La morte di Regeni e l'Egitto di Abd al-Fattah al-Sisi

Pagina 4 di 4 Precedente  1, 2, 3, 4

Andare in basso

Re: La morte di Regeni e l'Egitto di Abd al-Fattah al-Sisi

Messaggio Da einrix il Lun 04 Set 2017, 13:08

04/09/2017 14:38
Alfano:"Impossibile no rapporti Egitto"

 "L'Egitto è partner ineludibile dell'  
 Italia, come l'Italia è imprescindibile
 per l'Egitto". Così il ministro Alfano 
 alle Commissioni di Camera e Senato.   

 "Nonostante questo,il giorno del ritro-
 vamento del cadavere di Giulio Regeni i
 rapporti bilaterali hanno subito un du-
 ro colpo, l'omicidio Regeni è una grave
 ferita per le nostre coscienze,per tut-
 ti noi e per un intero Paese",ha detto.
 L'Italia vuole "la verità vera", dice  
 Alfano. Summit di inquirenti a settem- 
 bre; l'ambasciatore Cantini cura "l'in-
 tero spettro dei rapporti" tra i Paesi,

Concetti semplici e chiari, ma dire di volere la verità vera, è un eufemismo, un non senso.
La verità la conosciamo benissimo.

- l'Università inglese ha mandato Regeni a fare una ricerca in Egitto su certi aspetti sociali sensibili per quel paese
- sospettato di essere una spia è stato arrestato, interrogato e ammazzato.

D'altra parte conosciamo altre verità che da Piazza Fontana in poi hanno lasciato una scia di sangue, e che non hanno quasi mai trovato riscontro nelle sentenze di un giudice, perché talvolta è impossibile processare governi e servizi segreti propri, o di amici e alleati.

Così va bene che l'ambasciatore sia tornato al Cairo per tutelare gli interessi dei nostri connazionali che sono molto più di un Regeni ormai morto.
avatar
einrix

Messaggi : 8227
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 75
Località : Bergamo e Rimini

Tornare in alto Andare in basso

Re: La morte di Regeni e l'Egitto di Abd al-Fattah al-Sisi

Messaggio Da einrix il Gio 02 Nov 2017, 17:27



http://www.repubblica.it/esteri/2017/11/02/news/regeni_cambridge-179993364/?ref=RHPPLF-BH-I0-C8-P3-S1.8-T1


L'ipotesi più probabile che si può fare e su cui la magistratura potrebbe lavorare, è che l'egiziana Maha Mahfouz Abdel Rahman fosse una spia degli americani, sin da quando era "Professore associato di Sociologia all'American University del Cairo". Gli studi di sociologia era una possibile tecnica per coprire le attività di intelligence più specifiche, che potevano consistere nell'acquisire informazioni sensibili e reclutare spie sul campo.

Qualche interlocutore del Regeni, pensava infatti che Regeni potesse essere una spia e gli approcci comprendevano richieste di denaro in cambio di favori o informazioni. Così abbiamo letto tra le righe della ricostruzione di quanto era avvenuto, prima dell'arresto, delle torture e della sua morte. Ovviamente non si esclude che tra quegli stessi interlocutori non vi fosse una spia del governo cairota, che in quel modo cercava di capire quali fossero le reali attività del Regeni. 

E così sarebbe plausibile che la dottoressa Maha Mahfouz Abdel Rahman avesse dovuto lasciare il Cairo, temendo di essere scoperta, e che per continuare la sua attività di spionaggio si servisse di studenti, ignari o meno, che venivano mandati in Egitto con la scusa delle ricerche sociologiche.

Non mollerei la pista britannica, perché è li in Gran Bretagna che di sicuro è iniziato quello che a quel modo è finito al Cairo.

Alla fine potrebbero emergere fatti avvaloranti l'idea che Regeni sia stato vittima innocente o meno, sia del governo egiziano che di quello britannico.
avatar
einrix

Messaggi : 8227
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 75
Località : Bergamo e Rimini

Tornare in alto Andare in basso

Re: La morte di Regeni e l'Egitto di Abd al-Fattah al-Sisi

Messaggio Da einrix il Ven 03 Nov 2017, 13:07

03/11/2017 11:03
Regeni, "Tutor Cambridge cela qualcosa"

 "E'evidente"che la tutor di Regeni "na-
 sconde qualcosa": così al Corsera l'am-
 basciatore italiano in Uk, Terracciano.

 Maha Abdel Rahman "dice di voler colla-
 borare ma svicola sempre", dice. "Ini- 
 zialmente si è sottratta dicendo che   
 avrebbe collaborato ma secondo vie uf- 
 ficiali", poi si è presa un anno "non  
 un sabbatico ma per depressione, proba-
 bilmente provata dalla vicenda". Ora,  
 davanti alla rogatoria giudiziaria,"di-
 ce che sarebbe pronta a collaborare, ma
 in modo informale e confidenziale" ma  
 "non è più possibile. Qualcosa non va".
Potrebbe essere  una collaboratrice dell'intelligence anglo americana...
bruciata! Vedo con estrema difficoltà altre possibilità. Ovviamente, le mie sono solo illazioni.
avatar
einrix

Messaggi : 8227
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 75
Località : Bergamo e Rimini

Tornare in alto Andare in basso

Re: La morte di Regeni e l'Egitto di Abd al-Fattah al-Sisi

Messaggio Da einrix il Sab 04 Nov 2017, 08:51

04/11/2017 07:55
Tutor Regeni: No messo a rischio da noi

 Giulio Regeni "era là per un interesse 
 insaziabile di capire e aiutare, non   
 spinto da qualcuno. E' un insulto alla 
 sua memoria suggerire il contrario", ha
 dichiarato Rabab El Mahdi, la tutor di 
 Regeni all'UniversitA  Americana del   
 Cairo,al Corsera,dopo le accuse e i so-
 spetti pubblicati sui media italiani   
 sulla supervisor di Cambridge Maha     
 Abdelrahman e su lei stessa.           

 "Sono arrabbiata",ha detto. "Non solo  
 questi articoli sono ingannevoli" ma   
 "servono solo a spostare l'attenzione  
 su chi ha tortutato e ucciso Reggeni".

E speriamo che sia così, e se così fosse, ce ne scusiamo, ma...
se fossi un investigatore, cercherei proprio di capire la personalità di una Professoressa che insegna al Cairo in una università americana, che in seguito, per qualche ragione sconosciuta, si trasferisce a Londra e da li, mantiene in qualche modo i suoi contatti con il Cairo, attraverso giovani studenti, uno dei quali, sospettato di spionaggio, viene ucciso dalla polizia egiziana.

Nella migliore delle ipotesi si è trattato di un tragico errore, della polizia egiziana, ma nella peggiore, può trattarsi anche di vero spionaggio americano o britannico che manda allo sbaraglio un giovane italiano, desideroso di conoscere la realtà di quel paese.
avatar
einrix

Messaggi : 8227
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 75
Località : Bergamo e Rimini

Tornare in alto Andare in basso

Re: La morte di Regeni e l'Egitto di Abd al-Fattah al-Sisi

Messaggio Da einrix il Sab 04 Nov 2017, 14:04



http://www.ansa.it/sito/notizie/politica/2017/11/02/regeni-rogatoria-procura-roma-per-interrogare-la-tutor_40c01f51-5ab0-418e-99d9-3c0665f1aa8d.html

Questo voler sfuggire alle domande, fingendo disponibilità è proprio qualche cosa che puzza di bruciato. Ed anche il fatto che le autorità inglesi sfuggano, come quelle egiziane, lascia pensare a intrighi che non si vogliono disvelare.

Se non fosse per i genitori, ed anche per la stampa, forse anche il governo italiano tirerebbe una riga sopra la vicenda, tanto da chiuderla.

Credo proprio che quei ragazzi venissero mandati allo sbaraglio, sfruttando proprio le loro sensibilità, e spesso si devono essere trovati in varie difficoltà, pressati da un mondo che in qualche modo ha approfittato di loro.
avatar
einrix

Messaggi : 8227
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 75
Località : Bergamo e Rimini

Tornare in alto Andare in basso

Re: La morte di Regeni e l'Egitto di Abd al-Fattah al-Sisi

Messaggio Da einrix il Dom 05 Nov 2017, 18:59

05/11/2017 16:22
Egitto convoca ambasciatore italiano
 
 Il vice ministro degli Esteri egiziano 
 ha convocato gli ambasciatori di Germa-
 nia, Gran Bretagna, Canada, Paesi Bassi
 e Italia per protestare ufficialmente  
 contro una nota congiunta dei cinque   
 paesi in cui si esprimeva "profonda    
 preoccupazione" per la detenzione del- 
 l'avvocato per i diritti umani Ibrahim 
 Metwally.                              

 L'Egitto ha espresso la sua "forte in- 
 dignazione" per un gesto che "costitui-
 sce un'ingerenza evidente e inaccetta- 
 bile negli affari interni egiziani".

Ha fatto bene l'Egitto a protestare e meglio hanno fatto quei paesi, come l'Italia, che denunciando certi fatti, lo hanno fatto arrabbiare. Che si arrabbi pure. E' il minimo danno che gli si può procurare. 
Tra quei paesi non c'è la Francia che in Egitto e in Libia è da troppo tempo che gioca sporco!
avatar
einrix

Messaggi : 8227
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 75
Località : Bergamo e Rimini

Tornare in alto Andare in basso

Re: La morte di Regeni e l'Egitto di Abd al-Fattah al-Sisi

Messaggio Da einrix il Mer 10 Gen 2018, 20:01

10/01/2018 17:28
Regeni, indagata sua tutor a Cambridge

 Perquisiti l'ufficio e l'abitazione    
 della professoressa dell'Università di 
 Cambridge, in Gran Bretagna, Maha Abdel
 Rahman, tutor di Giulio Regeni, il ri- 
 cercatore rapito, torturato e ucciso al
 Cairo nel 2016.                        

 Gli inquirenti della Procura di Roma   
 che indagano sull'omicidio hanno acqui-
 sito pc, pen-drive, hard disk e cellu- 
 lare della docente. La perquisizione   
 segue l'audizione della dottoressa     
 Rahman con il pm italiano, affiancato  
 dai Ros e dallo Sco, in collaborazione 
 con le autorità del Regno Unito.

Notizia piena di spunti, riflessioni, intuizioni, ma che da sola non basta a chiarire il quadro delle finalità della Tutor, e di Regeni stesso, per venire a capo della vicenda. E se gli egiziani avessero suggerito la pista dello spionaggio GB? Non ce ne sarebbe da meravigliarsi, visto che Regeni deve essere stato arrestato ed ucciso in Egitto, proprio per quello. Qual'era il suo vero ruolo, il ruolo che Maha Abdel Rahman, in forma diretta o indiretta, gli aveva assegnato. Era lui che era uscito dal ruolo, finendo per esserne travolto?
avatar
einrix

Messaggi : 8227
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 75
Località : Bergamo e Rimini

Tornare in alto Andare in basso

Re: La morte di Regeni e l'Egitto di Abd al-Fattah al-Sisi

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 4 di 4 Precedente  1, 2, 3, 4

Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum