Episodi o strategia in atto?

Pagina 7 di 9 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da einrix il Dom 05 Feb 2017, 09:30

05/02/2017 09:43
Iran darà visti a squadra Usa wrestling

 L'Iran rilascerà i visti per la squadra
 americana di wrestling, revocando la   
 precedente decisione di non concederli 
 presa per reagire al bando emanato da  
 Trump all'ingresso negli Stati Uniti di
 cittadini di sette paesi musulmani, tra
 cui la Repubblica islamica.            

 La nuova iniziativa è stata presa "in  
 seguito alla decisione con cui un tri- 
 bunale ha sospeso il #MuslimBan...", ha
 scritto su Twitter il ministro degli E-
 steri, Zarif. I mondiali di wrestling  
 si terranno il 16 e 17 febbraio.

Bravi! Ma meno bravi perché vi attaccate alla scusa del tribunale che ha revocato il decreto.
Trump lo si batte facendo spallucce, molto più che affrontandolo di petto, dato che è un avversario che dispone di una forza notevole. Poiché i primi danni li farà negli Stati Uniti, bisogna aiutare moralmente e psicologicamente proprio i cittadini democratici degli Stati Uniti, a reagire. Finanziare l'opposizione costa meno di altri provvedimenti, ma non fatelo direttamente. Usate Babbo Natale e la Befana, con donazioni mirate anonime, per perseguire quello scopo. Se questa america fascista non implode dall'interno, dall'esterno non la si scalfisce. Buona fortuna.
avatar
einrix

Messaggi : 7546
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 74
Località : Bergamo e Rimini

Tornare in alto Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da einrix il Sab 11 Feb 2017, 22:22

11/02/2017 20:23
Iran: ok caccia russi per raid in Siria

 La Russia potrebbe utilizzare lo spazio
 aereo iraniano per lanciare raid in    
 Siria contro "obiettivi terroristici". 

 Lo ha affermato l'ammiraglio Ali Sham- 
 kani, segretario del Supremo Consiglio 
 di Sicurezza.                          

 L'Iran "non esclude" tale utilizzo in  
 quanto effetto della decisione comune  
 di combattere "sul terreno il terrori- 
 smo".                                  

 Possibili dunque incursioni dei caccia 
 russi nei cieli iraniani. 

Così l'Iran stringe una più stretta alleanza con Mosca, e se anche la Turchia diventa della partita, addio fianco sud della NATO e la storia delle alleanze in Medio Oriente è tutta da riscrivere. Gli stati Uniti con una pedina in Israele e l'altra in Arabia, cerca di tenere la partita aperta, ma alimentare le tensioni a due passi da casa nostra, produrrà malumori in Grecia, in Italia e Francia. Insomma, ogni mossa ha una contro mossa.
avatar
einrix

Messaggi : 7546
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 74
Località : Bergamo e Rimini

Tornare in alto Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da einrix il Dom 12 Feb 2017, 09:22

12/02/2017 09:36
Baghdadi, capo Isis è fuggito in Siria

 Il capo dell'Isis,Abu Bakr al Baghdadi,
 non è più in Iraq ed è fuggito in Siria
 tagliando i suoi contatti con i "coman-
 danti inesperti" che sono ancora a Mo- 
 sul.                                   

 La conferma della fuga in Siria di al  
 Baghdadi è arrivata da Abdolkarim      
 Khalafl, generale dei servizi di sicu- 
 rezza iracheni Abdolkarim Khalaf, come 
 ri portato dall'agenzia iraniana Fars. 
 Secondo quanto riferito, al Baghdadi   
 sarebbe fuggito "con alcuni alti coman-
 danti dell'Isis" dalla parte occidenta-
 le di Mosul verso i confini siriani.

E' ora che si completi l'offensiva contro Isis anche in Siria. E il peso maggiore dovrà ricadere sull'aviazione russa. Le recenti notizie che riferiscono del benestare iraniano ai voli di trasferimento dei bombardieri russi, sul loro territorio, potrebbe essere un tassello della definitiva strategia che si sta mettendo a punto, unitamente alle trattative con i ribelli siriani, non mercenari al servizio degli Stati Uniti e dell'Arabia Saudita. L'unico problema che con Obama era insolubile è quello dei curdi. Si dovrà vedere quali accordi prenderà l'amministrazione americana tenendo conto della loro aspirazione ad uno stato indipendente. Ma per i curdi, se si parla di stato indipendente, la parte più cospicua di territorio è in Iraq e in Turchia, non certo in Siria. Ragion per cui, questo problema, per'altro esistente, avrà poca influenza in Siria, pur generando comunque l'atteggiamento che terranno gli statunitensi.
avatar
einrix

Messaggi : 7546
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 74
Località : Bergamo e Rimini

Tornare in alto Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da einrix il Ven 24 Feb 2017, 16:20

Francesca Paci ha scritto uno zibaldone, che solo in parte riflette quello che abbiamo visto in questi ultimi due anni:


http://www.lastampa.it/2016/11/09/esteri/speciali/presidenziali-usa-2016/medioriente-a-stelle-e-strisce-el-sisi-chiama-trump-e-assad-applaude-cupe-le-opposizioni-sM2VlEGKz827FoJALuoolO/pagina.html
avatar
einrix

Messaggi : 7546
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 74
Località : Bergamo e Rimini

Tornare in alto Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da einrix il Dom 26 Feb 2017, 12:16

26/02/2017 12:08
Iraq,militari prendono zona Mosul ovest

 La polizia militare irachena ha ricon- 
 quistato un quartiere nella parte occi-
 dentale di Mosul, dopo violenti scontri
 con l'Isis. Lo ha dichiarato un alto   
 comandante della polizia federale.     

 I jihadisti dell'Isis hanno utilizzato 
 almeno 10 kamikaze con autobomba, ma 9 
 di loro sono saltati in aria prima di  
 raggiungere gli obiettivi. Il decimo ha
 ucciso due poliziotti e altri 5 sono   
 rimasti feriti.

Il ritardo su Raqqa ci dice che l'esercito siriano è in difficoltà.
Forse la Russia e la Turchia vogliono vedere bene quali saranno gli sviluppi della politica di Trump verso quell'area Medio Orientale e si danno un po di tempo. Ma è tutto tempo perso. Il triangolo USA-Arabia Saudita-Israele non smobilita. Quindi, per la Siria, l'Iraq, il Libano e l'Iran ci sarà sempre il pericolo di nuovi conflitti provocati proprio da questi terroristi di stato che sono gli statunitensi, i sauditi e gli israeliani.
avatar
einrix

Messaggi : 7546
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 74
Località : Bergamo e Rimini

Tornare in alto Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da einrix il Mer 01 Mar 2017, 22:57

01/03/2017 23:33
Iraq,Al Baghdadi ammette sconfitta Isis

 Messaggio d'addio di al-Baghdadi. In un
 video inviato ai combattenti, avrebbe  
 ammesso la sconfitta dell'autoproclama-
 to Stato Islamico in Iraq e avrebbe e- 
 sortato i seguaci a nascondersi o fug- 
 gire. Così la tv irachena Alsumaria,ci-
 tata da Al Arabiya, facendo riferimento
 fonti locali non verificabili.         

 Per le fonti, nel discorso, al-Baghdadi
 avrebbe ordinato ai foreign fighters di
 ritornare nei Paesi di origine e farsi 
 esplodere in attentati. Molti jihadisti
 e comandanti Isis hanno già abbandonato
 le aree che una volta controllavano.

Adesso, tutti alla caccia di al-Baghdadi... E in Siria? Vale quella smobilitazione anche per la Siria? Sarebbe un affare per il governo siriano. Restano i mercenari francesi, tedeschi, inglesi, russi che di sicuro non prendono il vitalizio, per le loro gesta...Come si farà a rintracciarli e metterli nelle condizioni di non fare danni. In teoria si dovrebbero conoscere già tutti i loro nomi. Mica sparisce la gente che ha documenti di identità e passaporti. Ma credo che molti stati come la Francia e la Gran Bretagna, chiuderanno un occhio. In fondo hanno combattuto anche per loro.
avatar
einrix

Messaggi : 7546
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 74
Località : Bergamo e Rimini

Tornare in alto Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da einrix il Mar 14 Mar 2017, 09:23

14/03/2017 03:40
Terrorismo,ok ad attacchi Cia con droni

 Il presidente Trump, ha dato nuovi po- 
 teri alla Cia per effettuare attacchi  
 con droni contro sospetti terroristi.  
 Lo scrive il Wsj, citando dirigenti Usa

 Se confermata, questa decisione segne- 
 rebbe un cambio della politica di Obama
 che aveva limitato il ruolo della Cia  
 alla fase di ricognizione: l'esecuzione
 dei raid spettava poi al Pentagono, che
 a differenza della Cia deve rendere    
 conto delle sue missioni e delle even- 
 tuali morti di civili. Al momento Nes- 
 sun commento è arrivato da Casa Bianca,
 Dipartimento della Difesa e Cia.

In fondo, i veri terroristi sono i Bush e i Trump, ed il loro braccio armato sono i servizi segreti, le forze armate, la polizia che ammazza per strada seicento persone l'anno. Peggio della Russia di Stalin, e la chiamano democrazia. Non direi così se non avessero addestrato loro e diretto, i Talebani, quando servivano contro la Russia, e non direi così se non avessero addestrato quelli che hanno distrutto la Siria, e che in parte sono finiti nell'Isis.
avatar
einrix

Messaggi : 7546
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 74
Località : Bergamo e Rimini

Tornare in alto Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da einrix il Mar 14 Mar 2017, 16:38

http://www.lastampa.it/2016/10/13/esteri/ecco-lultima-mossa-di-putin-i-par-si-eserciteranno-a-elalamein-MqdzNYLBRYesBSmYH8DTUI/pagina.html

http://www.lastampa.it/2017/03/14/esteri/egitto-truppe-speciali-russe-vicino-al-confine-con-la-libia-6qiguMSxkgMGR7YhYPhWmJ/pagina.html

Questi due articoli danno il tono degli sviluppi che si stanno avviando in questo mondo del terzo millennio. é vero che i russi investono nella difesa meno di cento miliardi contro i seicento degli USA, ma sono forze armate che hanno per obiettivo la difesa del proprio territorio, senza contare che possiedono la deterrenza atomica per conflitti più impegnativi. Gli USA al contrario, non devono difendere il loro territorio, ma hanno eserciti e flotte, sparsi su tutto il Globo. Il tutto costa moltissimo. Per la Russia il pericolo più grande è rappresentato dall'Europa che di fatto ha instaurato una nuova cortina di ferro e di conflitti. Per ora, con la Cina non ci sono punti di divergenza, anche se in futuro, una certa fame di territorio potrebbe aprire un fronte anche in Siberia. A sud, in Asia, ormai è circondato da stati cuscinetto che di fatto rappresentano una protezione, con l'eccezione della zona dei Carpazi dove già in passato, si è aperto qualche conflitto (Georgia), appoggiato prontamente dagli stati europei.
avatar
einrix

Messaggi : 7546
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 74
Località : Bergamo e Rimini

Tornare in alto Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da einrix il Ven 17 Mar 2017, 09:06

17/03/2017 08:55
Siria, Israele usa sistema antimissili

 Nello scontro della notte scorsa (con- 
 siderato il più grave dall'inizio della
 guerra civile in Siria),Israele ha usa-
 to per la prima volta il sistema di di-
 fesa antimissili Arrow-3 per contrasta-
 re un razzo lanciato dall'antiarea si- 
 riana dopo un'incursione dell'aviazione
 dello stato ebraico.                   

 La radio militare parla di "notte dram-
 matica".Il sistema Arrow intercetta e  
 distrugge missili balistici. Da fonti  
 arabe si apprende che gli aerei israe- 
 liani hanno colpito "sistemi sofistica-
 ti di combattimento" situati in Siria.

Ecco chi organizzava e finanziava, insieme a sauditi, statunitensi e britannici, il terrorismo in Siria. Credo che la Siria abbia il diritto di finanziare il terrorismo in Israele.

Sono l'Arabia Saudita e la Siria i veri ed immediati nemici della Siria e di quel movimento irredentista arabo interpretato da Nasser ormai mezzo secolo fa, e che non ha niente a che vedere con l'integralismo islamico o ebraico che è semplicemente un ritorno al Medio Evo dell'ideologia imperialista.
avatar
einrix

Messaggi : 7546
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 74
Località : Bergamo e Rimini

Tornare in alto Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da einrix il Mer 22 Mar 2017, 17:45

Non siamo in M.O., siamo in Italia, ma i protagonisti sono sempre gli stessi:


22/03/2017 18:25
Fiumicino, bomba pacco da Sigonella-Usa

 Una bomba a mano disinnescata ma carica
 di esplosivo è stata rinvenuta in un   
 pacco postale pronto per essere carica-
 to in un volo misto-merci e passeggeri-
 diretto a Roma Fiumicino. Proveniva    
 dalla base Usa di Sigonella.           

 Il plico, scoperto dal personale di si-
 curezza dello scalo 'Leonardo da Vin-  
 ci', era stato consegnato al Terminal  
 merci dello scalo Fontanarossa di Cata-
 nia da uno spedizioniere ed era diretto
 negli Stati Uniti.

Non sottovaluterei quello che considero un atto da strategia della tensione alla Trump, in vista delle commemorazioni dei sessant'anni dei trattati di Roma e del G7 o 8 di Taormina. Visto che la bomba era disinnescata, si tratta di un atto di intimidazione che viene proprio da un addetto della base americana.
avatar
einrix

Messaggi : 7546
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 74
Località : Bergamo e Rimini

Tornare in alto Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da einrix il Mer 22 Mar 2017, 22:41

22/03/2017 23:08
Londra, May: "Atto odioso e disgustoso"
 La premier britannica Theresa May con- 
 danna con fermezza l'attentato compiuto
 davanti al Parlamento di Londra.       

 "Un attacco terroristico disgustoso e  
 odioso", ha ammonito May, nel discorso 
 in diretta tv da Downing Street, al    
 termine del vertice antiterrorismo.    
 "E' stato colpito il cuore della nostra
 capitale". "Ogni tentativo di sconfig- 
 gere i nostri valori è destinato al    
 fallimento", ha assicurato. Poi ha con-
 fermato il numero delle vittime ed an- 
 nunciato che il livello di allerta re- 
 sta elevato('severe'),a livello 4 su 5.

Chi semina vento raccoglie tempesta, cara May. I tuoi predecessori hanno addestrato ed armato i terroristi di Al Qaeda, e gran parte di quelli che hanno insanguinato la Siria, e forse tu stai continuando ancora ad addestrare altri terroristi, allo scopo di seminare altra morte, tutto sommato è il meno che ti possa capitare. Ho pietà per le vittime, ma considero le tue, le lacrime di un coccodrillo assassino.

Noi in Europa non ne possiamo più della strategia della tensione che avete messo in piedi, per indebolirci, e non ne possiamo più di avere la guerra ai confini, per colpa vostra. Noi aspiriamo alla pace nella libertà, costasse un'altra guerra.
avatar
einrix

Messaggi : 7546
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 74
Località : Bergamo e Rimini

Tornare in alto Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da einrix il Gio 23 Mar 2017, 09:28




In fondo, cari britannici e statunitensi, quei terroristi li avere addestrati voi come mercenari, promettendogli mari e monti, e quando non servivano più, in Afganistan o in Siria, li avere prima abbandonati, e poi, quando hanno dato in escandescenza, tagliando teste in tute arancioni o seminando il terrore a Parigi o tra i curdi, avete cominciato a bombardarli. E' così che sono cadute le Torri Gemelle, ed è così che cittadini di religione islamica, radicalizzati, francesi, belgi o britannici usati come mercenari esprimono il loro disappunto, fatto anche di frustrazione per essere nei vostri paesi cittadini di serie zeta. Adesso godeteveli, sono tutti vostri e del vostro sgradevole imperialismo.


http://www.lastampa.it/2017/03/23/esteri/londra-attacco-al-parlamento-blitz-della-polizia-nella-notte-MiSGQ6nlC4vI5gfCEmpSUN/pagina.html
avatar
einrix

Messaggi : 7546
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 74
Località : Bergamo e Rimini

Tornare in alto Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da einrix il Gio 23 Mar 2017, 17:40

23/03/2017 16:58
Killer Londra è Khalid Masood, 52 anni

 E' stato identificato l'uomo protagoni-
 sta dell'attacco di ieri a Westminster,
 a Londra.                              

 Si chiamava Khalid Masood, 52 anni, era
 nato nel Kent.Lo rende noto la polizia.
 Risiedeva nella contea di West Midlands
 che include Birmingham, dove nella not-
 te sono state eseguite perquisizioni e 
 arresti.                               

 In passato, l'uomo era stato condannato
 per aggressione,possesso di armi e rea-
 ti di ordine pubblico. Non aveva con-  
 danne per terrorismo. 

Chissà come mai questi britannici diventino dei terroristi. Dovete trattarli davvero come pezze da piedi. Poi non c'è da meravigliarsi se provano risentimento. Se si aggiunge che molti di loro li avete assoldati come mercenari e li avete mandati a morire in Siria, non mi pare strano che abbiano ulteriori ragioni per reagire contro di voi.

Mi dispiace solo che a farne le spese siano cittadini inermi, plagiati da una politica imperialista che ha portato a due conflitti mondiali e a queste guerre striscianti in mezzo mondo. Perché, con o senza nazismo, anche la seconda guerra mondiale è nata per i contrasti che vi erano tra imperi coloniali ed altri che aspiravano ad esserlo, sulla pelle dei popoli dell'Impero, proprio come adesso.
avatar
einrix

Messaggi : 7546
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 74
Località : Bergamo e Rimini

Tornare in alto Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da einrix il Mar 28 Mar 2017, 16:24

28/03/2017 13:06
Iran concede uso basi militari a Mosca

 Ricevuto al Cremlino dal presidente    
 russo Putin, l'omologo iraniano Rohani 
 ha parlato con lui della crisi siriana 
 e "delle soluzioni per porvi fine in   
 modo rapido", ha detto un portavoce di 
 Teheran.                               

 L'Iran ha concesso alla Russia l'uso   
 delle proprie basi militari per missio-
 ni contro i terroristi in Siria, ma la 
 cosa sarà valutata "caso per caso", ha 
 detto il ministro degli Esteri iraniano
 Zarif, che accompagna Rohani nella sua 
 visita a Mosca.

Significa più cose questa notizia.
- c'è una qualche identità di intenti per l'alleanza dell'Iran con la Russia sulla Siria.
- Mosca vuole essere più discreta nel dislocamento delle sue forze aeree nel M.O., ma vuole essere anche meglio piazzato su di uno scacchiere in cui gli Stati Uniti sono presenti con flotte e con basi in Kuwait. Specie adesso che parte della sua flotta si trova nel Mediterraneo orientale, forse troppo esposta ad attacchi improvvisi.
- l'Iran credo che pensi anche al conflitto con Israele.
avatar
einrix

Messaggi : 7546
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 74
Località : Bergamo e Rimini

Tornare in alto Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da einrix il Sab 08 Apr 2017, 08:36

08/04/2017 07:25
Siria, Tillerson: reazione russa delude

 "Deludente, ma non sorprendente" la    
 reazione ostile della Russia all'attac-
 co missilistico degli Usa in Siria. Co-
 sì il segretario di Stato americano,   
 Tillerson.                             

 "Sono deluso dalla risposta dei russi, 
 perchè dimostra il loro costante soste-
 gno al regime di Assad", ha detto Til- 
 lerson, che la prossima settimana sarà 
 a Mosca per colloqui con l'omologo rus-
 so, Lavrov, e con il presidente Putin. 
 Il Cremlino sta sostenendo un "regime  
 che commette questo genere di attacchi 
 orrendi", ha affermato Tillerson.

Gli americani con Trump, sono ritornati alla menzogna ed alla politica muscolare. Deve essere la loro educazione massonica che li spinge a tradire i principi della trasparenza e dell'onestà, in cambio di quelli del raggiro e della manipolazione. Gli Stati Uniti non sono una democrazia, perché sono governati non da partiti, ma da sette segrete che si trovano ormai in tutti i partiti. Se Trump è un massone, la Klinton non lo è da meno. L'eccezione deve essere stata Obama, e lo si è visto per come ha governato; talvolta apparendo contraddittorio, ma perché doveva fare i conti con un potere settario più forte di lui e della stessa democrazia americana.

Credo che non si capiscano gli USA se non si mette a fuoco la massoneria come motore di quel potere segreto che da Pitagora ai nostri giorni ha sempre cercato di conculcarci (ledere, violare) conoscenza e libertà.

Il fatto che la massoneria sia transnazionale è la ragione per cui noi, in un quadro di stabilizzazione del Mondo, abbiamo dovuto subire gli attacchi violenti del terrorismo e della P2.

Spesso parlo dei giornali che hanno seminato sfiducia nella politica, creando il populismo e spingendo il popolo verso l'anarchia - che altro è la democrazia diretta grillina, ad un passo dalla legge di Lynch che i "forconi" hanno messo in campo. Quasi sicuramente, quei giornali sono sotto l'influsso ed il potere di sette sovranazionali, che agiscono per un bene che non è nostro e per il quale, nel secolo scorso abbiamo dovuto combattere e morire. Credo che oggi occorra riprendere conoscenza di quei pericoli, anche solo intravvisti in superficie, e che occorra combatterli se non si vuole finire prigionieri del caos e della guerra importata dall'esterno.
avatar
einrix

Messaggi : 7546
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 74
Località : Bergamo e Rimini

Tornare in alto Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da einrix il Sab 08 Apr 2017, 11:56

Come dicevo, con l'arrivo di Trump cambia il clima in M.O. dato che i generali stanno prevalendo sulle decisioni della Casa Bianca, come da tempo, con Obama, non succedeva.
L'articolo de La Stampa da un saggio di ciò che sta avvenendo, anczi, che è già avvenuto.

http://www.lastampa.it/2017/04/08/esteri/lira-di-putin-contro-gli-usa-aggressione-illegittima-e-mobilita-uomini-e-mezzi-GAKAJuZou6qcC7Am2MWwNK/pagina.html

L'ira di Putin avrà delle conseguenze molto meno impulsive di quelle di Trump, ma non meno efficaci e pericolose per la pace. Ormai, per vari motivi, la Siria, sotto l'aspetto delle alleanze e delle decisioni militari, fa parte della Russia, come la Crimea, anche se resta uno stato sovrano, tanto forti sono i vincoli che con questa guerra si sono creati.
avatar
einrix

Messaggi : 7546
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 74
Località : Bergamo e Rimini

Tornare in alto Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da einrix il Sab 08 Apr 2017, 15:59

08/04/2017 15:23
Siria.Rohani:"Inchiesta internazionale"

 Una Commissione d'inchiesta internazio-
 nale "per chiarire cosa c'è dietro il  
 recente attacco degli Stati Uniti con- 
 tro la Siria e la verità sull'uso e la 
 provenienza delle armi chimiche usate  
 come pretesto". Lo chiede il presidente
 dell'Iran, Hassan Rohani,in un inter-  
 vento riportato sul sito istituzionale.

 "La Commissione d'inchiesta - aggiunge-
 non dovrebbe includere persone sleali e
 gli Usa non dovrebbero dirigerla" e "la
 questione dell'uso di armi chimiche in 
 Siria dovrebbe essere esaminata da Pae-
 si neutrali". 

Serve poco, ma bella mossa di Rohani. 
O è stata una trappola di qualche servizio segreto occidentale o arabo, in sincronia con il Pentagono, oppure è esploso un deposito di armi chimiche in mano ai ribelli. 
Ed anche in questo caso c'era un protocollo militare statunitense che avrebbe previsto un attacco immediato.
Una commissione internazionale è sufficiente che si rechi immediatamente sul posto e troverà tutte le prove che cerca. Se lo farà troppo tardi, il sito potrebbe essere stato ripulito e condizionato.

Una curiosità è quella dei missili che non hanno colpito il bersaglio e che sono scomparsi. I russi hanno solo segnalato il fatto, e gli statunitensi non hanno commentato, ma nulla vieta che siano stati abbattuti in parte proprio dai russi. Altrimenti, da qualche parte sarebbero andati a finire.

In questa ipotesi, i russi hanno testato le loro difese anti missile, e di sicuro adesso hanno gli elementi per poter potenziare i loro sistemi di difesa.

Perché gli USA non commentano? Si potrebbero dare più spiegazioni. Tra le più plausibili c'è lo scopo limitato di questa loro azione di bombardamento e c'è la volontà di non alzare troppo il livello di guardia nel conflitto con i russi.

Sta di fatto che anche questi sono avvenimenti che sfuggono alla comunicazione, ma che saltano fuori da indizi applicati alla logica.
avatar
einrix

Messaggi : 7546
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 74
Località : Bergamo e Rimini

Tornare in alto Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da einrix il Sab 08 Apr 2017, 16:17

Mosca. 8 apr. INTERFAX.RU - per creare un completo sistema di difesa aerea in Siria avrà bisogno di 5-6 reggimenti con moderni sistemi di difesa aerea, ha detto l'ex Vice Comandante del russo Air Force difese aeree della CSI unificate tenente generale magazzino Aytech Bizhev.


"Hanno bisogno di un sistema completo, un minimo di 5-6 reggimenti di missili anti-aerei, poi tutto il cielo della Siria sarà chiuso", - ha detto il Sabato "Interfax".


Secondo l'esperto, le unità di difesa aerea siriana richiedono maggiore riconversione in modo da riflettere i massicci attacchi missilistici come quello che è stato messo sul campo d'aviazione "Shakrat" il giorno prima. "Abbiamo bisogno di sistemi missilistici anti-aerei moderni, come ad esempio" Carapace "" Buk "modernizzato, C-400, aggiornato S-300", - ha detto Bizhev.


Inoltre, la difesa aerea siriana bisogno nella realizzazione di sistemi automatizzati, ha detto. "Al fine di trattare con missili da crociera, hanno bisogno di una risposta rapida, una persona non è in grado di rispondere rapidamente a questo" - ha detto l'esperto.


Secondo lui, per moderno sistema di difesa aerea simile al russo, massicci attacchi dei missili da crociera non pongono una minaccia significativa. "Questo è tutto quello che abbiamo lavorato attraverso gli esercizi sulla situazione creata simile a quella che era a colpire, e il nostro sistema di difesa aerea nel campo della distribuzione permanente per far fronte a tali problemi," - ha detto Bizhev.

Alla vigilia del rappresentante ufficiale del Ministero della Difesa russo, il generale Igor Konashenkov detto che il Ministero della Difesa russo intraprenderà una serie di misure per rafforzare il sistema di difesa aerea della Siria.

Il link:
http://www.interfax.ru/world/557523

In questo articolo, salta fuori molto bene il fatto che ad ogni azione corrisponda una reazione, e la reazione in questo caso è raggruppare e spedire sei reggimenti missilistici, meno quelli che sono già operativi sul campo, in Siria, per blindare il cielo di quel paese. Credo che sia nell'ordine delle possibilità della Russia che in tal modo si rende conto pure di quali saranno le esigenze per pianificare i propri sistemi di difesa nei punti nevralgici del suo territorio o delle aree di crisi.

Per gli automatismi della difesa, ci penserà il sistema di osservazione satellitare russo a fornire l'ordine di reazione alla minaccia di attacco terroristico.
Naturalmente, da cosa nasce cosa. All'inizio si inseguiranno tutti i missili, per abbatterli, poi, quando quel gioco diverrà dispendioso e privo di vantaggi, si potrà procedere alla distruzione delle basi di lancio. E' così che gira la guerra, e se Trump non lo sa, che se lo faccia spiegare bene dai suoi generali, sperando che la domanda non la ponga al Dott. Stranamore.
avatar
einrix

Messaggi : 7546
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 74
Località : Bergamo e Rimini

Tornare in alto Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da einrix il Dom 09 Apr 2017, 07:23

09/04/2017 01:06
Trump: pronte altre azioni contro Siria

 "Ho ordinato" il raid in Siria "nel vi-
 tale interesse della sicurezza naziona-
 le degli Stati Uniti" sulla base della 
 "mia autorità costituzionale" come com-
 mander-in-chief. Così il presidente Usa
 Trump in una lettera al Congresso.     

 "Gli Stati Uniti assumeranno ulteriori 
 azioni, se necessario e appropriato",  
 per difendere i loro interessi. "Ho or-
 dinato l'azione per ridurre la capacità
 delle forze siriane di compiere ulte-  
 riori attacchi chimici e per dissuadere
 il regime siriano dall'usare armi chi- 
 miche", ha sottolineato Trump. 

E' semplicemente un ragazzotto prepotente che si crede Presidente degli Stati Uniti. Invece è solo un imbecille che obbedisce ad interessi superiori, che neppure conosce, preso com'è nel meccanismo del potere che lo indirizza nei passi di cui non ne capisce neppure la ragione.

Fa paura che a governare il mondo siano delle sette che usano certi pupazzi, un tempo si diceva: costruiti dalla celluloide, intendendo il cinema, e che oggi sono un remake televisivo.

Adesso che sappiamo che la guerra continua, ISIS non fa più paura, essendo quella, povera gente votata al massacro. Il mostro è chi ha pianificato la guerra, l'Idra è quell'Occidente colonialista, rappresentato da Francesi, inglesi, tedeschi, statunitensi, belgi, ... che sta cercando il nuovo modo per colonizzare il mondo. Sta a noi popolo che non appartiene alle sette, non farci manipolare, come premessa per reagire e sconfiggere il male. Non è facile, ma è necessario!
avatar
einrix

Messaggi : 7546
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 74
Località : Bergamo e Rimini

Tornare in alto Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da einrix il Dom 09 Apr 2017, 07:55

[...]Se l’azione si ferma qui i più importanti alleati degli Usa nella regione saranno delusi. Israele, Turchia e Paesi del Golfo vogliono un’azione più incisiva che dia garanzie sugli assetti regionali alla fine della guerra civile.  

questa è la frase chiave che spiega quel conflitto, altro che le armi di distruzione di massa.
E da quella frase emergono i criminali che hanno voluto quella guerra, Stati Uniti e Britannici, compresi.

http://www.lastampa.it/2017/04/09/esteri/le-grandi-potenze-pronte-a-creare-zone-cuscinetto-per-contenere-assad-VMtf6fZAJV2SEl6FR030QJ/pagina.html

Ora, noi europei dovremmo dire se tutto ciò ci sta bene. A me non sta bene né il colonialismo di Israele, e neppure l'imperialismo saudita o l'integralismo nascente dei turchi che per secoli hanno colonizzato parti d'Europa. Vorrei stati e governi diversi, ed in ogni caso farei di tutto per non avere una Turchia integralista o un'Arabia Saudita imperialista che patrocina il terrorismo dal Pakistan alla Nigeria, in nome del Profeta. Quelli per noi, da Israele a Salman d'Arabia, sono loro i nostri veri nemici.
avatar
einrix

Messaggi : 7546
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 74
Località : Bergamo e Rimini

Tornare in alto Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da einrix il Dom 09 Apr 2017, 12:53

http://www.lastampa.it/2017/04/09/esteri/portaerei-usa-si-dirigono-verso-la-nord-corea-bl3h244yYoP5tLJSXGuGpI/pagina.html


Leggete il mio commento come una corbelleria del dott. Stranamore, ma la psiche di chi è sotto assedio ed è minacciato mortalmente, funziona così, anche se non necessariamente debba essere un sadico. Cerco di farne una simulazione:

Alla Corea del Nord, all'arrivo delle navi Usa sotto costa, appena il livello della minaccia si è fatto concreto ed elevato, il nostro amico consiglia di far esplodere un ordigno nucleare sul proprio territorio, in prossimità di un sito strategico, come se lo avessero lanciato loro, gli americani. In quello stesso momento i coreani, devono denunciare un attacco atomico degli USA, e dopo aver lasciato il tempo che la notizia abbia fatto il giro del mondo, lanciano un missile terra-mare, con una testata nucleare sulla flotta statunitense che si trova nelle vicinanze delle sue coste.

In fondo non è nient'altro che quello che ha fatto Trump in Siria.

Se non lo fa, deve aspettarsi, con elevatissima probabilità, un vero e proprio attacco missilistico, anche nucleare, da parte degli USA. Salvo che non abbia dei sistemi antimissile. in quel caso potrebbe difendersi meglio che con le atomiche. Ma mi sa che non c'è più il tempo per acquistare ed installare un certo numero di brigate missilistiche da piazzare intorno ai siti sensibili.

Ci vorrebbe che la Russia o la Cina avessero già in viaggio, verso la Corea del Nord, proprio quei sistemi di difesa.

Infine, proprio per andare sul sicuro, ed il nostro amico fosse nord coreano, dopo il bombardamento nucleare degli USA su qualche popolosa città coreana - come fece in Giappone - avrebbe già una nave da carico, nel Pacifico o nell'Atlantico, mascherata da nave battente bandiera panamense, che fosse capace di lanciare missili con testate atomiche sulle metropoli americane. 

Grazie  a Trump, addio pace!
avatar
einrix

Messaggi : 7546
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 74
Località : Bergamo e Rimini

Tornare in alto Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da einrix il Dom 09 Apr 2017, 20:34

09/04/2017 21:40
Khamenei:in Siria errore strategico Usa

 L'ayatollah Khamenei condanna l'attacco
 Usa in Siria e parla, secondo l'agenzia
 Irna, di "errore strategico".          

 La Guida suprema dell'Iran, a fronte   
 di una possibile doppia valenza del-   
 l'azione statunitense, intesa come am- 
 monimento per altri Stati della regio- 
 ne, avverte: la Repubblica islamica    
 "non lascerà campo a fronte di minac-  
 ce". E denuncia: "La precedente ammini-
 strazione Usa ha creato l'Isis e quella
 attuale lo sta rafforzando".

Che si tratti o no di un errore strategico è tutto da vedere. Hanno bombardato quello che hanno voluto senza riportare danni. Oggi si innalza il livello dell'impegno americano come ieri si era innalzato quello russo, e vince chi persevera nell'impegno.
Sta di fatto che se gli USA contano di bombardare Assad per toglierlo di mezzo come Saddam, devono passare sul corpo dei russi, salvo che questi, presi dalla paura, lascino il campo.
I prossimi bombardamenti americani potrebbero trovare un contrasto russo, per non parlare del pericolo che si ingaggi uno scontro tra la flotta americana e quella russa, che in qualche modo è stata mandata nel Mediterraneo non certo per giocare alle belle statuine.

Ha ragione invece quando dice che ISIS è stato creato dagli USA. E' una semplificazione, ma alla fine è proprio così. In realtà Isis ha ottenuto finanziamenti e armi dall'Arabia Saudita, dagli emirati del golfo, di soldi contro petrolio dalla Turchia, e un certo supporto addestrativo anche da Israele, mentre americani e britannici si sono spesi nell'addestramento dei ribelli, ma sarebbe meglio chiamarli mercenari siriani, che in parte poi sono passati a Isis.
avatar
einrix

Messaggi : 7546
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 74
Località : Bergamo e Rimini

Tornare in alto Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da einrix il Mar 11 Apr 2017, 13:45

11/04/2017 14:05
Mosca:"Usa chiariscano molte questioni"

 Mosca "attende dagli Stati Uniti chia- 
 rimenti coerenti su tutta la gamma di  
 questioni legate alla stabilità strate-
 gica e alla sicurezza nella regione eu-
 ro-atlantica". Così una nota del mini- 
 stero degli Esteri russo, in attesa    
 dell'incontro tra il titolare Lavrov e 
 il Segretario di stato Usa Tillerson,  
 atteso a Mosca. Preoccupazione anche   
 per la presenza Usa nelle acque della  
 Penisola coreana.                      

 Non escluso l'incontro con il presiden-
 te Putin, ventilato dai media e non    
 confermato né smentito dal Cremlino.


11/04/2017 15:25
Siria,Putin:accuse Usa ricordano l'Iraq

 "E'interesse comune" ricostruire i rap-
 porti pratici fra Russia e Ue su "base 
 paritaria",ha detto il presidente russo
 Putin,aggiungendo che l'incontro odier-
 no con Mattarella aiuterà a far"progre-
 dire la cooperazione fra Russia e Ita- 
 lia"."Fra noi-ha continuato- c'è stata 
 una conversazione franca e concreta".  

 Per Putin,le posizioni sulla Siria "ri-
 cordano i fatti del 2003", quando gli  
 Usa parlavano d'armi chimiche in Iraq"e
 ricordiamo come sono andate le cose".Si
 stanno preparandop nuove provocazioni, 
 con presunti attacchi chimici in Siria.

11/04/2017 13:30
Putin a Mattarella: superare divergenze

 "Sono felice di poterla accogliere al  
 Cremlino, noi stessi viviamo un tempo  
 non facile, ma spero veramente che la  
 sua visita dia un impulso positivo e   
 che riusciremo a superare tutti gli o- 
 stacoli e le divergenze che ci sono".  
 Così il presidente Putin ricevendo Mat-
 tarella,in visita in Russia fino al 13.

 "L'Italia - ha proseguito Putin - è un 
 partner buono e affidabile,purtroppo il
 nostro interscambio è crollato,ma nono-
 stante questo c'è una tendenza positi- 
 va",con una crescita dell'interscambio 
 all'inizio del 2017 di oltre il 33%.

Queste notizie, seppure frammentarie, dicono degli sforzi della Russia di riportare il gioco a livelli accettabili, contro la tendenza degli USA a puntare sempre più in alto. In un tavolo da gioco avere tanti soldi in tasca per un rilancio è sempre vantaggioso, per chi sappia giocare. Chi invece bravo non è, rischia di perdere molto. Le guerre convenzionali gli Stati Uniti le possono fare con l'Iraq, ma non certo con la Russia che possiede un armamento atomico capace di dissuadere chiunque. Intanto credo che Putin rafforzerà la difesa antimissile in Siria, e preparerà una rappresaglia sulla flotta USA se questa dovesse minacciare o affondare unità della flotta russa. Lo stesso vale per le basi che gli USA hanno nel Golfo e in Turchia, che sarebbero le prime pedine ad essere colpite, se venissero bombardate le basi russe in Siria.

Insomma l'Iraq era sola in balia di Bush, mentre Assad è la controfigura di Putin in Siria, e a questo punto non si tocca la Siria senza bruciarsi.
avatar
einrix

Messaggi : 7546
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 74
Località : Bergamo e Rimini

Tornare in alto Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da einrix il Mar 11 Apr 2017, 18:46

Gira e rigira, al G7 volevano sanzioni contro la Russia, per il suo ruolo combattente, in Siria. Non hanno concluso nulla, anche se erano quasi tutti NATO o alleati degli Stati Uniti. 
Non deve essere piaciuto a Trump questo irrigidimento di chi non è stato al suo gioco, e di sicuro farà tante piccole vendette.
Ma chi sarà mai stato quello che si è messo di traverso? Shinzo Abe? oppure Gentiloni! O forse Hollande o la Merkel? Poi c'era Trudeau per il Canada e Tuske e Juncker per l'Europa... Devo dedurre che l'Europa nel suo complesso, abbia detto no a Trump, sul Clima e sulla Siria, anche se le notizie arrivano edulcorate, della serie: non è successo niente.

http://www.lastampa.it/2017/04/11/esteri/al-g-non-c-accordo-sulle-sanzioni-alla-siria-per-lattacco-chimico-iZ9hzT0n4U2ZglUILlH8yO/pagina.html

ma se questo è quello che si può capire leggendo l'articolo de La Stampa, vengono altri pensieri quando si legge invece quello de La Repubblica.
Al Summit di Luca hanno partecipato oltre ai colleghi del G7, anche i ministri di Turchia, Emirati arabi, Arabia Saudita, Giordania e Qatar. In pratica, i veri responsabili del disastro umanitario a cui tutti  hanno assistito fingendo di non vedere nulla.

http://www.repubblica.it/esteri/2017/04/11/news/lucca_g7_sanzioni_russia-162717927/?ref=RHPPLF-BH-I0-C8-P4-S3.3-T1

E tutto il ragionamento diventa più complesso, sempre con la Russia al centro, che viene invitata a farsi coinvolgere, come se non fosse abbastanza coinvolta! E si parla di soluzione politica come l'unica che possa allontanare gravi pericoli. Ma non è una soluzione politica quella che trasforma una sconfitta sul campo in una vittoria negoziale, in fondo, da tempo si sa che la politica è la guerra fatta con altri mezzi. I russi sono abituati a combattere e resistere, e lo fanno da sempre anche con la diplomazia. Putin ha impiegato quindi anni per portare la Russia dov'è oggi, e di sicuro non ritornerà nel cantuccio di Yeltsin dove era stata cacciata dopo la caduta del muro e la fine del comunismo.
avatar
einrix

Messaggi : 7546
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 74
Località : Bergamo e Rimini

Tornare in alto Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da einrix il Mer 12 Apr 2017, 16:22

12/04/2017 16:41
Siria,Mosca: inaccettabile risoluzione

 Per Mosca la nuova bozza di risoluzione
 Onu sull'attacco chimico in Siria è    
 "inaccettabile".                       

 La Russia ha annunciato che opporrà il 
 veto, al Consiglio di Sicurezza Onu,sul
 nuovo progetto di risoluzione elaborato
 da Gran Bretagna,Francia e Usa."Il pro-
 getto è inaccettabile nella stesura at-
 tuale. Voteremo contro se i nostri soci
 non accoglieranno le nostre richieste e
 insisteranno nel promuoverlo artifi-   
 cialmente,con l'unico obiettivo di ob- 
 bligare la Russia a un nuovo veto",ha  
 detto il vice ministro Esteri.Gatilov.

Sti russi mi fanno davvero girare le scatole. Prendano i terroristi, li processino uno ad uno, fino a quando non abbiano assunto prove su chi li arma li finanzia e li addestra e poi faccia una risoluzione al Consiglio di Sicurezza chiedendo la condanna dell'Arabia Saudita, degli USA, della Turchia e della Gran Bretagna, poiché, al cento per cento sono loro i responsabili della distruzione della Siria e della crisi umanitaria con mezzo milione di vittime e quattro milioni di profughi. Vediamo chi poi deve mettere il veto, se le prove sono documentate in modo opportuno. Coraggio, ragazzi, dateci sotto. Le guerre si vincono anche con questo genere di azioni.
avatar
einrix

Messaggi : 7546
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 74
Località : Bergamo e Rimini

Tornare in alto Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da einrix il Mer 12 Apr 2017, 19:11

12/04/2017 20:48
Usa-Russia:pronti a migliorare rapporti

 "Siamo ben disposti a risolvere le di- 
 vergenze per migliorare le nostre rela-
 zioni". Così il ministro degli Esteri  
 russo Lavrov in conferenza stampa con  
 il segretario di Stato Usa Tillerson,  
 che ha incontrato il presidente Putin. 

 Lavrov parla di relazioni "non idillia-
 che". E Tillerson: tra Usa e Russia c'è
 un "basso livello di fiducia". Creeremo
 un gruppo di lavoro congiunto per "mi- 
 gliorare" le relazioni. D'accordo sulla
 necessità di un'inchiesta Onu sull'at- 
 tacco chimico in Siria.Ma Tillerson ri-
 lancia le accuse:ora "Assad va rimosso"

Loro giocano a fare diplomazia e in Siria si muore ammazzati.
Va rimosso chi ha provocato la crisi umanitaria: Salman, Erdogan, il re della Giordania che ha fatto addestrare dagli inglesi e statunitensi, sul suo territorio, i terroristi. Va rimosso il Primo ministro israeliano, e chiunque altro abbia investito in quel massacro.
La vorrei proprio una bella inchiesta per vedere di chi era quel sarin e chi lo ha sparso, lo chiedano pure gli USA. Sono sicuro che gli verrà concesso!
avatar
einrix

Messaggi : 7546
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 74
Località : Bergamo e Rimini

Tornare in alto Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da einrix il Gio 13 Apr 2017, 08:49

[...]L’intenzione manifestata da Trump durante la campagna elettorale di cambiare le relazioni con Putin si è scontrata presto contro la realtà. Le accuse di collusione con il Cremlino, che ha cercato di aiutarlo a sconfiggere Hillary, hanno legato le mani al Presidente, visto che l’Fbi ha aperto un’inchiesta su questi rapporti. L’attacco chimico in Siria, che secondo i complottisti sarebbe stato ordito proprio dagli oppositori del regime per far saltare il dialogo tra Usa e Russia, ha chiuso definitivamente la porta, e le accuse di ieri per l’ingerenza violenta nelle elezioni del Montenegro dimostrano come le differenze siano molto più profonde di quanto non appaia in superficie. Proprio la Siria, però, diventa ora il banco di prova della possibilità di riallacciare il filo del dialogo. Mosca ieri ha messo il veto sulla risoluzione presentata da Francia, Gran Bretagna e Usa al Consiglio di Sicurezza dell’Onu, che chiedeva di aprire una indagine sull’attacco chimico. Nella mattinata, però, proprio la missione italiana al Palazzo di Vetro aveva ospitato un incontro riservato tra i 15 membri del massimo organismo e l’inviato Staffan de Mistura, in cui il rappresentate russo aveva condiviso la necessità di trovare una soluzione politica al conflitto. Al momento il nodo resta la transizione e il futuro di Assad, sullo sfondo di posizioni opposte prese nella sfida regionale tra sciiti e sunniti. Su questo però Putin deve fare passi concreti, se vuole provare a ricostruire il rapporto con Trump. [...]

Una argomentazione, quella di PAOLO MASTROLILLI, INVIATO A NEW YORK de La Stampa, non priva di punti interessanti...anche se parte dal Montenegro.
Come se se gli USA e i Britannici, a differenza dei russi, fossero ingenuamente indifferenti all'evoluzione politica che accade in Europa e nel mondo! Quante basi americane ci sono in Europa? Quanti ambasciatori USA parlano con gli esponenti dei partiti politici nel nostro paese e altrove?

http://www.lastampa.it/2017/04/13/esteri/le-mani-russe-sul-montenegro-attacco-violento-al-governo-b5nqPwMKLiPbsGKbRx0uiJ/pagina.html

Sta di fatto che Russia e Cina sono tornati ad essere competitori a livello globale, e la Russia si sta riprendendo lo spazio che un tempo era stato dell'Unione Sovietica. Spesso in positivo, quando difende il diritto dei popoli all'autodeterminazione, contro l'imperialismo anglo-franco-statunitense che sta portando guerra e terrorismo, insieme all'Arabia Saudita, in tanta parte del mondo.
avatar
einrix

Messaggi : 7546
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 74
Località : Bergamo e Rimini

Tornare in alto Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da einrix il Gio 13 Apr 2017, 12:21

13/04/2017 13:43
Siria: raid su armi chimiche, vittime

 Il comando militare di Damasco accusa  
 le forze della coalizione internaziona-
 le anti-Isis di avere provocato "centi-
 naia di morti", ieri pomeriggio, in un 
 raid contro un deposito dell'Is pieno  
 di sostanze tossiche, nel villaggio di 
 Hatla. Lo comunica l'agenzia di stampa 
 ufficiale siriana 'Sana'.              

 Nel comunicato si sottolinea che tra le
 vittime ci sono "un gran numero di ci- 
 vili. La nube tossica dopo il raid con-
 ferma il possesso di armi chimiche da  
 parte di Daesh e Al-Nusra".

Guarda un po! adesso spandono veleni anche gli americani. Come ha chiamato Assad, Trump? Che sia Trump il vero animale?

http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/2017/04/13/cnnintercettazioni-su-attacco-gas-siria_6dc27faa-fd2e-49c8-adeb-e6e271ad0322.html

E questa volta il raid è stato fatto dalla coalizione internazionale filo americana. Che fa adesso la Russia, bombarda gli aeroporti da cui sono partiti quegli aerei? Magari dopo aver detto che sono stati loro a scaricare su Hatla le armi chimiche?

Vergogna Merkel, Vergogna Hollande, Vergogna Gentiloni! Non dovete mentire ai vostri concittadini.
avatar
einrix

Messaggi : 7546
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 74
Località : Bergamo e Rimini

Tornare in alto Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da einrix il Gio 13 Apr 2017, 17:23

13/04/2017 18:58
Usa lancia "madre delle bombe" su Isis

 Gli Usa avrebbero sganciato la bomba   
 Gbu-43 Moab (Massive ordnance air      
 blast, conosciuta come la 'madre di    
 tutte le bombe) sull'Afghanistan orien-
 tale, nella zona di Nangarhar, con     
 l'obiettivo di colpire l'Isis.         

 Lo ha reso noto la Cnn, citando fonti  
 militari. La bomba, sviluppata nella   
 Guerra in Iraq nel 2003 ma mai utiliz- 
 zata, è lunga 9,17 metri, ha un diame- 
 tro di 1,02 metri e pesa quasi 10 ton. 
 E' il più potente ordigno esplosivo non
 nucleare. Sarebbe la prima volta che   
 viene utilizzata dagli Usa. 

Certo, vuoi mettere? Il gas fa più male!

E pensare che sono stati gli inglesi e gli statunitensi a iniziare l'orribile guerra Afgana che dura ormai da oltre un quarto di secolo. Per combattere l'Unione Sovietica, e adesso sono ancora li con quella guerra.
avatar
einrix

Messaggi : 7546
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 74
Località : Bergamo e Rimini

Tornare in alto Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da einrix il Sab 15 Apr 2017, 08:07

15/04/2017 03:50
Libia. Onu, rischi conflitti diffusi
   
 Il segretario generale delle Nazioni   
 unite Antonio Guterres ha lanciato un  
 monito sui rischi che la Libia possa   
 tornare a un conflitto diffuso, sotto- 
 lineando la volatilità della situazione
 a Tripoli e in altre parti del Paese.  

 In un rapporto presentato al Consiglio 
 di sicurezza Onu, Guterres in partico- 
 lare evidenzia che il rischio di un'   
 escalation sussiste principalmente a   
 causa di questioni politiche che resta-
 no irrisolte e per via della "moltepli-
 cità di attori armati sul terreno con  
 interessi in conflitto tra loro". 

Guterres, uno dei peggiori segretari dell'ONU. Quello che ha detto lo sapevano tutti. Non ci voleva lui per dirlo! Sappiamo anche quello che non ci dice: chi c'è dietro quelle fazioni, e perché! E non ci dice neppure cosa è bene fare per normalizzare quella situazione, perché i burattinai che operano in Libia, sono gli stessi che tengono in mano i fili che fanno muovere Guterres.
avatar
einrix

Messaggi : 7546
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 74
Località : Bergamo e Rimini

Tornare in alto Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 7 di 9 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum