In attesa dell'esito del Consiglio Europeo in corso a Bruxelles (27-28.06.13)

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

In attesa dell'esito del Consiglio Europeo in corso a Bruxelles (27-28.06.13)

Messaggio Da Erasmus il Ven 28 Giu 2013, 12:12

Stamattina ho fatto la solita visitina ad EUobserver a scopo informativo.
Il Consiglio Europeo in corso (vertice dei leader dei governi dei 27 stati-membri) è importante, ma probabilmente anche questo non risolverà granché (ammesso pure che concluda qualcosa di utile senza finire negli accordi al ribasso per la solita idiozia di dover decidere all'unanimità).

Tutti d'accordo, a parole, che bisogna fare una politica di crescita, di incentivo all'occupazione giovanile, ecc. ecc. Ma senza fondi da investire (come giustamente insisteva Cohn Bendit) in precisi progetti a livello europeo non si andrà al di là delle belle parole e delle espressioni di solidarietà per i giovani che non trovano lavoro,  per i meno giovani che il lavoro l'hanno perso e per le piccole imprese che stanno chiudendo a migliaia al mese.

En passant ho dato un'occhiata (sempre su EUobserver) alle "Notizie in breve" scoprendo  ... che tutto il mondo è paese! Due notiziole in fatto di corruzione. Una viene dalla Spagna, l'altra riguarda l'Irlanda ed è implicita in una 'esternazione' della Merkel.
• Dalla Spagna si viene a sapere che l'ex tesoriere di stato Luis Bárcenas, pezzo grosso del "Partito Popolare", è titolare di conti presso banche svizzere per un ammontare di quasi 24 milioni di euro, ma non è in grado di spiegarne la provenienza!  Il bello — si fa per dire — di questa notizia  è che l'accusa di corruzione (per la quale Bárcenas è ora agli arresti senza cauzione) non viene dal rilievo di ammanco da parte della tesoreria di stato né da parte di quella del Partido Popular, bensì da rogatorie della magistratura spagnola presso le banche svizzere nell'ambito di indagini su precedenti 'scandali' di evasione fiscale (con relativo parziale condono per chi faceva rientrare suoi ingenti patrimoni collocati all'estero). Mi viene in mente quel Luigi Lusi tesoriere della "Margherita" che similmente accantonava  qualche milione di euro, naturalmente all'estero; e quell'atro francese, Jérôme Cahuzac, ministro del Bilancio nel governo voluto da Hollande, apostolo della trasparenza e feroce nell'oratoria contro gli evasori fiscali, accusato poi di essersi pure fatto il suo tesoretto presso banche svizzere prima e di Singapore poi.
• Dall'Irlanda si viene a sapere che nel 2008 i dirigenti delle banche Anglo-Irlandesi hanno manipolato i conti nel chiedere il salvataggio allo stato che a sua volta ha dovuto ricorrere al bail-out effettuato poi dal FMI e dall'UE. E' a questo riguardo che la Merkel ha esternato sdegno dicendo che il comportamento di quei dirigenti, sorpresi nel manipolare i dati del "salvataggio" delle loro banche pagato dallo stato con i soldi dei contribuenti, è un insulto alla gente che lavora.

====================
Trascrivo ora l'articolo che EUobserver dedica oggi al Consiglio Europeo.

Fonte: => Riflettori sulla BEI (la Banca Europea degli Investimenti): i leader europei cercano come incentivarne i prestiti


EIB in spotlight as leaders eye increased business lending

TODAY @ 07:37

By Benjiamin FOX

BRUSSELS - The European Investment Bank (EIB) was in the spotlight on Thursday (27 June) as EU leaders examined ways to boost lending to Europe's cash-strapped businesses.


The communique expected to be endorsed at the end of the summit urges the EIB to "implement its plan to increase its lending activity in the EU by 50% over 2013-2015."


Lending to businesses has fallen in each of the last 12 months.
(Photo: Images_of Money

It also called for greater cooperation between national development banks and the EIB to increase opportunities for co-lending.


Meanwhile, a joint paper presented at the summit by the European Commission and the EIB, suggested that merging EU structural funds together with EIB money could re-launch an EU securitisation market and leverage up to €100 billion. Representatives from the EU's executive arm and the EIB are expected to report back at the October summit.

EU officials are keen to use the EIB to ease the credit crunch faced by small businesses. Loans to businesses have contracted every month for the past year, with lending conditions particularly tight in the countries worst affected by the eurozone debt crisis and economic stagnation.

Member states agreed to provide an additional €10 billion of equity for the EIB in June 2012 as part of a so-called Growth and Jobs pact, with leaders claiming that this could be leveraged to facilitate €60 billion in extra lending.

The Luxembourg-based bank's lending operation in the EU totalled €44.7 billion in 2012, with the bank pledging to increase lending to €62 billion in 2013 followed by €60 billion in 2014 and 2015.

However, there remain doubts that the extra funds will lead to higher lending.

[EIB boss Werner Hoyer, a former minister in Angela Merkel's German government, is reluctant to risk lending that could jeopardise the banks triple-AAA credit rating.

Prior to the summit talks, a European Council official voiced frustration at the bank's apparent reluctance to lend. "We feel they haven't used the money boost enough, so we're looking at new ways to increase risk sharing," he said

For his part, Dutch Prime Minister Mark Rutte told deputies in his national parliament on Wednesday (26 June) that retaining the EIB's credit rating was a priority for his government, warning that otherwise the bank would pay higher interest rates on the capital markets.

A German official said that concerns about the EIB's triple-AAA rating "are of course important," adding that reports on the activity of the Luxembourg-based bank indicated that "they use the money exactly as they are supposed to."

Carsten Brzeski, a senior economist for ING, described the 50 percent target as "highly ambitious."

"The biggest problem for this to fly is the credit rating of the EIB….up to now the EIB has been pretty reluctant to put on more risk," he told this website.

]He also indicated that pooling structural funds and EIB money would be a better way to channel financial resources.

Instead of increasing the lending capacity, moving towards more securitisation would probably work better. It would also bring the ECB on board," he said.

Related:
• EU Investment Bank ramps up lending as crisis worsens

=======================================================
Ciao a tutti
avatar
Erasmus

Messaggi : 142
Data d'iscrizione : 22.05.13
Località : Unione Europea

Tornare in alto Andare in basso

Re: In attesa dell'esito del Consiglio Europeo in corso a Bruxelles (27-28.06.13)

Messaggio Da Adam il Ven 28 Giu 2013, 22:09

Caro Erasmus, ho visto anch'io di sfuggita le notizie, e mi spiace dire che in questo caso, il mal comune non mi è di nessun gaudio.

E Cameron boccia il bilancio! Ma quando ce lo toglieranno dai piedi questo rompiscatole?
avatar
Adam

Messaggi : 609
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 85
Località : Roma

Tornare in alto Andare in basso

Re: In attesa dell'esito del Consiglio Europeo in corso a Bruxelles (27-28.06.13)

Messaggio Da Erasmus il Dom 30 Giu 2013, 23:26

Ho ricevuto ieri l'e.mail di EUobserver con il sommario ed il link agli ultimi articoli di EUobserver.
Mi scuso per arrivare in ritardo a  pubblicare quello che fa il resoconto del Consiglio Europeo.
Come previsto, anche questro summit, sbandierato di estrema importanza, si è chiuso con magri risultati.
Naturalmentre Van Rompuy come "Presidente del Consiglio" (che nulla ha a che fare con l'idea di  leader, o di premier, ma semplicemente è la persona che in sostanza fa da moderatore nelle riunioni del Consiglio, compreso il Consiglio Europeo) dice il contrario, e cioè che si sono prese decisioni importanti. Beh: la più importante decisione è stata quella di rinviare cosa fare davvero al prossimo Consiglio Europeo che si terrà in ottobre (sotto la presidenza semestrale irlandese che comincia da domani 1° luglio). Allora (dice la Merkel) le idee saranno chiare sul da farsi (sia per copletare l'Unione bancaria, sia a riguardo della lotta alla disoccupazione). A proposito: i disoccupati sono circa 26 milioni e la  tanto attesa politica di "crescita" si riduce alla decisione di investire 6 miliardi di Euro (da spendere in due anni) in progetti anti-crisi. Con mezzo miliardo di cittadini, si tratta dunque di ben 6 euro all'anno per abitante !!!


La maggior parte del tempo è stata spesa in dibattiti sterili  o addirittura di sola perdita di tempo. Per esempio, Cameron ha tentato in tutti i modi di ritrattare a suo vantaggio iol "rebate" (ossia la quota di rimborso che l'UK già riceve come differenza tra il suo contributo alle spese dell'UE e quanto di queste spese sono investimenti effettivamente a favore della Gran Bretagna. (Non c'è riuscito per l'estrema resistenza della Merkel (e di Hollande stesso). Inoltre, Cameron ha portato e fatto passare in visione un libretto che illustra come e qualmente il Parlamento Europeo spende male i soldi dell'UE per poi spostare (o almeno tentare di spostare) il dibattito su quanto si risparmierebbe tagliando le spese al PE (a partire dagli emolumenti dei parlamentari). Per carità: si tratterebbe di un buon esempio, certamente anche significativo. Ma non è certo in ciò che consisterebbe la politica anti-crisi, di progetti per la crescita e di lotta alla disoccupazione (specie giovanile). E  intanto Cameron mette in guardia l'UE: che non succeda (dice) che, a fronte delle spese per incentivare investimenti in progetti di crescita, venga in mente di rivedere al rialzo il budget settennale (che è dell'1% del PIL globale dell'UE, e minore di circa lo 0,14% del PIL del precedente budget settennale.


Trascrivo di seguito l'articolo che EUobserver di resoconto del vertice Europeo concluso venerdì 28 giugno pomeriggio, 

===================================================
=> Member states agree to fast-track youth money


28.06.13 @ 16:44
BY HONOR MAHONY


BRUSSELS - A low-key EU summit finished Friday (28 June) with an agreement to fast-track money to tackle youth unemployment and boost lending to small companies, but the meeting was nearly overshadowed by side issues, including a colouring-book featuring fictional MEPs.
"It has been a very productive summit," said EU Council President Herman Van Rompuy, with governments pledging to spend €6 billion over the next two years to support getting young people into jobs or training.
They also agreed to "prioritise" any unspent money from the budget for employment issues, although critics say the sums are too small to make a difference to the EU's 26 million without work.
The European Investment Bank was given the nod to lend hundreds of billions of euros to small businesses - seen as the backbone of the economy, but currently starved of credit.
There was no progress on further steps to banking union, considered essential for ensuring the longterm stability of the eurozone. But the commission said it would come forward with plans on how to wind down failing banks - a key and controversial part of banking union - within two weeks


"The bridges are ready or under construction," said Van Rompuy referring to the legislative process.
Looking ahead, member states said they would discuss what makes an economy competitive at their next meeting in October and how to make Brussels' economic policy recommendations binding at their December summit.
"We can only agree on what to do next once we agree what is important. It lasts longer, yes, but now we have a clear calendar and by the end of the year we'll be a step forward," said German Chancellor Merkel, responding to criticism about the slow pace of progress.
Meanwhile, the relative calm of the summit compared to previous panicked meetings at the height of the eurozone crisis meant that other 'events' came to the fore.
To the bemusement of his colleagues, UK Prime Minister David Cameron brandished a colouring book representing the privileged lives of "Mr and Mrs MEP" at the meeting, as an example of how EU money is being wasted.
German Chancellor Angela Merkel spent several minutes looking through the book, before remarking afterwards in a press conference that she could not be sure that the book was not a spoof.
A lengthy, but ultimately ineffectual, discussion about the British rebate, was not, as had been first assumed, started by London, but by France.
The French, for their part, also kept media ink flowing by continuing to batter away at European Commission President Jose Manuel Barroso.
Trade minister Nicole Bricq remarked on the eve of summit that the former Portuguese leader was doing much good in the job.
Her comments followed similar jibes by other left-wing French politicians that Barroso - seen as not appreciative enough of Paris' efforts to protect French culture from liberalisation - ought to resign.
Barroso, having entered the fray previously, this time said only that "some comments are not worth commenting on."
Ireland's Enda Kenny, for his part, tried to wrap up the country's six-month EU presidency on a positive note. But he was forced to admit that leaked tapes by two Anglo-Irish bankers - mocking Germany and the Irish government's decision to guarantee the bank's liabilities - had "damaged our reputation."

The Irish government offered a guarantee to Anglo and other lenders to keep them afloat, a move that eventually meant Dublin had to seek a bailout in 2010, funded largely by Germany.
In a lengthy apology, Kenny condemned the "toxic nexus between the banking world and the world of government and senior personnel," but said it belonged to a "past" Ireland.
Merkel, for her part, said: "For people who go to work each day and earn an honest living, this kind of thing is very hard to take, it's impossible to stomach."


RELATED


• Irish 'rage' after bank cheated on multi-billion bailout
• Ministers try to bridge divide on bank rescue funds
• Ministers crawl toward bank resolution deal





=======================
Ciao a tutti!
-------------------------
Inciso: ADDIO a Spazioforum!  Chiuso  definitivamente! Non si apre pi
--------
Erasmus (the European Federalist)
avatar
Erasmus

Messaggi : 142
Data d'iscrizione : 22.05.13
Località : Unione Europea

Tornare in alto Andare in basso

Re: In attesa dell'esito del Consiglio Europeo in corso a Bruxelles (27-28.06.13)

Messaggio Da Condor il Lun 08 Lug 2013, 08:19

.
avatar
Condor

Messaggi : 132
Data d'iscrizione : 11.04.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: In attesa dell'esito del Consiglio Europeo in corso a Bruxelles (27-28.06.13)

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum