1.TERAPIA GENICA

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

1.TERAPIA GENICA

Messaggio Da tessa il Gio 16 Gen 2014, 18:15

Come ho gia' accennato, 2 trial clinici del S.Raffaele di Milano hanno iniziato 15 anni fa lo studio per la prevenzione di 2 malattie genetiche. I bambini trattati nel 2010 con cellule "ingegnerizzate " tramite "mutagenesi inserzionale",(in poche parole con DNA modificato) non hanno manifestato i sintomi delle malattie e nel luglio del 2013 i ricercatori hanno annunciato cio' al mondo.
Spieghero' poi le tecniche di laboratorio usate per ottenere questa grande vittoria.
Pongo ora l'attenzione sui tumori perchè gli stessi gruppi di ricercatori stanno studiando l'interferon alpha per bloccare la crescita dei tumori- la cosa si sapeva da moltissimi anni-ma stanno agendo tramite la terapia genica, ossia iniettando nel tumore e nelle sue metastasi  cellule staminali che producono interferon alpha, preventivamente ingegnerizzate tramite mutagenesi inserzionale. Queste cellule staminali hanno il potere di replicarsi e di produrre grandi quantità di interferon alpha. Gli studi sono abbastanza avanti negli animali e dal prossimo anno si inizierà la sperimantazione nell'uomo.
L'interferon è prodotto normalmente nel corpo umano dai virus infettanti, e blocca la virulenza di altri virus che successivamente infettino l'organismo.
L'interferon fu isolato nel 1957 da due studiosi americano ISAACS e LINDENMANN ed è una proteina.
Da molti anni è usato per la terapia dei tumori ma per infusione è molto tossico. Si spera che con la terapia genica si ottengano cellule staminali che autoriproducendosi nel tumore lo eliminino perchè l'interferon alpha ha  attività antitumorale e agisce sul tumore primitivo e sulle sue metastasi.
Parlero' a poco a poco del significato di
1)aminoacido
2)proteina
3)acido nucleico
4)virus
5) terapia genica                                              FINE prima parte
avatar
tessa

Messaggi : 306
Data d'iscrizione : 01.06.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: 1.TERAPIA GENICA

Messaggio Da einrix il Gio 16 Gen 2014, 23:01

Pieno di interesse, ti seguo con attenzione.
avatar
einrix

Messaggi : 7334
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 74
Località : Bergamo e Rimini

Tornare in alto Andare in basso

Re: 1.TERAPIA GENICA

Messaggio Da tessa il Ven 17 Gen 2014, 19:03

Caro Einrix, grazie per la tua attenzione, la cosa che mi spaventa non e' scrivere intorno alla terapia genica, infatti l'ho proposto io, ma scrivere affinchè un utente medio (come dice l'admin) mi comprenda. Certo ci vuole una buona dose di volontà  a ricominciare dagli aminoacidi e dalle proteine.
Piano piano, vedremo. Insomma è come se io dovessi farmi capire da un idraulico,  da un ragioniere... tanti di loro navigano nel web. Io avevo pensato di parlare solo al nostro forum, fatto di persone con cultura superiore alla media, mah.
Sai che è carnevale? Ci sono delle feste domani qui da noi e altrove.
Ti ho invidiato per l'amore che ancora provi per tua moglie e per tutti i vostri balli , facesti l'elenco, beati voi,avete un grande affiatamento dopo tanti anni di matrimonio, suppongo..
Io non li conoscevo, andiamo in discoteca e la' ci divertiamo.
No, non so il tango.
Un abbraccio
avatar
tessa

Messaggi : 306
Data d'iscrizione : 01.06.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: 1.TERAPIA GENICA

Messaggio Da einrix il Ven 17 Gen 2014, 20:23

Di solito non capisco le cose che mi spiegano, quando neppure chi me le spiega le ha capite. Altrimenti non vedo la ragione di non capire. Spesso nella scienza occorre spiegare che gli atomi non si vedono, ma che ci sono vari modi di descriverli, sempre per qualche scopo, mai per la cosa in se. A quel punto tutto diventa facile, avendo il concetto di dipolo, per esempio. Ho capito qualche cosa in più sulle valenze, quando mi sono costruito una personale tabella degli elementi, seguendo lo schema della equazione di Schrödinger, che ti mostro.
 

 
E poi, non è sempre Schrödinger che ha concettualizzato il genoma, nel suo libro: Che cosa è la vita?

Una recensione
http://www.scienzaefilosofia.it/res/site70201/res569911_15-rec-schroedinger.pdf
avatar
einrix

Messaggi : 7334
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 74
Località : Bergamo e Rimini

Tornare in alto Andare in basso

Re: 1.TERAPIA GENICA

Messaggio Da tessa il Sab 18 Gen 2014, 11:02

Einrix, mi sento stanca, in questi ultimi 10 giorni ho perso molta energia, non so che ne sarà della mia discussione sulla terapia genica, ho avuto un crollo energetico.
Forse anche colpa del mio impegno di volontariato. Io e alcuni miei amici abbiamo seguito 3 famiglie sfrattate per cessata locazione e buttate in mezzo alla strada 10 anni fa. Ne' per loro si è trovato posto in un residence, abbiamo pagato loro l'affitto in appartamenti fuori Roma. In una famiglia sono morti tutti, nell'altra hanno perso tutti il lavoro,e qualcuno è morto di stenti,-  a novembre a una famiglia è stata assegnata una casa popolare verso Tivoli e abbiamo dovuto rimediare camioncini, mobili usati e portarli là.(A Roma 10 anni d'attesa per una casa popolare). Ora ci hanno avvertito che entro 10-20 giorni assegneranno l'altra casa popolare,non sappiamo dove- servono mobili  usati,camioncini, etc.
Mi dirai, Devi esere contenta perchè stai sistemando queste due famiglie, si' ma sono stanca.
In piu' ci si è messa una signora ache mi insulta perchè è venuta da me con la figlia di 18 anni a chiedermi la pillola del giorno dopo, ma io non l'ho prescritta perchè volevo tutte le analisi  del sangue e il dosaggio degli anticorpi anticardiolipina, loro non hanno voluto fare niente per partito preso, in una clinica privata potevano farle subito, quindi sono andate in tutti gli ospedali finchè non hanno trovato questa pillola.
Io non mi faccio radiare dall'Albo per loro.
La madre mi manda msm minacciosi e e-mail, il cui contenuto non si puo' riferire,  a tutti i miei indirizzi  di posta elettronica.
Ora sto aspettando un amico col camioncino per andare a prendere i mobili usati da uno che sta a Zagarolo.
Niente, sono stanca, ho perso energia, prega per me.
Ciao
avatar
tessa

Messaggi : 306
Data d'iscrizione : 01.06.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: 1.TERAPIA GENICA

Messaggio Da einrix il Sab 18 Gen 2014, 11:53

Ti sei messa in una curiosa avventura. Apprezzo sia la tua incoscienza che il tuo coraggio; sono per il sociale proprio perché odio l'eccezionale, ma è il mio limite, la mia forma di scambio contro l'egoismo ed una indifferenza costruita proprio per evitare lo stress di una mission impossible.
Buona fortuna.
avatar
einrix

Messaggi : 7334
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 74
Località : Bergamo e Rimini

Tornare in alto Andare in basso

Re: 1.TERAPIA GENICA

Messaggio Da tessa il Dom 19 Gen 2014, 09:47

Eirix, abbiamo preso alcuni mobili usati, sono giu' in cantina che è una stanza accanto al garage e alla taverna, poi il salotto glielo compro nuovo, e anche le TV.Anche all'altra famiglia ho comprato un salotto nuovo e 3 TV. Abbiamo caricato tutto noi, medici, architetti e ingegneri, se ve ne fosse stato bisogno avremmo chiamato la ditta per trasporti. Visto che vanno 3 volte a settimanea a farsi i muscoli in palestra ho detto, Muovetevi, fatemi vedere questi musoli, caricatevi l'armadio sulle spalle...un po' hanno borbottato ma hano lavorato, che diamine...
Questa seconda e ultima famiglia da sistemare è ora fuori Roma con affitto in nero, e là i mobili sono del padrone,e scalcagnati .
Ho letto sul giornale che c'è una social card per i poveri, esperimento di un anno, caricano su una card, ogni due mesi dai 400 ai 600 euro per chi ha ISEE inferiore a 3000, ma solo per 4000 persone. Da domani bisogna fare richiesta ai municipi di appartenenza. Sappiamo gia' qual è il Municipio di appartenenza della prima famiglia sistemata a novembre, aspetto di sapere dove daranno la casa alla seconda famiglia per sapere quale sia il Municipio. Siccome nessuno ha lavoro (andranno in mense caritas), sono poverisimi,  spero rientrino in questi 4000. Ci vado io nei vari municipi, sperando che non servano le firme, vedremo, perchè queste persone  sono crollate e esaurite, a stento li ho trascinati al Caf per i moduli ISEE. E' vero, spesso mi sono gettata in imprese impossibili, ma io non sono sola, anche se a volte sono stanchissima, come adesso, perchè c'e' Dio che mi aiuta, e che posso fare io da sola?Io faccio la mia parte e Dio fa il resto.
Spero di recuperare energia per il "trattato sulla terapia genica".
Ciao
avatar
tessa

Messaggi : 306
Data d'iscrizione : 01.06.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: 1.TERAPIA GENICA

Messaggio Da Rom il Dom 19 Gen 2014, 13:25

tessa ha scritto:Caro Einrix, grazie per la tua attenzione, la cosa che mi spaventa non e' scrivere intorno alla terapia genica, infatti l'ho proposto io, ma scrivere affinchè un utente medio (come dice l'admin) mi comprenda. Certo ci vuole una buona dose di volontà  a ricominciare dagli aminoacidi e dalle proteine.
Piano piano, vedremo. Insomma è come se io dovessi farmi capire da un idraulico,  da un ragioniere... tanti di loro navigano nel web. Io avevo pensato di parlare solo al nostro forum, fatto di persone con cultura superiore alla media, mah.

Abbiamo, in pochi centimetri quadrati di spazio in pagina, una Tessa caritatevole, una Tessa modella, una Tessa medico non-prescrittore, una Tessa dagli Orgasmi, una Tessa divulgatrice, oltre alla consueta Tessa commensale a chiamata: a qualunque di queste ci si rivolga, rispondendo, si ha la sensazione di fare un torto alle altre. O, più precisamente, ognuna ha la possibilità di essere considerata (o dichiarata ...) secondaria, incidentale, inessenziale.

Ci sono idraulici assai meno limitati di quanto le barzellette sulle Caslinghe Inquiete lascerebbero pensare. E i ragionieri sono come i medici: una categoria dalle estensioni ludiche e culturali insospettate.
Ma capisco la perplessità della Tessa divulgatrice. E' una missione difficile. Ma non impossibile, a patto che.
A patto che si segua un sistema, del quale passerei, siore e siori, a dare un'esemplificazione, ovviamnte di carattere generale.
Anche il mio è uno scopo umanitario, in clima di volontariato.

Ipotizziamo di dover spiegare una cura medica.
- Se si parla di cura, significa che c'è una malattia, e quindi, per prima cosa, parlerei della malattia che si cerca di curare: in che consiste, dove, come, chi e quando colpisce.
- Poi farei sintetici cenni al settore medico che ha studiato e sta affrontando il problema e a quali siano, eventualmente, le diverse linee di approccio, e infine quale sia tra queste quella che ha suggerito la cura che stiamo per descrivere.
- La cura o rientra, come probabile, in una tipologia nota, o rappresenta una novità assoluta: in un caso e nell'altro, sarebbe bene spiegare questo aspetto sia nelle sue linee generali, sia in rapporto al fine specifico che c'interessa al momento.
- Solo ora, dopo aver esperito le fasi precedenti, mi sentirei di passare alla descrizione della cura nei suoi dettagli chimico-fisici e procedurali. A prescindere dal livello specialistico dei termini che andrò ad usare (che costituisce un ulteriore argomento da risolvere), già a questo punto ho spiegato una parte della cura stessa, ossia la sua parte storica, la sua "biografia" e la sua collocazione nel panorama medico-sociale e scientifico: tutte cose che possono essere dette in una lingua umanamente normale.

Da qui in poi rimane, finalmente, la descrizione dei dettagli tecnici della cura, con i relativi problemi di terminologia e di erudizione scientifica.
Ma chi è stato capace di comprendere l'opportunità delle fasi precedenti e di metterle in pratica, non avrà difficoltà a farsi capire dal  pubblico al quale sta parlando.
avatar
Rom

Messaggi : 996
Data d'iscrizione : 10.04.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: 1.TERAPIA GENICA

Messaggio Da einrix il Dom 19 Gen 2014, 17:25

"Spero di recuperare energia per il "trattato sulla terapia genica"
 
Senza fretta, ti aspettiamo, tanto, la ricerca anche in questo campo, è relativamente lenta.
 
Caro Rom, un medico non avrebbe mai potuto capire cos'è il DNA. Non perché non siano abbastanza bravi o intelligenti, ma perché hanno una visione vitalistica dell'essere. Sanno della nascita, della morte, del dolore, ricuciono o aggiustano quando qualcuno si stracci o si rompa, conoscono per nome ogni singola parte dell'organismo, molte casistiche legate alle malattie, ma cosa sia un'aspirina e come agisca, proprio non lo sanno, anche se te la prescrivono con cognizione di causa. Sono i farmacisti che stanno tra la chimica e la medicina - ed oggi forse hanno aggiunto anche un po di biologia al loro bagaglio professionale - quelli competenti sugli effetti e la tossicità di un farmaco rispetto all'uomo. Ma anche loro non vanno oltre la molecola naturale o di sintesi, ed i suoi effetti.
 
Nella successione: fisici-chimici-biologi-farmacisti-medici, si stanno piazzando bene i biologi, dato che studiando la cellula è come se studiassero un organismo, di per se, fatto e finito. Il deployment della cellula multipotenziale nelle cellule funzionali, è l'applicazione di un meccanismo che una volta che sia congegnato si autorivela.
 
Per questo aspetto pazientemente che chi, fresco di nozioni di biologia, mi informi circa gli sviluppi acquisiti e quelli attesi. Credo molto nella biologia, specie per quella parte che studia come funziona il codice genetico, tanto da poter costruire dei calcolatori biochimici, anche elementari. I calcolatori elettronici nascono avendo fissato poche operazioni: calcoli binari e indirizzamenti. Qualche cosa di simile deve valere anche per il DNA e le nanomacchine presenti nella cellula, che anziché stringhe binarie, producono aminoacidi predisposti ad aggregarsi in proteine, in funzione delle interfacce che si trovano sulla superficie della cellula, e delle informazioni chimiche che arrivano ad esse. Il bandolo forse è nei legami chimici. Quella deve essere la base logica da cui partire, una volta che sia stata razionalizzata tanto quanto quella molto più semplice, bouleana.
avatar
einrix

Messaggi : 7334
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 74
Località : Bergamo e Rimini

Tornare in alto Andare in basso

Re: 1.TERAPIA GENICA

Messaggio Da Rom il Dom 19 Gen 2014, 18:30

einrix ha scritto:Caro Rom, un medico non avrebbe mai potuto capire cos'è il DNA. Non perché non siano abbastanza bravi o intelligenti, ma perché hanno una visione vitalistica dell'essere. Sanno della nascita, della morte, del dolore, ricuciono o aggiustano ...

Sì, naturalmente è così: ma perché me lo dici?
Qui si parla di spiegare e divulgare: un medico è probabilmente miglior divulgatore di uno scienziato ricercatore, proprio perché è abituato a comunicare (almeno dovrebbe), mentre uno scienziato può essere anche sordomuto o misantropo, un eremita che si schifa di aver qualunque contatto con gli altri.
Ma poi sarebbe anche l'occasione giusta per fare un discorsetto sul professionismo, e in generale sulle competenze acquisite con lo studio.
Insomma, dopo vent'anni di studi, letture, ascolti, esercitazioni, ricerche, libri, conferenze, seminari, stage e tabelline, un essere umano dovrebbe pur essere in grado di spiegare o raccontare quello che sa: non dico di fare un capolavoro, ma semplicemente di saper fare il riassunto di un argomento che conosce, santa madonna.
avatar
Rom

Messaggi : 996
Data d'iscrizione : 10.04.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: 1.TERAPIA GENICA

Messaggio Da einrix il Dom 19 Gen 2014, 22:18

"un essere umano dovrebbe pur essere in grado di spiegare o raccontare quello che sa: non dico di fare un capolavoro, ma semplicemente di saper fare il riassunto di un argomento che conosce, santa madonna"

Mi hai fatto proprio ridere, Rom, ma non ce l'ho con te.
In realtà non sappiamo proprio nulla della realtà che sta fuori dalla caverna, e seppure usciamo dalla caverna più piccola, finiamo solo in una caverna più grande.
Ma dovendo pur sopravvivere, abbiamo cominciato a costruire infiniti modelli della realtà, a partire da principi semplici e grazie ad operatori logici, ad espanderli in funzione di ogni utilità.
Cosa è il punto senza peso e senza dimensione, e come fa a generare lo spazio euclideo? Basta accontentarsi, e per un agrimensore, un geometra o un ingegnere, potrà bastare.
Tra le cose più chiare della scienza moderna c'è il principio di indeterminazione di Heisenberg, e qui mi faccio un'altra sonora risata. Però funziona, e tutto il determinismo della scienza, finisce nel calendario, nei programmi di lavoro, in tutte le attività umane, anche nei razzi che hanno volato sulla Luna.
Ti potrei raccontare, a proposito di quello che so, di tutti i giochini che costituiscono le basi per costruire automobili, ma quando parlassi di temperature ed acciaio, lì dovrei sorvolare moltissimo, perché temperatura è solo un concetto termodinamico riferito ad un non meglio definito stato di agitazione delle molecole, e acciaio è qualche cosa che neppure il microscopio elettronico ti permette d'andare oltre i cristalli di martensite di cui in parte è costituito (contiene anche soluzione interstiziale di carbonio, chiamata austenite, ed altro ancora).

Ecco, se i professori fossero onesti e ti dicessero che l'istruzione che loro ti impartiscono, non ha il crisma della verità, ma serve solo ad insegnare un gioco, col quale si possono risolvere tutti i casi della vita professionale, tutto sarebbe più facile (devono dire che da qualche tempo cominciano a farlo, quelli più preparati, ma sono mosche bianche). Invece, quasi sempre ti dicono che quella è la verità, e allora ci sono si persone che credono ciecamente a quelle dichiarazioni infedeli senza battere ciglio, ma ci sono altri come me che si riempiono di dubbi, perché non torna niente di quelle dichiarazioni, se si va al limite del ragionamento, alla ricerca dei fondamenti della verità.

Chiarito questo, da Tessa non voglio la verità - che nessuno conosce - ma solo le regole del gioco secondo cui le nano-macchine della cellula, seguendo le istruzioni del DNA, costruiscono ciò che serve in funzione di programmi interni alla cellula stessa, ma anche in relazione al flusso di informazioni che essa riceve e riconosce, in ragione della finalizzazione alla sua stessa esistenza . Se tessa è una biologa preparata e moderna, e non c'è ragione di dubitarne, credo che, tempo e salute permettendoLe, quel gioco ce lo possa insegnare.

Non so se questo come discorsetto sul professionismo ti possa bastare. Al lume della mia esperienza è stato come la scoperta dell'America, leggendo una biografia di Maxwell che parlava di tutt'altro, ma che per non so quali ragioni, mi ha fulminato.
avatar
einrix

Messaggi : 7334
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 74
Località : Bergamo e Rimini

Tornare in alto Andare in basso

Re: 1.TERAPIA GENICA

Messaggio Da Rom il Lun 20 Gen 2014, 02:22

einrix ha scritto:Ma dovendo pur sopravvivere, abbiamo cominciato a costruire infiniti modelli della realtà...
Non so se questo come discorsetto sul professionismo ti possa bastare. Al lume della mia esperienza è stato come la scoperta dell'America, leggendo una biografia di Maxwell che parlava di tutt'altro, ma che per non so quali ragioni, mi ha fulminato.

A me basta tutto - nel senso che sono accomodante, anche per pigrizia.
Ma non ho capito "cosa" dovrebbe bastarmi, ossia non ho capito il senso complessivo di quello che (mi) hai risposto: come altre volte, hai detto troppo, se volevi dire che nulla ha tanta certezza quanta le necessità pragmatiche impongono di assumere, ossia se volevi ricordare una cosa nota e riassumibile in una frase, e hai scritto troppo poco, se l'argomento era un breve cenno sull'universo della scienza, combinato con la variegata realtà del professionismo.
Ti prego: non mi fare i discorsetti, fammi dei discorsi, anche perché così riuscirrebbe a starci dentro comoda almeno una parte delle tue intenzioni.
Infatti, ti sei fermato sul pù bello, cioè là dove avresti dovuto raccontare come e perché sei rimasto fulminato: avrebbe dato un senso al tuo discorso precedente, che avrebbe avuto il valore chiaro di una premessa.

Detto tutto ciò, ripeto che non mi sembra troppo aspettarsi che vent'anni di studi, stage, seminari, etc, siano in grado di produrre la capacità di spiegare decentemente ciò che si sa. Almeno per la gran parte delle materie e delle competenze.
Poi possiamo discutere in dettaglio quali e quante materie, o settori particolari delle stesse, costituiscono una parziale eccezione, e perché.
O se certe materie perdono troppo del loro significato, quando sono forzate ad assumere una forma "borghese": ma qui sorge il problema per cui una conoscenza, se vista da un profano, ha inevitabilmente un senso diverso da quello che ha per lo specialista, per il quale la rigida correttezza d'ogni passaggio è imprescindibile.
Un problema, questo, che però è tutt'altro che specialistico. Anche quando descriviamo un viaggio, una vacanza, una partita di calcio a qualcuno, dobbiamo selezionare e reintepretare dettagli e stati d'animo, che noi sentiamo tutti ugualmente essenziali, ma che in realtà possono essere tranquillamnte sorvolati, o compressi, per non complicare il racconto inutilmente. Non sono per niente tanti, quelli che sono capaci di non annoiare o di essere chiari, anche solo per raccontare una vacanza al mare.
Quindi, non si tratta di quali materie, ma si tratta di un atteggiamento mentale e di saper capire cosa si sta raccontando e perché.
avatar
Rom

Messaggi : 996
Data d'iscrizione : 10.04.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: 1.TERAPIA GENICA

Messaggio Da einrix il Lun 20 Gen 2014, 10:05

Non c'è una ragione evidente, ma di sicuro la molla è scattata quando sono maturate una serie di riflessioni su cosa fosse la formazione scolastica nel comportamento della mente in relazione alle capacità logico-matematiche ed alla conoscenza più o meno scientifica, e di come si debba condurre la ricerca della verità, proprio a partire da quel punto di partenza. Come se la ricerca intorno all'essere e all'esserci, dovesse cominciare al termine degli studi, con la critica di quanto si fosse appreso o di come si fosse appreso. Ed è quello che ho fatto (più o meno consapevolmente, direi quasi per istinto) per tutti gli anni della mia professione, prima nei vari campi scientifici della ricerca ingegneristica, e poi in quelli dei sistemi organizzativi e della conduzione dei processi industriali. Da quando sono andato in pensione, e sono ormai tredici anni pieni, ho ripreso in mano i classici della filosofia, facendoli precedere dalle riflessioni filosofiche proprio di quegli scienziati che hanno costruito l'epistemologia - le basi sopra cui si può costruire la conoscenza scientifica - definendo i modi con cui costruire i metodi e le strutture conoscitive delle varie scienze.
Maxwell, seppure indirettamente, attraverso la sua biografia scritta da Giulio Peruzzi, ne da un bell'esempio con questa metafora, che però non esaurisce tutta la forza del suo insegnamento.


In una ordinaria cella campanaria, ogni campana ha una corda che scende attraverso un buco del pavimento nella stanza dei campanari. Ma supponiamo che ogni corda, invece di agire su una sola campana, contribuisca al movimento di molti pezzi dell’ingranaggio, e che il moto di ogni pezzo sia determinato non dal movimento di una sola corda, ma da quello di diverse, e supponiamo, inoltre, che
tutto l’ingranaggio sia silenzioso e completamente sconosciuto agli uomini che tirano le corde, che possono soltanto vedere fino ai buchi nel pavimento sovrastante.
Supponendo tutto questo, quale è il compito scientifico degli uomini che stanno sotto? Essi hanno il pieno controllo delle corde, ma di niente altro. Essi possono dare ad ogni corda qualunque posizione e qualunque velocità, e possono stimare il suo momento fermando tutte le corde nello stesso istante, e provando che tipo di strappo dà ogni corda. Se si danno la pena di accertare quanto lavoro devono fare per tirare giù le corde a un insieme determinato di posizioni, e di esprimere tale lavoro nei termini di queste posizioni, essi avranno trovato l’energia potenziale del sistema nei termini delle coordinate conosciute. Se poi trovano lo strappo su
una qualunque corda derivante da una velocità unitaria comunicata a sé stessa o a ogni altra corda, essi potranno esprimere l’energia cinetica nei termini delle coordinate e delle velocità. Questi dati sono sufficienti per determinare il moto di ognuna delle corde quando su questa e su tutte le altre si agisce con forze date. Questo è tutto quello che gli
uomini che stanno alle corde possono sapere. Se l’ingranaggio di cui sopra ha più gradi di libertà di quante siano le corde, le coordinate che esprimono questi gradi
di libertà devono essere ignorate. Non c’è niente da fare.
avatar
einrix

Messaggi : 7334
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 74
Località : Bergamo e Rimini

Tornare in alto Andare in basso

Re: 1.TERAPIA GENICA

Messaggio Da einrix il Lun 20 Gen 2014, 10:38

Fatte queste premesse, che concludono o spiegano megli il mio punto di vista rileggiamoci cosa scrivi:

"1- Qui si parla di spiegare e divulgare: un medico è probabilmente miglior divulgatore di uno scienziato ricercatore, proprio perché è abituato a comunicare (almeno dovrebbe), mentre uno scienziato può essere anche sordomuto o misantropo, un eremita che si schifa di aver qualunque contatto con gli altri.

2- Ma poi sarebbe anche l'occasione giusta per fare un discorsetto sul professionismo, e in generale sulle competenze acquisite con lo studio.
"
Sul primo punto ho glissato. Che significa che essere medico si debba essere buon divulgatore. Sorrido, proprio pensando a quelle ricette la cui scrittura la capivano soltanto i farmacisti.

Sul secondo punto credo di essere stato esauriente, non una, ma due volte. Ho espresso il mio opinabile punto di vista, che in sintesi può riassumersi:
1. a scuola si va per imparare quello che ti insegnano
2. non tutto quello che ti insegnano è vero
3. spetta a te partire proprio da quegli insegnamenti per aumentarne il tasso di verità, o almeno quello di utilità: da quello che si vede, non tutti lo fanno.
avatar
einrix

Messaggi : 7334
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 74
Località : Bergamo e Rimini

Tornare in alto Andare in basso

Re: 1.TERAPIA GENICA

Messaggio Da tessa il Mar 21 Gen 2014, 19:12

Einrix, il DNA NON produce aminoacidi, il DNA è la centrale di comando , la spirale si apre e su ogni filamento si forma, tramite una trascrittasi, RNA messaggero (m RNA), che va nel citoplasmae si aggancia ai ribosomi, e la' attende un altro RNA, RNA transfer (t RNA), che è agganciato a un aminoacido. Tramite schema codon -anticodon a tripletta  t RNA e m RNA si incastrano e gli aminoacidi si uniscono tramite il legame peptidico.
Non sono una biologa, sono un medico, 110 e lode la laurea, 104 su 110 Esame di Stato, si studia ancora e si guadagna.
Bisogna esere precisi, poi spiego meglio, io sono solo una. baci
avatar
tessa

Messaggi : 306
Data d'iscrizione : 01.06.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: 1.TERAPIA GENICA

Messaggio Da tessa il Mar 21 Gen 2014, 19:25

Rom, non ho difficolta' a divulgare-le difficolta' non mi hanno mai spaventato, era solo un momento di stanchezza.
Io rispetto sempre i miei impegni, capisco che raggiungere una meta qualunque,o aiutare 2 famiglie in difficolta' per sfratti, case popolari etc, o divulgare a amici le recenti conquiste della medicina comporti ostacoli ,ma io li supero, diciamo che i problemi io li risolvo.
L'intelligenza viene definita come "la capacita' di risolvere un problema", insomma è l'arte di arrangiarsi, e cio' differenzia l'uomo dagli animali.Il mio motto è sempre stato "Se c'e' un problema , risolviamolo".
Mi sentivo solo un po' stanca, io non riposo mai, tranne i 15 giorni d'estate in Sardegna, per me il forum è anche uno svago.
No, non mi riposo neanche le domeniche, devo portare persone malate in chiesa, riposero' di La', il piu' tardi possibile,mi auguro, ho ancora tante cose da fare.
A presto
avatar
tessa

Messaggi : 306
Data d'iscrizione : 01.06.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: 1.TERAPIA GENICA

Messaggio Da tessa il Mer 22 Gen 2014, 17:40

Caro Einrix, sei un ingegnere bravissimo, e non solo ingegnere, ti occupi di filosofia, politica, dipingi ma ti sfugge l'essenziale  riguardo alla cellula, ripeto, dici che il DNA produce gli aminoacidi, è falso perchè gli aminoacidi sono nel cibo che mangiamo, sono contenuti nelle proteine che ingeriamo. Non è il DNA che li produce. Ecco, a volte di fronte a errori cosi' grandi in citologia, da parte di una persona estremamente colta,  io non so come iniziare,ci si chiede cosa sappiate di biologia.
Io sono esterrefatta dinanzi alla tua cultura globale, ma poi rimango perplessa perchè ti sfuggono le cose piu' elementari della biologia.Scusa , ma da dove vengono gli aminoacidi? dalle proteine, no? e da dove vengono le proteine? dalla bistecca che ti cucina la signora tua moglie, no? Allora non è il DNA a produrre gli aminoacidi, no? Dimmi se ho torto...
mi scuso se ti ho offeso, per carita'.
baci
avatar
tessa

Messaggi : 306
Data d'iscrizione : 01.06.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: 1.TERAPIA GENICA

Messaggio Da einrix il Mer 22 Gen 2014, 19:23

"Einrix, il DNA NON produce aminoacidi, il DNA è la centrale di comando "
 
Cara Tessa, hai ragione; ma non ho mai pensato che il DNA producesse aminoacidi. Il DNA è il codice "in linguaggio cellula" che serve a costruire tutto quello che è necessario per la cellula, e attraverso la cellula, per l'organismo. Quando serve, come dici tu, si va in un suo punto specifico, se ne duplica il pezzetto necessario, e lo si usa per fare il resto. In genere le proteine.
 
Quello che ho scritto è:
 
"Qualche cosa di simile deve valere anche per il DNA e le nanomacchine presenti nella cellula, che anziché stringhe binarie, producono aminoacidi predisposti ad aggregarsi in proteine, in funzione delle interfacce che si trovano sulla superficie della cellula, e delle informazioni chimiche che arrivano ad esse"
 
 
Forse sei stata tratta in inganno da quel "che anziché stringhe binarie, producono aminoacidi predisposti ad aggregarsi in proteine", ma io avevo in mente il confronto tra il processore di un computer - duale della cellula - (vista come un insieme di DNA, più generiche nano macchine) che genera "stringhe binarie", mentre  una cellula, come dici tu, produce proteine, i cui riferimenti sono nel DNA.
 
Adesso ti è chiaro?

Ho sempre in mente il confronto con il computer ed i programmi che gli girano sopra, perché penso che quando si riuscirà a fare il retro-engineering delle produzioni cellulari, se ne potrà comprendere meglio il funzionamento. Del computer conosciamo l'architettura e su quella abbiamo costruito un linguaggio assembler. Sulla cellula siamo ancora lontani da quel risultato, ma non tanto quanto si possa credere. Ci sono già dei meccanismi perfettamente compresi che in pochi decenni potrebbero portare a chiudere il ciclo delle scoperte, su questo importante aspetto della vita.
avatar
einrix

Messaggi : 7334
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 74
Località : Bergamo e Rimini

Tornare in alto Andare in basso

Re: 1.TERAPIA GENICA

Messaggio Da einrix il Ven 24 Gen 2014, 10:32

Tessa, scusa, non vi sono per caso aminoacidi che vengono prodotti nella cellula, come ad esempio è per l'Arginina che viene sintetizzata, col ciclo dell'urea, ciclo metabolico (e non catabolico), volto a ridurre la concentrazione di ammoniaca sotto forma di ioni ammonio?
 
Se fosse così il DNA una sua funzione per costruire le proteine-enzimi necessari a quel processo catabolico, ce l'avrebbe, e di conseguenza ce l'avrebbe anche nella via metabolica che porta alla produzione dell'Arginina. Quindi, la tua regola vale per quasi tutti gli aminoacidi, sempre per quelli essenziali, ma non è una regola assoluta.
 
Magari sbaglio, visto che non è il mio mestiere; perciò sarà interessante sentire su questo argomento il tuo punto di vista di esperta.
avatar
einrix

Messaggi : 7334
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 74
Località : Bergamo e Rimini

Tornare in alto Andare in basso

Re: 1.TERAPIA GENICA

Messaggio Da tessa il Ven 24 Gen 2014, 19:14

Caro Einrix, scusa, qui mi chiamano sempre.
La tua domanda non è chiara.
Tu parli di ciclo "metabolico e non catabolico", ma che vuoi dire? il metabolismo è l'insieme di tutte le reazioni del nostro corpo,e al centro, quale registra d'orchestra, c'e' l'Acetil Coa A (Acetil coenzima A). I testi porincipali per il metabolismo sono quelli francesi. Forse tu non volevi dire "metabolica" ma "endergonica", infatti il ciclo dell'ornitina-citrullina che porta alla formazione dell'arginina e dell'urea si ha consumando ATP (adenosintrifosfato).
Il ciclo dell'urea o dell'ornitin-citrullina serve appunto a formare urea da ammoniaca (NH3), e ora cosa c'entra lo ione ammonio? (NH4)?.
Tu vuoi dirmi che molti aminoacidi si formano nel corso del metabolismo anche se non mangiamo, ma il metabolismo è uno stupendo quadro d'insieme con al centro l'Acetil CoA e
lipidi, aminoacidi, proteine tramite reazioni chimiche possono trasformarsi in vari composti chimici. Certo è che se non assumiamo cibo non diamo al corpo substrati per tutte le reazioni chimicha endergoniche e esergoniche.

Per quanto riguarda il metabolismo dell'ammoniaco gli animali si dividono in
1)amniotelici
2) uricotelici
3)ureotelici.
Appunto, per eliminare l'ammoniaca, che e' tossica, si usano vari meccamismi.
Noi , esseri umani, eliminiamo l'ammoniaca (NH3) tramite l'urea NH3-C=O -NH3.
Noi con l'urina eliminiamo urea. Lo ione ammonio (NH4) si forma in talune circostanze, ad esempio per varizione del PH dell'urina.
Nelle 24 ore eliminiamo 870 nM (millimoli) di urea.
Se c'e' qualcosa che ancora non ti è chiaro puoi chiedere.
Quelli mi chiamano.
Un abbraccio
avatar
tessa

Messaggi : 306
Data d'iscrizione : 01.06.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: 1.TERAPIA GENICA

Messaggio Da einrix il Ven 24 Gen 2014, 21:00

grazie
avatar
einrix

Messaggi : 7334
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 74
Località : Bergamo e Rimini

Tornare in alto Andare in basso

Re: 1.TERAPIA GENICA

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum