Esame di immaturità

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Esame di immaturità

Messaggio Da CiRom il Gio 20 Giu 2013, 08:21

Come ogni anno, da un paio di decenni in qua, in questo mese abbiamo le rituali cronache di quello che sembra un genocidio, una deportazione di massa, una tragedia nazionale: il cosiddetto esame di maturità, che sconvolge la vita di un intero popolo di tardo-adolescenti, ai quali vengono consigliate diete a base di fibre e vitamine, training autogeni, esercizi yoga e lettere d'addio nel caso non sopravvivessero alla prova.
Sarebbe il caso di abolire questo esame non foss'altro che per evitare questa rituale pagliacciata comunicativa, che può essere difesa con l'unico argomento per cui è solo una delle tante, e nemmeno la peggiore.

Il guaio è che dietro la facciata comica esiste davvero un problema, ossia quello dell'inutilità dell'esame, diventato come minimo anacronistico, non solo rispetto all'habitat sociale d'intorno, ma rispetto anche all'ambito strettamente scolastico.
Della "maturità" dei ragazzi alla "società" non frega ormai assolutamente niente, ma anzi è scomparso dalla griglia di lettura il concetto stesso di un giudizio che appare una prevaricazione, laddove pretendesse di dare una valutazione complessiva della persona: soprattutto perché sono venuti a mancare i criteri di una simile valutazione, in un contesto sociale che ha da tempo rinunciato a dare giudizi su base "culturale", o etica o morale su qualunque cosa, a cominciare da se stessa.

Ancora più incongruo è un esame di questo genere in un corso - alla fine di un corso - didattico nel quale fin dai primissimi passi si tende a scindere l'educazione in moduli, sia concettuali, sia procedurali, quali per esempio il "sapere" e il "saper fare", le "abilità", il "linguaggio", la "creatività".
Un corso didattico, nel quale è ridotto ai minimi termini il concetto di selettività e di "difficoltà", e si punta (a cominciare dai libri di testo e nei supporti didattici) a ridurre le "materie" alla dimensione della facilità di apprendimento invece che avvicinare l'apprendimento alla complessità delle materie,  in aperta e totale contraddizione con tutto ciò che l'ha preceduto.
avatar
CiRom
Moderatore

Messaggi : 137
Data d'iscrizione : 30.05.13

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum