraverso la denigrazione dell'avversario. Ciò imbarbarisce la politica. Criticare per migliorare necessità di ben altro spessore etico. Chi usa il fango come al Giornale o al FQ combina solo disastri!
La democrazia va difesa da diverse forme di totalitarismi, che spesso nascono come frutto di ideologie prima anarchiche (fase della de ostruzione), e poi nazionalistiche e di egoismo sociale, e che in certi momenti portano alla dittatura. Giornali simili, lavorano per quello.
avatar
einrix

Messaggi : 7937
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 75
Località : Bergamo e Rimini

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il circuito mediatico

Messaggio Da Amiter il Lun 26 Gen 2015, 06:29

... sì, va be', einrix... in Italia 6 milioni di poveri ci sono per colpa della stampa disastrosa... abbiamo capito che la pensi come Gasparri... per adesso i disastri li ha fatti solo la politica...

Mi ricordo che in questa trasmissione si accusava la stampa di "non aver parlato"... il paradosso dei paradossi...





... pietoso Gasparri col suo "chi era il sindaco?... chi era il sindaco?"
avatar
Amiter

Messaggi : 456
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 21

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il circuito mediatico

Messaggio Da Amiter il Lun 26 Gen 2015, 06:31

Orfini e Gasparri uniti contro il nemico comune Gomez... fanno proprio ridere...






... anzi... fate piangere... il 10% degli italiani è nella povertà assoluta per colpa vostra, e voi ve la prendete con Gomez...
avatar
Amiter

Messaggi : 456
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 21

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il circuito mediatico

Messaggio Da einrix il Lun 26 Gen 2015, 09:29

Amiter ha scritto:... sì, va be', einrix... in Italia 6 milioni di poveri ci sono per colpa della stampa disastrosa... abbiamo capito che la pensi come Gasparri... per adesso i disastri li ha fatti solo la politica...

Mi ricordo che in questa trasmissione si accusava la stampa di "non aver parlato"... il paradosso dei paradossi...





... pietoso Gasparri col suo "chi era il sindaco?... chi era il sindaco?"
Vedi il dito, ma non vedi la luna, Amiter.

Se Gomez viene a dire che la stampa se ne occupa nel 2007 (Veltroni sindaco) facendo domande a Tale Buzzi che non sa rispondere, e poi occorre andare tre anni dopo, con un articolo dell'Espresso (Alemanno sindaco) che finisce li, sino al 2014 in cui, Sindaco Marino che va diverse volte al Ministero del Tesoro e dal Magistrato, a chiedere e denunciare quelle cose che danno origine a quei provvedimenti (avvisi di garanzia, arresti e rinvii a giudizio)... E qui siamo ancora al dito, caro Amiter, visto che si parla di manipolazione della verità, come sistema, non come singolo fatto in se, e se ne fa carico il conduttore di quel programma, che sceglie testi e personaggi solo per far saltare fuori il suo teorema. E quella trasmissione è ciò che intende il proprietario di quella televisione per comunicazione politica che faccia i suoi interessi, che con molta probabilità consistono nel seminare antipolitica. Talvolta anche solo per vendere un prodotto multimediale che tira..., ma la cosa non è meno volgare e pericolosa, come per certi rotocalchi scandalistici che puntano sulla morbosità di chi li compera. Come si vede, c'è anche una morbosità metapolitica di gente che capisce poco, ma che crede d'avere capito tutto, a comando! Leggessero qualche libro, userebbero di più la testa e meno la pancia.

Un esempio? Ancora oggi, sempre sul Fango Quotidiano Renzi c'è una decina di volte (controllerò per una settimana, anche per vedere che cambiano i temi e i testi), mentre su la Repubblica c'è solo una volta, sul Corriere tre, sulla Stampa 5, ed anche i contenuti sono totalmente diversi, meno fangosi e più legati alla notizia politica.
avatar
einrix

Messaggi : 7937
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 75
Località : Bergamo e Rimini

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il circuito mediatico

Messaggio Da einrix il Lun 26 Gen 2015, 09:30

Amiter ha scritto:Orfini e Gasparri uniti contro il nemico comune Gomez... fanno proprio ridere...






... anzi... fate piangere... il 10% degli italiani è nella povertà assoluta per colpa vostra, e voi ve la prendete con Gomez...
repetita stufant!
avatar
einrix

Messaggi : 7937
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 75
Località : Bergamo e Rimini

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il circuito mediatico

Messaggio Da Amiter il Lun 26 Gen 2015, 11:37

einrix ha scritto:repetita stufant!
repetita (invece) iuvant sed continuata secant...

Amiter ha scritto:Si dà il caso che Renzi sia il presidente del consiglio italiano... cos'è che non ti è chiaro, einrix?
Quando c'erano Berlusconi, Monti e Letta toccava a loro... forse Letta un po' meno perché almeno non era un cazzaro alla stregua di Renzi... ma Berlusconi probabilmente anche di più, essendo oltretutto un plurinquisito...

Ma tu ti ricordi per quale motivo la stampa tedesca mise alla gogna il ministro Guttemberg alcuni anni fa?... per un motivo che qui in Italia ci si riderebbe sopra... eppure l'hanno costretto alle dimissioni...

Ti ricordi per quale motivo fu chiesto l'impeachment di Clinton... una roba praticamente ridicola se confrontata alla trattativa stato-mafia che ha visto coinvolto Napolitano...



La verità è che non ci siete abituati a una stampa che fa il proprio lavoro, così come non siete abituati ad una vera opposizione... in questa Italia figlia del consociativismo, in cui la quasi totalità della stampa è in mano a editori politici o in conflitto di interessi (vedi ad esempio De Benedetti)...


PS: ti ricordo, comunque, che sull'espresso ci scrive quell'altra macchina del fango di un Marco Damilano...
avatar
Amiter

Messaggi : 456
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 21

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il circuito mediatico

Messaggio Da Amiter il Lun 26 Gen 2015, 13:10

... in quest'altro caso, invece, il merito (merito?... in realtà ha fatto solo il suo dovere di giornailsta) a Scanzi per aver "presentato" questa nuova faccetta pulita alla Renzi girl, che suppongo quasi nessuno conoscesse...

A parte i discorsi sulla farsa delle primarie che non mi appassionano affatto, dato che chiunque può continuare a credere alla Befana, se vuole, e quello che dice Sallusti, che francamente me ne può frega' de meno... è invece interessante quello che Scanzi le spiattella in faccia dal 12'48" in poi...





Questa "signorina" che viene spacciata come il cambiamento, fa politica praticamente da quando è nata.
Dal 2010 è assessore regionale alle infrastrutture della giunta Burlando, stesso incarico ricoperto in precedenza dal marito, un certo Luigi Merlo, ex DC (!) e anche direttore del porto di Genova... poi qualcuno si stupisce su come mai la sinistra non ha mai fatto una legge sul conflitto di interessi...
Pare inoltre che il marito di quest'altra graziosa donzella nel 2007 abbia intrattenuto delle telefonate avvenute con un certo Gino Mamone, ritenuto vicino alle cosche calabresi da informativa della DIA del 2002, e attualmente in carcere...

In tutti questi anni (dice Scanzi) in Liguria è successo di tutto: 2 vicepresidenti messi in carcere, il 40% sotto inchiesta per spese pazze, e... "ci fosse stata mezza volta che l'assessore Paita si sia accorta di qualcosa!"

A sua discolpa la Paita, oltre alle solite vuote chiacchiere in politichese, non ha da dire altro che lei ha un largo consenso (Berlusconi docet!) e che il marito si dimetterà (futuro!... no, ci tengo a precisarlo perché einrix è molto attento alle coniugazioni)...



... eh lo so, einrix... che a te piace il giornalismo servile della Gruber che le va in soccorso arrivando anche a cambiare discorso per distogliere l'attenzione dagli argomenti scomodi...
E poi tanto tu hai già detto che non ti importa nulla della Paita perché tu vivi in un'altra regione, giusto?
Però non sapevo che tu vivessi a Roma, visto che di Alemanno invece ti interessi eccome...

Ma non ti preoccupare, piano-piano scoprirai anche tu che il giornalismo vero è un'altra cosa... specie se ti sveglierai da questo lungo sonno...


Buona giornata...
avatar
Amiter

Messaggi : 456
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 21

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il circuito mediatico

Messaggio Da einrix il Lun 26 Gen 2015, 16:39

Amiter ha scritto:... in quest'altro caso, invece, il merito (merito?... in realtà ha fatto solo il suo dovere di giornailsta) a Scanzi per aver "presentato" questa nuova faccetta pulita alla Renzi girl, che suppongo quasi nessuno conoscesse...

A parte i discorsi sulla farsa delle primarie che non mi appassionano affatto, dato che chiunque può continuare a credere alla Befana, se vuole, e quello che dice Sallusti, che francamente me ne può frega' de meno... è invece interessante quello che Scanzi le spiattella in faccia dal 12'48" in poi...





Questa "signorina" che viene spacciata come il cambiamento, fa politica praticamente da quando è nata.
Dal 2010 è assessore regionale alle infrastrutture della giunta Burlando, stesso incarico ricoperto in precedenza dal marito, un certo Luigi Merlo, ex DC (!) e anche direttore del porto di Genova... poi qualcuno si stupisce su come mai la sinistra non ha mai fatto una legge sul conflitto di interessi...
Pare inoltre che il marito di quest'altra graziosa donzella nel 2007 abbia intrattenuto delle telefonate avvenute con un certo Gino Mamone, ritenuto vicino alle cosche calabresi da informativa della DIA del 2002, e attualmente in carcere...

In tutti questi anni (dice Scanzi) in Liguria è successo di tutto: 2 vicepresidenti messi in carcere, il 40% sotto inchiesta per spese pazze, e... "ci fosse stata mezza volta che l'assessore Paita si sia accorta di qualcosa!"

A sua discolpa la Paita, oltre alle solite vuote chiacchiere in politichese, non ha da dire altro che lei ha un largo consenso (Berlusconi docet!) e che il marito si dimetterà (futuro!... no, ci tengo a precisarlo perché einrix è molto attento alle coniugazioni)...



... eh lo so, einrix... che a te piace il giornalismo servile della Gruber che le va in soccorso arrivando anche a cambiare discorso per distogliere l'attenzione dagli argomenti scomodi...
E poi tanto tu hai già detto che non ti importa nulla della Paita perché tu vivi in un'altra regione, giusto?
Però non sapevo che tu vivessi a Roma, visto che di Alemanno invece ti interessi eccome...

Ma non ti preoccupare, piano-piano scoprirai anche tu che il giornalismo vero è un'altra cosa... specie se ti sveglierai da questo lungo sonno...


Buona giornata...
Cerca lo scandalo su Grillo, su Vendola e vedrai che trovi fango anche per loro, per non parlare di quel visionario di Casaleggio che crede nel determinismo della storia e come Nostradamus l'ha già tracciata per i prossimi milioni di anni. Quello è un modo sbagliato, quando non sia criminale, di fare politica con l'informazione asimmetrica e talvolta anche distorta, specie quando è fatta di insinuazione, di si dice, eccetera. Proprio come lo spiega bene Umberto Eco.
Una delle perversioni della democrazia è proprio questa tendenza a sputtanare i politici. La tendenza è iniziata negli Stati Uniti, con gli scandali di Nixon, per finire a quelli privati di Klinton, e continua con la robaccia che fai circolare anche tu, Amiter, animato dagli stessi scopi (?). La politica dovrebbe essere altra cosa, ma ormai chi è corrotto da questo modo di fare, non potrà più disintossicarsi. Lo stesso Umberto Eco ricorda che una volta ai presidenti, gli si sparava: quella era politica, specie se non lo si faceva con i complotti dei servizi segreti. Adesso li si ricopre di fango, e nel tempo che essi impiegano a ripulirsi, un altro, gli si ruba il risultato elettorale. Anche da noi le elezioni vanno così con i Fango Quotidiano sempre pronti all'azione ed una riserva di notizie pronte all'uopo.
E' questo ciò che vuole dire Umberto Eco, con il suo saggio su certa stampa di oggi. Ma ci vuole così tanto a capirlo?
avatar
einrix

Messaggi : 7937
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 75
Località : Bergamo e Rimini

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il circuito mediatico

Messaggio Da Amiter il Mar 27 Gen 2015, 19:06

Funari diceva (non a caso riferendosi proprio a Travaglio e Gomez) che alcuni giornalisti possono sembrare cattivi nei confronti di questo o quel personaggio, ma appaiono esclusivamente cattivi SOLO a coloro che sono di partema se tu sei una persona intelligente... dopo averli letti me telefoni e me dici pe' chi voti... perché lo voijo sape', eh?!

einrix... abbiamo capito che per te, laddove ti conviene (chissà perché, poi?) tenere spenta la tua intelligenza, è normale che marito e moglie si rimpallino l'assessorato alle infrastrutture di una regione... specie perché il marito è anche il direttore del maggiore porto italiano... ed è puro fango quotidiano se qualcuno si azzarda a denunciarlo come un caso di conflitto di interessi...
E a quanto pare consideri anche normale che i politici parlino con gente segnalata da anni dalla DIA... ma forse no, altrimenti non ti dedicheresti a screditare chi lo denuncia...
Non so se anche a Eco, laddove anch'egli ritenga conveniente (chissà perché, poi?) tenere spenta la propria intelligenza, piaccia l'omertà... una cosa è certa: l'omertà è MAFIA!
Se c'è da dire qualcosa su Grillo e Casaleggio la si dica... non mi importa mica nulla...
Su Vendola è già stato detto quanto mi basta per non considerarlo un personaggio appropriato ad amministrare la cosa pubblica... la cosa strana è che sembra che tu faccia una sorta di legame di sangue con chiunque vada a governare qualcosa (ovviamente se è del tuo partito)... NON DEVE ESSERE COSI'! E non farti incantare da chi ti vuole far credere che non ci sarebbe nessun altro da mettere al suo posto... anche perché, se così fosse, staremmo messi molto-molto peggio di quello che sembra...
Quanto a Clinton... a suo tempo feci il militare nei carabinieri, e ricordo che un carabiniere in servizio già da diversi anni fu trasferito perché il comando scoprì che egli intratteneva una relazione extraconiugale con una donna che abitava nei pressi della caserma... in effetti si riteneva che quella non fosse una condotta esemplare per un carabiniere... ma secondo la mentalità dei sudditi, i potenti possono tutto, giusto?
E poi Clinton, più che per il fatto che se la faceva con una stagista, fu messo alla gogna perché aveva mentito al popolo americano... tu invece sei abituato ai politici che sparano cazzate a raffica, e ti piace così... del resto è sempre una questione di gusti...
avatar
Amiter

Messaggi : 456
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 21

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il circuito mediatico

Messaggio Da einrix il Mar 27 Gen 2015, 19:43

Amiter ha scritto:Funari diceva (non a caso riferendosi proprio a Travaglio e Gomez) che alcuni giornalisti possono sembrare cattivi nei confronti di questo o quel personaggio, ma appaiono esclusivamente cattivi SOLO a coloro che sono di partema se tu sei una persona intelligente... dopo averli letti me telefoni e me dici pe' chi voti... perché lo voijo sape', eh?!

einrix... abbiamo capito che per te, laddove ti conviene (chissà perché, poi?) tenere spenta la tua intelligenza, è normale che marito e moglie si rimpallino l'assessorato alle infrastrutture di una regione... specie perché il marito è anche il direttore del maggiore porto italiano... ed è puro fango quotidiano se qualcuno si azzarda a denunciarlo come un caso di conflitto di interessi...
E a quanto pare consideri anche normale che i politici parlino con gente segnalata da anni dalla DIA... ma forse no, altrimenti non ti dedicheresti a screditare chi lo denuncia...
Non so se anche a Eco, laddove anch'egli ritenga conveniente (chissà perché, poi?) tenere spenta la propria intelligenza, piaccia l'omertà... una cosa è certa: l'omertà è MAFIA!
Se c'è da dire qualcosa su Grillo e Casaleggio la si dica... non mi importa mica nulla...
Su Vendola è già stato detto quanto mi basta per non considerarlo un personaggio appropriato ad amministrare la cosa pubblica... la cosa strana è che sembra che tu faccia una sorta di legame di sangue con chiunque vada a governare qualcosa (ovviamente se è del tuo partito... NON DEVE ESSERE COSI'! E non farti incantare da chi ti vuole far credere che non ci sarebbe nessun altro da mettere al suo posto... anche perché, se così fosse, staremmo messi molto-molto peggio di quello che sembra...
Quanto a Clinton... a suo tempo feci il militare nei carabinieri, e ricordo che un carabiniere in servizio già da diversi anni fu trasferito perché il comando scoprì che egli intratteneva una relazione extraconiugale con una donna che abitava nei pressi della caserma... in effetti si riteneva che quella non fosse una condotta esemplare per un carabiniere... ma secondo la mentalità dei sudditi, i potenti possono tutto, giusto?
E poi Clinton, più che per il fatto che se la faceva con una stagista, fu messo alla gogna perché aveva mentito al popolo americano... tu invece sei abituato ai politici che sparano cazzate a raffica, e ti piace così... del resto è sempre una questione di gusti...
Per conto mio hai perso la circonferenza del pallone. Un giornalista può dire tutto quello che vuole, ma fa bene il suo lavoro se non fa quello del magistrato e del politico, proprio come il magistrato fa bene il suo lavoro se non fa quello del giornalista e del politico. E' la legge che prescrive se c'è o non c'è compatibilità tra una certa cosa, una certa situazione ed un incarico. Se non ci sono proibizioni, uno fa quello che vuole, specie se non reca danno ad alcuno. Un giornalista può dire che Tizio che fa questo e coniuge di Caio che fa quest'altro: è una notizia! Ma non può fare campagna elettorale contro Tizio perché è coniuge di Caio, e non può neppure diffamarlo, insinuando delitti futuri. Le nomine passano attraverso il tribunale che analizza le schede votate, i voti presi e lo status di chi viene eletto. Non è mica una roba tra-me-e-te.

Ma che te lo dico a fare, le idee, specie quelle sbagliate, pesano più delle pietre!

Travaglio e Gomez non fanno i giornalisti per informare, ma fanno i giornalisti per fare politica. Sono dei politici che aizzano la piazza. Tra l'altro, in conflitto di interesse, proprio perché a quel modo alimentano i propri lettori di libri e giornali, con relativo conto in Banca. E venderebbero meno senza il Fango Quotidiano. Poi ci si meraviglia che si riempia il Parlamento di buzzurri simili:


Viva l'Italia.
avatar
einrix

Messaggi : 7937
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 75
Località : Bergamo e Rimini

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il circuito mediatico

Messaggio Da Amiter il Mar 27 Gen 2015, 19:49

... in pratica stai dicendo che un giornalista può dire quello che vuole, però se sa di un conflitto di interesse, o che un politico parla con un mafioso NON DEVE DIRLO perché altrimenti sta facendo campagna elettorale contro...

Ma che ti sei bevuto stasera, einrix?


La diffamazione lasciamola perdere, perché se un giornalista diffama si becca come minimo una querela...
avatar
Amiter

Messaggi : 456
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 21

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il circuito mediatico

Messaggio Da einrix il Mer 28 Gen 2015, 12:24

Amiter ha scritto:... in pratica stai dicendo che un giornalista può dire quello che vuole, però se sa di un conflitto di interesse, o che un politico parla con un mafioso NON DEVE DIRLO perché altrimenti sta facendo campagna elettorale contro...

Ma che ti sei bevuto stasera, einrix?


La diffamazione lasciamola perdere, perché se un giornalista diffama si becca come minimo una querela...
Può dirlo, anzi, deve dirlo, ma quando lo ha detto una volta basta! Almeno, a me basta. 
Mi pare che invece a te serva un rinforzo giornaliero perché altrimenti te ne scordi, oppure continui ad avere dei dubbi. Ma così costringi un giornalista a farti da rinforzo di memoria, trasformandolo in qualcosa di diverso da chi da le notizie.
Se poi quel giornalista è un furbo a tre cotte, può anche pensare: guarda un po questo tipo. O è un po corto di memoria, oppure ha qualche difficoltà a decidere se è cosa buona o cattiva. Sai che faccio? Io insisto, così mi rilegge anche domani sempre alla ricerca degli stessi stimoli. Che mi frega se anziché dare notizie, rinforzo idee e pensieri, l'importante è che mi paghino.
Senza contare di cos'altro si può fare con i giornali e la televisione, per tenere buona la gente, per farla agitare, sempre in funzione di certi interessi.

Quando di quel tal candidato mi si dice una volta che è coniuge di quell'altro che fa un certo mestiere, quello che immediatamente dopo vorrei sapere è se l'uno e l'altro sono onesti, se vi sono delle regole o delle leggi che ostano. Se mi si dice che sono onesti e che non vi è nessuna legge che osta per la candidatura, posso anche dire: visto che è del mio partito, lo voto. Se mi si dice che sono disonesti, però me lo si deve spiegare, non supporre, e ci devono essere i precedenti veri. Se non c'è nulla di tutto ciò, allora siamo al limite del Giornale Libero, Fango Quotidiano, e le cose da denuncia sono l'insistere con certe notizie diffamatorie. Ovviamente Eco ci insegna come si evita la condanna, con le insinuazioni fatte fare da altri intervistati casualmente per strada.

Ad ogni modo, anche oggi in prima pagina del Fatto Quotidino, c'è Renzi dieci volte, di cui solo un paio con notizie politiche fresche, le altre otto sono il riciccio dei giorni precedenti in formato "discredito". Nulla di simile in altri giornali: neppure sul Giornale (5), e su Libero (zero).
avatar
einrix

Messaggi : 7937
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 75
Località : Bergamo e Rimini

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il circuito mediatico

Messaggio Da Rossoverde il Mer 28 Gen 2015, 13:22

einrix ha scritto:
Può dirlo, anzi, deve dirlo, ma quando lo ha detto una volta basta! Almeno, a me basta. 
Mi pare che invece a te serva un rinforzo giornaliero perché altrimenti te ne scordi, oppure continui ad avere dei dubbi. Ma così costringi un giornalista a farti da rinforzo di memoria, trasformandolo in qualcosa di diverso da chi da le notizie.
Se poi quel giornalista è un furbo a tre cotte, può anche pensare: guarda un po questo tipo. O è un po corto di memoria, oppure ha qualche difficoltà a decidere se è cosa buona o cattiva. Sai che faccio? Io insisto, così mi rilegge anche domani sempre alla ricerca degli stessi stimoli. Che mi frega se anziché dare notizie, rinforzo idee e pensieri, l'importante è che mi paghino.
Senza contare di cos'altro si può fare con i giornali e la televisione, per tenere buona la gente, per farla agitare, sempre in funzione di certi interessi.

Quando di quel tal candidato mi si dice una volta che è coniuge di quell'altro che fa un certo mestiere, quello che immediatamente dopo vorrei sapere è se l'uno e l'altro sono onesti, se vi sono delle regole o delle leggi che ostano. Se mi si dice che sono onesti e che non vi è nessuna legge che osta per la candidatura, posso anche dire: visto che è del mio partito, lo voto. Se mi si dice che sono disonesti, però me lo si deve spiegare, non supporre, e ci devono essere i precedenti veri. Se non c'è nulla di tutto ciò, allora siamo al limite del Giornale Libero, Fango Quotidiano, e le cose da denuncia sono l'insistere con certe notizie diffamatorie. Ovviamente Eco ci insegna come si evita la condanna, con le insinuazioni fatte fare da altri intervistati casualmente per strada.

Ad ogni modo, anche oggi in prima pagina del Fatto Quotidino, c'è Renzi dieci volte, di cui solo un paio con notizie politiche fresche, le altre otto sono il riciccio dei giorni precedenti in formato "discredito". Nulla di simile in altri giornali: neppure sul Giornale (5), e su Libero (zero).
Non t'ho letto tutto , ho fretta, mia moglie m'aspetta, certo che libero e il giornale abbiano limitato le critiche a Renzi, è il nuovo socio in affari con il loro padrone.
avatar
Rossoverde

Messaggi : 1007
Data d'iscrizione : 05.06.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il circuito mediatico

Messaggio Da einrix il Mer 28 Gen 2015, 15:15

Rossoverde ha scritto:
Non t'ho letto tutto , ho fretta, mia moglie m'aspetta, certo che libero e il giornale abbiano limitato le critiche a Renzi, è il nuovo socio in affari con il loro padrone.
Questa te la passo, è buona!
Non so chi altri stiano prendendo di mira in questo momento. Non sono un loro assiduo lettore.

Buon passeggio.
avatar
einrix

Messaggi : 7937
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 75
Località : Bergamo e Rimini

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il circuito mediatico

Messaggio Da einrix il Mer 28 Gen 2015, 20:11

Questo è il FQ televisivo:

https://www.youtube.com/watch?v=HBxiR7cno_w


Ma che gente è quella che lo ascolta?


Ad ogni modo se uno vuole informarsi, c'è il Parlamento con il suo stato di avanzamento dei lavori, ed il Governo che mantiene aggiornato  il sito:
http://passodopopasso.italia.it/web/passo-dopo-passo

Insomma, le informazioni e le notizie le danno tutti meno che i giornalisti, mentre loro si divertono a fare propaganda politica per gli interessi dell'uno o dell'altro, quando non siano direttamente i propri.
avatar
einrix

Messaggi : 7937
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 75
Località : Bergamo e Rimini

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il circuito mediatico

Messaggio Da Amiter il Mer 28 Gen 2015, 22:36

einrix ha scritto:Può dirlo, anzi, deve dirlo, ma quando lo ha detto una volta basta! Almeno, a me basta.
Non ti preoccupare, che tanto "quelle cose" non le dicono per te, che, come dicevo prima, accendi l'intelligenza a targhe alterne, a seconda del pregiudizio che hai nei confronti di chi scrive...
Se una cosa è giusto dirla una volta è ancora più giusto dirla dieci volte... anche se a te dà fastidio...
Purtroppo, che gli Italiani sono duri di comprendonio (non è il tuo caso, per carità... tu sei irrecuperabile!) l'abbiamo visto con Berlusconi... il Fango quotidiano (ma in quel caso non solo) lo sputtanava e la gente continuava a votarlo...

Senza contare di cos'altro si può fare con i giornali e la televisione, per tenere buona la gente, per farla agitare, sempre in funzione di certi interessi.
... ce lo vuoi dire una volta per tutte quali sono questi "certi interessi"??... visto che pure tu hai bisogno di ripetere allo sfinimento le tue "notiziole"?

Ad ogni modo, anche oggi in prima pagina del Fatto Quotidino, c'è Renzi dieci volte, di cui solo un paio con notizie
politiche fresche, le altre otto sono il riciccio dei giorni precedenti in formato "discredito".
... veramente c'era anche un articolo dei cento e passa arresti in Emilia Romagna, tra i quali anche un consigliere di Forza Italia... in particolare quest'ultima cosa è stata ripetuta una decina di volte...
Ma tanto i 4 elettori di Forza italia rimasti sono di coccio quasi quanto quelli del PD...
Però, chissà... magari dagli e dagli ci capirete qualcosa pure voi, prima o poi...



einrix ha scritto:Questo è il FQ televisivo:

https://www.youtube.com/watch?v=HBxiR7cno_w


Ma che gente è quella che lo ascolta?


Ad ogni modo se uno vuole informarsi, c'è il Parlamento con il suo stato di avanzamento dei lavori, ed il Governo che mantiene aggiornato  il sito:
http://passodopopasso.italia.it/web/passo-dopo-passo

Insomma, le informazioni e le notizie le danno tutti meno che i giornalisti, mentre loro si divertono a fare propaganda politica per gli interessi dell'uno o dell'altro, quando non siano direttamente i propri.
... invece di postare quel sito propagandistico, potresti postare direttamente il link della Gazzetta ufficiale, o quello delle dirette dal Parlamento... che sono decisamente più significativi...
avatar
Amiter

Messaggi : 456
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 21

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il circuito mediatico

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 2 di 3 Precedente  1, 2, 3  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum