Episodi o strategia in atto?

Pagina 12 di 12 Precedente  1, 2, 3 ... 10, 11, 12

Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da einrix il Ven 18 Mag 2018, 07:39

18/05/2018 07:09
Putin:nostre navi fisse in Mediterraneo

 Il presidente russo Putin ha detto che 
 le navi della Marina militare russa, e-
 quipaggiate con missili da crociera,sa-
 ranno in servizio "in modo permanente  
 nel Mediterraneo",a causa del "permane-
 re della minaccia di attacchi in Siria"

 Putin ha osservato che "l'elevato li-  
 vello di prontezza di combattimento ed 
 efficienza delle forze navali è il fat-
 tore più importante per la sicurezza e-
 conomica del Paese, per il mantenimento
 della parità strategica e, in generale,
 uno strumento importante per garantire 
 gli interessi nazionali" della Russia. 

Così anziché una sola flotta straniera: quella degli Stati Uniti, ne avremo pure un'altra, grazie alle guerre che le ex potenze coloniali continuano a mettere in campo nel Mediterraneo. E' ora che la smettano e se ne tornino al loro paese.

Ora che la Russia riesce a prendere serie iniziative in difesa dei suoi interessi pare si suoni una musica diversa da quella stonata che si sentiva ai tempi della guerra contro la Serbia. Allora i russi non avevano neppure il carburante per trasferire i carri armati, da una provincia serba all'altra.
avatar
einrix

Messaggi : 8915
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 75
Località : Bergamo e Rimini

Torna in alto Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da einrix il Dom 10 Giu 2018, 18:05

10/06/2018 18:57
Moavero: "La Nato si impegni a Sud"
  18.57                                 
 Moavero: "La Nato si impegni a Sud"    
 La Nato non trascuri "la proiezione di 
 stabilità verso il fianco Sud, da dove 
 provengono importanti sfide per l'Al-  
 leanza, a partire dal terrorismo". Lo  
 ha detto il ministro degli Esteri Moa- 
 vero incontrando alla Farnesina il se- 
 gretario generale Stoltenberg, dal qua-
 le ha ricevuto "assicurazioni".        

 Il ministro ha ribadito poi l'importan-
 za per l'Italia che al vertice dei capi
 di Stato e di governo della Nato l'11 e
 12 luglio a Bruxelles "venga riafferma-
 to l'approccio dell'Alleanza per una   
 sicurezza a 360 gradi".

Caro Moavero Gladio cos'era? La P3 cosa era? I talebani contro i russi cosa erano?

La guerra in Libia cosa è stata? La guerra in Cecenia e in Siria, cos'è stata se non guerra asimmetrica con l'uso del terrorismo. E chi pagava, addestrava, armava i terroristi se non l'Arabia Saudita, la Gran Bretagna e gli Stati Uniti?

Inoltre, a noi italiani la guerra sul nostro confine sud condanna il meridione alla miseria. Se cessa la guerra che la NATO vuole mantenere, Palermo, Napoli e Bari diventano, insieme al Cairo, le città più ricche di questa parte del mondo.
Alla NATO sta bene la guerra perché si vuole tenere l'Italia in miseria, che a sua volta renderà l'Europa debole e ciò per far un piacere agli Stati Uniti ed alla GB che l'Europa non l'amano.

Quindi, per favore, che gli USA tornino a casa loro e che non provino più a trattarci come sudditi. L'era della Sovranità Limitata, per l'Italia e l'Europa, deve finire.

PS
sono tornato dalle vacanze.


Ultima modifica di einrix il Mar 12 Giu 2018, 08:05, modificato 1 volta
avatar
einrix

Messaggi : 8915
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 75
Località : Bergamo e Rimini

Torna in alto Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da einrix il Dom 10 Giu 2018, 18:37

In questo articolo, che sarà di parte quanto si vuole, ci sono delle accuse precise proprio ai servizi americani:

https://it.sputniknews.com/mondo/201802155649929-ucraina-maidan-cecchini-georgiani-testimonianze/

Se non è questo terrorismo puro, allora neppure ISIS è terrorismo.
avatar
einrix

Messaggi : 8915
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 75
Località : Bergamo e Rimini

Torna in alto Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da einrix il Ven 10 Ago 2018, 15:40



10/08/2018 16:30
Erdogan telefona a Putin:tra noi legami

 Telefonata tra il presidente turco     
 Erdogan e il leader del Cremlino Putin,
 sui rapporti economici tra i due Paesi 
 nell'ambito del crollo della lira turca
 e della crisi dei mercati delle ultime 
 ore. Lo riferiscono fonti ufficiali    
 turche.                                

 I due si sono "felicitati" che i legami
 economici e finanziari progrediscano in
 modo "positivo" e della duratura coope-
 razione nell'industria militare e nell'
 energia.

Notizia importante, da verificare in Siria dove gli stessi protagonisti, inclusi gli americani, si stanno fronteggiando e stanno combattendo, questi ultimi, spesso, dietro le sigle di movimenti ribelli che talvolta diventano terroristi. Molte anticipazioni si avranno proprio osservando l'evoluzione di questi tre stati, nei prossimi mesi quando si dovrà affrontare la questione di Idlib e poi quella delle regioni prese dai curdi a nord est dell'Eufrate. Sui confini di Idlib, nella regione di Hama, pare che le operazioni militari siriane siano già iniziate, con l'aiuto dei russi, dovendo tra l'altro difendere le basi russe, ora troppo esposte.
avatar
einrix

Messaggi : 8915
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 75
Località : Bergamo e Rimini

Torna in alto Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da einrix il Sab 25 Ago 2018, 16:23

Distruggere la Siria è già un buon risultato per gli USA e Israele.
Ma gli USA non sono contenti. In Siria vogliono creare occasioni per aumentare il conflitto con la Russia nel quadro di una nuova stagione di cortina di ferro e dura competizione. Pensano in qualche modo di obbligare i paesi satelliti dell'America, che vorrebbero una maggiore indipendenza, a restare al loro posto.

Da quanto succederà in Siria e da quanta forza, determinazione e deterrenza riusciranno ad esprimere i russi, deriveranno quei processi che nel volgere di un breve periodo cambieranno i destini del mondo.

Sta di fatto che se gli USA attaccano adesso la Russia in Siria ed in Ucraina, è per sottometterla, in qualche modo, e per evitare che stringa un patto d'acciaio con la Cina, ora che la Cina non è pronta ad uno scontro globale con gli USA.

Trattandosi di un azzardo, gli USA operano con molta prudenza, prudenza che però non riesce a nascondere le finalità.

D'altra parte, entro certi limiti, la Russia sfrutta questo conflitto per la sua politica estera e per il suo riarmo, in competizione con gli USA, e da ciò che ha fatto in vent'anni, si comprende quanto valida sia la sua industria militare che dallo spazio agli oceani copre tutte le necessità della difesa del suo territorio e di quello dei suoi alleati.

Per fortuna che non ho compiti di comando, perché altrimenti, al primo lancio di missile, schiaccerei subito il bottone della rappresaglia verso i vettori e le basi di lancio di americani, francesi e britannici. 

Anzi, una bomba al cloro, dando la colpa a loro, la farei esplodere io, di nascosto ed in modo da non provocare vittime, solo per prendere l'iniziativa. Tanto loro faranno esattamente così, scegliendo i tempi, che per la Siria è pure peggio.

La battaglia per riprendere Idlib sarà lo scenario in cui si consumeranno le speranze che talvolta sono drammi.
avatar
einrix

Messaggi : 8915
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 75
Località : Bergamo e Rimini

Torna in alto Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da einrix il Lun 10 Set 2018, 17:02

https://nationalinterest.org/feature/why-states-are-turning-proxy-war-29677

Sulla guerra per procura.
Articolo molto interessante
avatar
einrix

Messaggi : 8915
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 75
Località : Bergamo e Rimini

Torna in alto Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da einrix il Lun 10 Set 2018, 18:27

Manuale di guerra asimmetrica

https://nationalinterest.org/feature/future-warfare-irregular-29672

Per l'autore, gli USA non fanno abbastanza pensando alla guerra convenzionale...
Fa ridere a giudicare dalla strategia della tensione che abbiamo subito noi in Italia, i colpi di stato in Grecia, in Cile, e poco fa anche in Turchia, o del terrorismo in Siria.

Diciamo che predilige gonfiare i muscoli, per farsi vedere, ma come in Libia, agisce anche di nascosto.
avatar
einrix

Messaggi : 8915
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 75
Località : Bergamo e Rimini

Torna in alto Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da einrix il Dom 16 Set 2018, 20:01





Sputnik è un giornale di propaganda russo, che fa esattamente quello che fanno altri giornali di propaganda. Anche la propaganda, per il fatto del detto: la lingua batte dove il dente duole, serve a dare spunti a chi voglia leggere tra le righe. 

https://it.sputniknews.com/mondo/201809166504105-der-standard-cina-destino-unione-sovietica-fatto-autorita-cinesi-elevato-produttivita-armamenti/

e le riflessioni che mi vengono in mente, sono le seguenti:

La guerra fredda... Con la Cina degli anni cinquanta e sessanta, l'URSS doveva sostenere se stessa ed i paesi emergenti o in via di decolonizzazione. Adesso, con meno di 150 milioni di abitanti ed un PIL di 1645 miliardi di dollari deve competere con gli USA che hanno 325 milioni di abitanti ed un PIL da 18.495 miliardi di dollari. Però avendo le atomiche  e con esse, una capacità di deterrenza di tutto rispetto, sul piano militare può competere a testa alta. 
Se sul piano militare non c'è storia, allora il mezzo per mettere in crisi la Russia è l'economia, e le sanzioni di vario genere, ne sono lo strumento. Sul piano economico e per difendersi dalle sanzioni, deve crearsi un mercato esterno all'area delle sanzioni medesime, e lo può fare con moltissimi paesi, ed in special modo nel campo degli armamenti, dove per necessità è divenuta davvero una potenza industriale di tutto rispetto.
Per la Cina, che ha poco meno di un miliardo e mezzo di abitanti, e un PIL da 12 mila miliardi di dollari, considerata la sua deterrenza e il suo PIL, le sanzioni potrebbero risultare di più difficile applicazione e meno efficaci, salvo non trattarsi di un vero embargo, per impedirne commerci e comunicazioni con i paesi, che in tal caso si configurerebbe in atti di guerra veri e propri.
Per frenare la Cina, il Pentagono ha pensato ai dazi, che allorché diventino simmetrici, finiscono per frenare lo sviluppo di chi non abbia accesso ad un mercato alternativo. E in questo caso, per le politiche di globalizzazione in atto, la competizione è estesa al resto del mondo.
La guerra dei dazi, per gli USA potrebbero essere un autentico boomerang. Senza contare che la Cina, proprio per quel fatto, considererebbe gli USA nazione nemica. Tutto il lavoro di Kissinger per separare la Russia dalla Cina, sta fallendo proprio per questa nuova strategia politica, che chissà se agli USA porterà risultati.
Per la Cina, se riesce a trovare all'estero le risorse necessarie, in cambio della sua forte capacità produttiva, ha ancora mezzo paese da far crescere, a differenza degli USA, arrivati ormai al proprio asintoto, e così, le sue produzioni possono espandersi all'interno della Cina, aumentando enormemente il PIL e la forza complessiva del paese.
Per la Cina, ancor più che per la Russia, gli USA cercheranno i modi per destabilizzare il paese dall'interno. Il terrorismo islamico di alcune minoranze arruolate anche in Siria, dagli USA, è una delle leve che il Pentagono conta di attivare, al momento opportuno. E poi, c'è il comunismo... che però, non è più comunismo quando i mezzi di produzione siano anche dei privati. In quel caso, volendo essere storicamente corretti, è più proprio parlare di fascismo. Anche Mussolini era direttore dell'Avanti, prima di diventare Mussolini. I cinesi, in qualche modo, hanno fatto naturalmente così.
Non è detto che altrove si stia pensando alle guerre di secessione americane e alla ruggine che c'è ancora negli USA tra nordisti e sudisti. Lo dico quasi per scherzo, ma se intervenisse una qualche crisi economica, con un pizzico di trumpismo, a leggere i giornali di oggi, nella provincia americana, potrebbe anche accadere.
avatar
einrix

Messaggi : 8915
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 75
Località : Bergamo e Rimini

Torna in alto Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da einrix Ieri alle 16:53

Qualche ragionamento.

Di questo articolo condivido totalmente questa parte: "L'accordo con il presidente turco Recep Tayyp Erdogan  siglato a Sochi domenica sera  è un atto inevitabilmente transitorio. La decisione di creare una forza cuscinetto composta da militari turchi e russi per separare le forze ribelli da quelle dell'esercito siriano non può che esser temporanea. La consegna delle armi pesanti da parte dei ribelli, imposta dall'accordo russo-turco, sarà lo spartiacque che dividerà le forze  ribelli più radicali guidate Hayat Tahrir al-Sham, la costola siriana di  Al Qaida, da quelle pronte ad un accordo di pace mediato dalla  Turchia.
A quel punto la Russia e la Siria avranno carta bianca per eliminare, o costringere alla resa, anche gli irriducibili di Al Qaida. E  Putin potrà lanciare  il processo di riconciliazione su cui  punta per garantire la pacificazione e la ricostruzione della Siria".

https://it.sputniknews.com/opinioni/201809196521341-siria-abbattimento-il20-perche-putin-ha-assolto-israele/

Sull'Iran e Israele è solo fumo. Israele è un nemico e l'Iran è diventato un alleato come in parte lo è adesso, Ankara.

Che Idlib sia poi l'ultima provincia da liberare... mi pare eccessivamente ottimistico. Non sarà facile cacciare gli americani, più dei curdi, da est dell'Enfrate. E gran parte della crisi internazionale si consumerà proprio li, se non ci sarà qualche contropartita.
L'Afganistan? Credo che russi e iraniani stiano fornendo logistica ai Talebani proprio per precostituire le condizioni di un qualche scambio. Non lo dice nessuno, ma se l'Afganistan è stata una trappola per l'URSS, perché non potrebbe esserlo per gli USA, come un secondo Vietnam. Se vogliono, russi e iraniani, possono accelerare la spinta allo sgretolamento. 

Tra i malintesi vi è quello dei Talebani= Al Qaeda. Vi è stata a suo tempo un'alleanza patrocinata dagli Stati Uniti, ma dopo l'attacco alle Torri Gemelle e l'invasione dell'Afganistan da parte degli americani, i Talebani sono solo afgani che hanno perso quella battaglia e che vogliono poter rientrare nel loro paese a testa alta. E credo che i russi, in questa logica, li possano aiutare.
avatar
einrix

Messaggi : 8915
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 75
Località : Bergamo e Rimini

Torna in alto Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 12 di 12 Precedente  1, 2, 3 ... 10, 11, 12

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum