Episodi o strategia in atto?

Pagina 9 di 9 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da einrix il Lun 19 Giu 2017, 14:22

Eccoci arrivati ad un punto di snodo del conflitto:

http://www.repubblica.it/esteri/2017/06/19/news/mosca_jet_droni_usa_potenziali_bersagli-168531671/?ref=RHPPLF-BH-I0-C8-P1-S1.8-T1

Non credo che le parole di Lavrov siano solo una minaccia. credo invece che corrispondano alle nuove regole di ingaggio per la difesa missilistica e l'aviazione russa in Siria.
La controversia deve essere intorno a Raqqa ed alla fretta che gli americani hanno di allargare la zona sotto la loro influenza. I bombardamenti siriani delle forze ribelli corrispondono proprio alla volontà di impedirlo ed in questo la Russia li sostiene.
In fondo, ISIS è un problema temporaneo in via di eliminazione, mentre gli americani a Raqqa rappresentano un pericolo per l'unità della Siria.

Adesso si vedrà cosa succederà, perché i siriani hanno ormai carta bianca (da parte dei russi) nel bombardare i ribelli che ancora non sono addivenuti agli accordi di armistizio, e i russi di conseguenza dovranno sostenerli nello sforzo, anche contro le aviazioni dell'alleanza americana.

Diciamo che se Lavrov parla di presenza dei propri aerei forse non intende anche degli aerei siriani, ma... tutto dipende da quanto pericolosa si farà l'offensiva su Raqqa nella prospettiva di dividere il paese. Il punto di rottura coinciderà con quello della disfatta di Isis, e la corsa a Raqqa ci sarà sia da parte degli americani, che dei siriani. Insomma, si sta preparando un bel Armageddon! E si vedrà chi ha più fegato e forza sul campo di quello scontro.
avatar
einrix

Messaggi : 7334
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 74
Località : Bergamo e Rimini

Tornare in alto Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da einrix il Lun 19 Giu 2017, 16:26



Da questa foto si vede cosa intendono dire i russi: potete stare ad oriente dell'Eufrate, ma se vi spostate ad occidente allora sono guai. Quello che non sappiamo e se i siriani hanno bombardato i ribelli a oriente o a occidente dell'Eufrate. Insomma i russi impongono una No Fly Zone per gli americani. E pensare che una volta erano gli americani che imponevano di non sorvolare questo o quello.
avatar
einrix

Messaggi : 7334
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 74
Località : Bergamo e Rimini

Tornare in alto Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da einrix il Mar 20 Giu 2017, 12:22

20/06/2017 14:02
Yemen, 1.146 morti in 2 mesi per colera

 Sono 1.146 le persone decedute in Yemen
 dal 27 aprile, a causa dell'epidemia di
 colera in corso nel Paese. Lo fa sapere
 l'Organizzazione Mondiale della Sanità 
 (OMS).                                 

 Secondo l'Oms, 7,6 mln di yemeniti vi- 
 vano in aree a elevato rischio contagio
 L'Ufficio delle Nazioni Unite per il   
 coordinamento degli affari umanitari   
 (OCHA) descrive la situazione come "la 
 più grande crisi umanitaria del mondo",
 con 18,8 mln di persone che necessitano
 di assistenza o difesa, di cui 10,3 mln
 hanno bisogno di aiuto immediato. 

Ed in queste condizioni Stati Uniti e Arabia Saudita aggrediscono quello stato senza che l'indignazione si diffonda per il mondo. E' così basso il senso etico del mondo, rispetto alle ingiustizie?
avatar
einrix

Messaggi : 7334
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 74
Località : Bergamo e Rimini

Tornare in alto Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da einrix il Mar 20 Giu 2017, 12:46

Finalmente Giordano Stabile ci spiega bene come stiano le cose sul terreno e nei cieli della Siria. Grazie!

http://www.lastampa.it/2017/06/20/esteri/la-corsa-per-la-presa-di-raqqa-dietro-lo-scontro-washingtonmosca-A4C3YSsYFO0R3wxNygJb0N/pagina.html

In sintesi: gli USA vorrebbero separare gli sciiti iracheni dai siriani, ma la mia idea è che non ce la faranno. Il massimo che potranno ottenere è un confine per i curdi sull'Eufrate, con Turchia, Siria, Iraq e Iran ostili, e con la contraddizione di alleati imperialisti che come l'Arabia Saudita sono molto più pericolosi degli iraniani, siriani e iracheni messi assieme. Quando dovranno trarne le conclusioni si accorgeranno di essere stati sconfitti. Obama, pur non avendo il coraggio di cambiare campo, ha cercato di sfuggire a quella contraddizione. Trump invece è finito nel sacco a capo fitto. Succede quando gli stupidi vanno al potere.
avatar
einrix

Messaggi : 7334
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 74
Località : Bergamo e Rimini

Tornare in alto Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da einrix il Gio 22 Giu 2017, 09:14

21/06/2017 23:54
Gli Usa: nessun nostro raid su moschea

 Un portavoce della coalizione a guida  
 Usa in Iraq ha negato che siano stati  
 compiuti bombardamenti sulla moschea   
 di Mosul, divenuta il simbolo dei ter- 
 roristi dell'Isis. Il colonnello Dillon
 ha confermato che la moschea è stata   
 distrutta, ma precisando che non sono  
 stati gli americani ad abbatterla.     

 La dichiarazione conferma quanto affer-
 mato dal ministero della Difesa irache-
 no, secondo cui sono stati gli stessi  
 terroristi a farla saltare in aria per 
 evitare verosimilmente che cada in man 
 nemica.

Non ci credo neanche un po. perché avrebbero dovuto distruggerla! Per non farla cadere in mani nemiche? E' un ragionamento da stupidi. Per la coalizione, distruggere la Moschea ha un preciso valore psicologico, solo che non può dire di averlo fatto, altrimenti il valore psicologico cambia di segno rispetto a chi, nella coalizione si sente offeso.
E così si inventa la balla dell'autodistruzione. D'altra parte non è che l'ultima balla, visto com'è incominciato questo conflitto, negato sino all'evidenza di due anni fa quando quattro milioni di siriani si sono messi in marcia verso la frontiera turca per scappare alla guerra. E ancora, se chiedi alla gente, non sa, non capisce, tale è la forza della disinformazione messa in campo. Viva la Stampa, abbasso la stampa.
avatar
einrix

Messaggi : 7334
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 74
Località : Bergamo e Rimini

Tornare in alto Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da einrix il Mar 27 Giu 2017, 08:47

27/06/2017 06:00
Usa:Assad prepara nuovo attacco chimico
  06.00                                 
 Usa:Assad prepara nuovo attacco chimico
 "Gli Stati Uniti hanno identificato i  
 possibili preparativi per un altro at- 
 tacco con armi chimiche da parte del   
 regime di Assad che probabilmente cau- 
 serebbe una strage di civili, compresi 
 bambini", si legge in un comunicato    
 della Casa Bianca.                     

 Le attività in questione "sono simili  
 ai preparativi fatti dal regime prima  
 del suo attacco del 4 aprile",dicono   
 gli Usa e avvertono: siamo in Siria per
 eliminare l'Isis,se però Assad condurrà
 un altro attacco di massa con armi chi-
 miche lui e il suo esercito pagheranno.

Trump sta preparando un attacco chimico per accusare Assad. Come sono ripetitivi questi generali del Pentagono. Adesso il problema non è tanto se il falso attacco chimico ci sarà o non ci sarà, ma quale risposta darà Putin. Se attaccherà le navi e gli aeroporti da cui arriveranno gli attacchi, sarà un fatto e se invece se ne starà con la coda tra le gambe, allora l'America comincerà a giocare come il gatto col topo.

Per me resta solo da registrare che gli USA in Siria hanno alzato il loro livello di conflitto, poi, tutto il resto è propaganda.
avatar
einrix

Messaggi : 7334
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 74
Località : Bergamo e Rimini

Tornare in alto Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da einrix il Gio 06 Lug 2017, 20:38

http://www.ilsole24ore.com/art/commenti-e-idee/2017-07-06/trump-fa-gioco-putin-mettere-crisi-l-ordine-globale-173519.shtml?uuid=AEgIu3sB

Il ragionamento non fa una grinza. Trump ha un suo pensiero ristretto del Mondo, ma viene condizionato dal potere economico militare che governa gli Stati Uniti. E' stato così anche per Obama, che un pensiero più largo ce lo aveva.

E sarebbe stato lo stesso con la Clinton, perfetto funzionario dello stato, ma debole personaggio politico.

Neanche Clinton marito voleva la guerra contro la Serbia. Gli fu imposta da alcuni stati europei (la Germania in testa, non da sola) e dal Pentagono, nel quadro di una strategia globale. Allora i russi non avevano neppure il carburante per muovere i carri armati.

Al di la dei Presidenti, negli Stati Uniti c'è un potere più forte della democrazia che tiene il paese al suo servizio. Quello rappresenta il vero pericolo, per l'egemonia che vuole mettere in campo, e non c'entra nulla il comunismo che non c'è più.
avatar
einrix

Messaggi : 7334
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 74
Località : Bergamo e Rimini

Tornare in alto Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da einrix il Ven 07 Lug 2017, 12:28



Il Qatar non accetta le condizioni dei quattro del Golfo. Blitz del segretario di Stato americano

http://www.lastampa.it/2017/07/07/esteri/il-qatar-non-accetta-le-condizioni-dei-quattro-del-golfo-blitz-del-segretario-di-stato-americano-kQvXW3u3aArgSPCZM1LfWO/pagina.html

Il vero stato canaglia, oltre agli USA di Trump ed alla Gran Bretagna di May, è l'Arabia Saudita di Salman.

Non so bene cosa faccia il Qatar a favore o contro il terrorismo, ma sono sicuro che il terrorismo è frutto delle politiche degli USA, ancor prima di Trump, della Gran Bretagna, con conservatori o laburisti al governo e della monarchia arabica. Se loro accusano il Qatar di terrorismo può solo significare che il Qatar lotta contro il terrorismo di quei tre stati canaglia.

Fa bene il Qatar a resistere. Ora si tratta di aiutare il Qatar a sopravvivere.

Salman è in nazista che ha tentato di distruggere l'Iraq e la Siria, e che oggi sta bombardando lo Yemen e fornendo di soldi ed armi tutti i terroristi dell'Asia e dell'Africa.
avatar
einrix

Messaggi : 7334
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 74
Località : Bergamo e Rimini

Tornare in alto Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da einrix il Ven 07 Lug 2017, 14:08

07/07/2017 13:28
Gentiloni:è dovere unità su terrorismo

 "Possono esserci visioni geopolitiche  
 diverse tra noi,ma abbiamo il dovere di
 essere uniti contro il terrorismo. Sul-
 la scia della dichiarazione di Taormina
 è importante un messaggio del G20". Lo 
 ha detto il premier Gentiloni nella    
 sessione del G20 dedicata al terrorismo

 "In queste settimane potremmo ottenere 
 una vittoria militare decisiva contro  
 Daesh. Ma è centrale lottare contro i  
 finanziamenti e contro la radicaliz-   
 zazione. Servono investimenti per to-  
 gliere spazio al reclutamento del ter- 
 rore", ha continuato il premier.

Caro Gentiloni, fino a che non dai un nome al terrorismo e ti limiti solo a Daesh i cui creatori vogliono distruggere, non avendo portato a termine il compito di distruggere iraq e Siria, non sei credibile.

Parla chiaro: dì che Salman è quello che finanzia il terrorismo per creare un impero islamico dalla Filippine alla costa atlantica dell'Africa, e che con lui ci sono inglesi e statunitensi, in un quadro di strategia globale che va contro gli interessi europei.

Non puoi dirlo? Allora non sei libero; non siamo liberi, ma prigionieri di quel Patto Atlantico che un tempo aveva di fronte il Patto di Varsavia, ormai morto e sepolto.
avatar
einrix

Messaggi : 7334
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 74
Località : Bergamo e Rimini

Tornare in alto Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da einrix il Dom 09 Lug 2017, 12:34

09/07/2017 12:06
Tregua in Siria dopo intesa Usa-Russia

 Come annunciato ieri, il cessate il    
 fuoco nella Siria meridionale è scatta-
 to alle 12, ora locale. La tregua è    
 frutto dell'accordo raggiunto tra il   
 presidente Usa Trump e quello russo,Pu-
 tin, a margine del G20 di Amburgo.Nell'
 intesa è coinvolta anche la Giordania. 

 L'Osservatorio siriano per i diritti   
 umani ha riferito che la situazione è  
 calma nelle regioni interessate dalla  
 tregua: Al Quneitra, Suwaida e Deraa,  
 teatro nell'ultimo mese di una escala- 
 tion di violenza. 

E' tutto da decifrare, questo accordo. Potrebbe trattarsi di un gesto distensivo e propositivo proprio verso nuovi accordi per i quali non è ancora chiaro il quadro. Molto dipenderà dalla Turchia e dall'Iraq responsabili della questione curda, ormai il solo appiglio di Washington per restare in Mesopotamia.
avatar
einrix

Messaggi : 7334
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 74
Località : Bergamo e Rimini

Tornare in alto Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 9 di 9 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum