AreaForum
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

La Balena Bianca riemerge?

Andare in basso

La Balena Bianca riemerge? Empty La Balena Bianca riemerge?

Messaggio Da cireno Gio 03 Ott 2013, 07:28

Sia chiaro: io non credo a un Berlusconi morto e sepolto. L’uomo si ama troppo, penso si consideri anche immortale e certamente impossibile da sconfiggere, quindi non accetterà mai che eventi esterni, persone o situazioni,  lo possano mettere all’angolo.  Eppoi ci sono gli interessi privati che, come per tutti gli arricchiti, rappresentano una grande parte del suo essere. E c’è anche, ne sono certo, il desiderio di vendetta verso chi lui considera “i traditori” sorvolando sul fatto che la politica non è frequentata da padroni e dipendenti stipendiati, ma da personaggi che hanno anche, non sempre, una dignità personale da difendere e lui, il cavaliere, si è sempre mosso, Casini, Follini, Fini insegnano, come il padrone con il Verbo in tasca quindi nella fattispecie non di “tradimento” nei suoi confronti si può parlare ma di semplice presa di coscienza, da parte di alcuni, che il “padrone” stava perdendo i pezzi percorrendo una strada pericolosa.
Quindi, che succederà?
Succederà che Berlusconi andrà avanti nella realizzazione di Forza Italia mentre cercherà in tutti i modi di evitare che “i traditori” possano usare quel simbolo PdL al quale lui vorrebbe rinunciare ma che non potrebbe lasciare ai scissionisti. Dall’altra parte personaggi come Giovanardi, come Formigoni consentono di immaginare il tentativo di riformare la Balena Bianca che, nei cuori di molti, non è mai morta. Loro ovviamente smentiscono, parlano di una nuova formazione di centro-destra MODERATA, dove le voci dei Bondi e delle Santanchè non potranno sorgere, ma io sarei piuttosto dubbioso: io penso a una riedizione della Balena Bianca: lo vuole la CEI, lo vuole la Confindustria, lo vuole CL, lo vuole la maggioranza degli italiani che si ritengono “moderati” (termine davvero stupido che non significa niente), quindi questo sarà. Del resto chi sono gli emergenti nel PD? Letta, Renzi non sono forse democristiani? Chi guarda a Barca o a Civati o alla Puppato come risorse, nel PD?  

Il romanzo italiano non si è ancora concluso e reciterà la parola fine solo quando Berlusconi sarà solo un’icona per chi lo ha considerato un GRANDE politico e una nuova categoria di democristiani prenderà il potere usandolo nel modo soft che era tipico della vecchia DC, metodo che le ha consentito di governare per 40 anni circa. Una conclusione che agli italiani piacerà molto, con buona pace di Grillo, delle sue urla e dei suoi talebani convinti di avere la verità in tasca.
cireno
cireno

Messaggi : 1510
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 120
Località : Milano

Torna in alto Andare in basso

La Balena Bianca riemerge? Empty Re: La Balena Bianca riemerge?

Messaggio Da cireno Gio 03 Ott 2013, 07:33

Questo pezzo l'ho scritto oltre dieci anni fa. 

LA BALENA BIANCA PROSSIMA VENTURA
di E.G.
 
Dopo aver assistito alla penosa celebrazione intrisa di colore azzurro e di reminescenze paleo-staliniste che hanno celebrato dieci anni di Forza Italia; dopo aver constatato ancora una volta come l’Uomo della Provvidenza, quello mandato direttamente dallo Spirito santo, almeno secondo le farneticazioni da iperlipidosi di quel facsimile di prete che perde le brache mentre cammina in pubblico; al termine di una manifestazione che dovrebbe far almeno arrossire chi ha partecipato e applaudito Lui, il Centro del Compasso Cosmico, la Salvezza dei moderati abbandonati, la Luce dei disoccupati, dei poveri, dei ricchi, dei ladri e degli onesti, dopo aver dovuto ancora una volta  prendere atto che l’ Unto del Signore è probabilmente del tutto fuori di melone, perché le cose che è riuscito a dire nel corso del suo “comizio auto-celebrativo” sono state di  tale insulsaggine politica e contemporaneamente anche così gravi, che io sono convinto che nella parte intelligente della Casa delle Libertà, mi riferisco a Follini, Casini, Tabacci ecc. deve essere scoppiato un improvviso  desiderio di vacanze nei Mari del Sud.
In effetti non si potrebbe dar torto agli eredi puliti della Prima Repubblica, lato DC, se prendendo coscienza della bassa condizione in cui sono precipitati coabitando con l’Eletto di don Gianni B-Bozzo, volessero davvero fuggire per non farsi vedere sulla scena politica insieme al Farneticante.
Ma io sono convinto che nel loro intimo Follini e amici stiano meditando altro che non fuggire lontano, e questo “altro” potrebbe benissimo essere una riedizione della DC in collaborazione con i sodali amici  del Centro Sinistra (da Franceschini a Mastella magari un Montezemolo che non ci starebbe male). Il motivo di questo desiderio nasce dalla constatazione, ormai incontestabile, che  Forza Italia non è un partito di centro ma un partito di destra, e nemmeno tanto liberale. E questo significa che i cosiddetti moderati votano Forza Italia obtorto collo, non essendoci altro partito di una certa rilevanza che possa essere votato nel centro-destra. Argomenti e ragioni differenti ma ugualmente valide dal loro punto di vista sono nell’Ulivo. Il primo argomento è che “forzatamente “ l’Ulivo è obbligato ad avere come candidato un ex-democristiano della più bell’acqua, altrimenti non avrebbe candidati possibili fra riformisti, comunisti o verdi, quindi in sostanza un uomo del Centro, degli amici degli amici.  La seconda ragione è che per certi personaggi il vestito dell’Ulivo con Diliberto o Bertinotti sta stretto, e perfino la feroce determinazione di Di Pietro circa la questione morale, dà  un certo disturbo. Non perché, come qualcuno potrebbe insinuare, hanno scheletri da tenere ben chiusi negli armadi ma perché, da buoni figli della DC, hanno la tendenza a parlare mormorando, e quindi non amano le urla: e Di Pietro urla.
Eppoi c’è la questione politica. In Italia un partito di centro, meno esaltato nei personaggi rappresentativi che non Forza Italia, senza il contorno dei vari Taormina, senza avere sulle spalle il problema gravissimo del conflitto di interessi mai risolto, come è invece oggi nella CDL, senza l’assillo della Voce del Padrone, che ragiona come se il partito fosse una succursale di Mediaset e i politici che stanno con lui, suoi dipendenti, ecco dicevo, un centro alla DC, io sono certo che raccoglierebbe ancora un grandissimo numero di consensi elettorali. Ma non è detto che siano solo Follini, o Casini o Rutelli a pensarci. Credo che il Cavaliere dei mille stratagemmi, potrebbe anche pensare a un’ovvia ovvietà come il Partito dei Moderati, così da togliere il terreno sotto i piedi agli ex-nostalgici DC, e rimettere insieme i cocci di un vaso che si sta crepando e contemporaneamente dare nuova veste a quella Forza Italia abbastanza fanèe. Mai dare il cavaliere per perso: come i gatti ha mille vite.
Dall’altra parte, nell’Ulivo voglio dire,  la possibilità non sarebbe molto gradita, evidentemente, ma contribuirebbe a fare chiarezza. Ipotizziamo infatti per un attimo questo scenario: gli ex-dc di destra e di sinistra si uniscono, e magari sotto la spinta di un risorto Martinazzoli, che è stata una figura onesta e stimata della vecchia balena bianca, si presentano alle elezioni così da costituire  uno dei tre schieramenti classici più due alle estreme: loro al centro, a destra Forza Italia o gli avanzi insieme ad AN, e ancora più a destra, isolata la Lega; alla sinistra un forte Partito Riformista, federato con Verdi-Correntone DS e PDCI, ancora più a sinistra Bertinotti. Di Pietro sono certo che, dopo molti batti e ribatti, entrerebbe a far parte della nuova formazione di Centro. L’ago della bilancia tornerebbe così nelle mani di chi lo ha sempre avuto, il partito di centro che si ispira ai valori cattolici, che si alleerà di volta in volta a destra o a sinistra secondo interesse e risultati elettorali. Gli anni di Forza Italia rimarranno nella mente degli italiani come un brutto sogno, l’Ulivo cesserebbe di sbranarsi al suo interno in discussioni sterili, e tutti vivrebbero felici e contenti. Almeno i cosiddetti moderati, quelli che ancora oggi soffrono per la scomparsa della vecchia DC, ma non solo, perché sarebbe poi tutto più semplificato.
Ho detto che questo scenario, se si realizzasse, servirebbe anche a fare chiarezza all’interno dell’Ulivo. La spiegazione è semplice: sappiamo tutti come ci siano, all’interno dei DS, due correnti di pensiero differenti. Di conseguenza  il partito sta insieme perché attaccato con…. lo sputo, come si dice. Chi vuole seguire la strada del riformismo “debole”, che è quello che pensa che la pratica delle riforme vanifichi il finalismo rivoluzionario e quindi accetta in pratica il sistema liberista o neo-liberista o semplicemente capitalista, potrà finalmente costruirsi il partito Riformista come da vecchio progetto. Chi pensa invece a un riformismo “forte”, cioè quello che accetta e promuove le riforme ma le considera palliativi in un quadro di finalismo rivoluzionario, avrà modo di esplicitare le sue idee in un contesto partitico più adatto. Bertinotti  sarà  libero di portare avanti i suoi progetti, e dall’altra parte la Lega urlerà da sola alla luna come i lupimannari.

C’è qualcuno che crede che non ci si pensi, a questo progetto? Aspettiamo le elezioni europee: se Forza Italia dovesse andare male, magari sotto il 20%, ne sentiremo parlare di sicuro. E se non sarà in questa occasione, sarà per domani o dopodomani, il grande centro è un piatto di miele per i politici nostrani.
cireno
cireno

Messaggi : 1510
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 120
Località : Milano

Torna in alto Andare in basso

La Balena Bianca riemerge? Empty Re: La Balena Bianca riemerge?

Messaggio Da Vargas Gio 03 Ott 2013, 07:50


 Analisi condivisibile, Cireno. Situazione del resto difficile da giudicare, per le tante variabili in gioco.
Non c'è dubbio che i nomi in campo, al potere o emergenti, dall'una o dall'altra parte, fanno pensare a un riemergere della balena bianca.
E' solo perché lo vogliono tutti, dalla CEI ai mercati, o anche perché la maggioranza degli italiani vi si riconosce? Qual è il confine tra l'essere spinti a scegliere certi prodotti e lo sceglierli perché ci piacciono, cosicché siamo noi a condizionare l'offerta? Siamo democristiani e dunque una nuova DC avrà vita facile nella politica o diventiamo democristiani perché ci viene imposto il modello?
Il termine moderato non si significa nulla e non ti piace, dici. Probabilmente hai ragione: personalmente lo apprezzo in un'unica declinazione, quando si traduce in rispetto per l'individuo altro, chiunque esso sia. In questo senso, per me non sono moderati né Berlusconi né Grillo. Quando ascolto uno dopo l'altro gli interventi della De Pin e della Taverna, non ho dubbi dalla parte di chi stare (la prima, ça va sans dire).
Vargas
Vargas

Messaggi : 526
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 55

Torna in alto Andare in basso

La Balena Bianca riemerge? Empty Re: La Balena Bianca riemerge?

Messaggio Da Vargas Gio 03 Ott 2013, 08:01

 C'è anche un'altra cosa da considerare, Cireno. Nelle democrazie di tipo occidentale - uso consapevolmente un termine grossolano e improprio, giusto per capirci - diventa sempre più ridotto il margine di differenza tra un partito e l'altro in sede elettorale. Abbiamo visto negli anni scorsi la Grossekoalition tedesca: è vero che questa volta la CDU ha vinto con più ampio respiro, ma non ha comunque la maggioranza assoluta. Ricordiamo il testa a testa Bush-Gore (non importa qui discutere di eventuali brogli: anche vincendo Gore lo avrebbe fatto per poche decine di migliaia di voti), le incertezze elettorali in Gran Bretagna, Francia e Spagna, i riconteggi in Messico e Perù. Uno dei motivi, a mio avviso, è il superamento delle ideologie: so che l'amico Rom non è d'accordo, so quanto ancora nobilmente dia valore al termine ideologia, e gliene riconosco il merito, ma è innegabile che ovunque si guardi l'elettore si trova a decidere sempre più sulla base di criteri che hanno poco a che fare con diverse visioni del mondo: nessuno più afferma di voler superare l'economia di mercato e la proprietà privata dei mezzi di produzione, nessuno più afferma di voler lasciare campo libero al capitalismo e al padronato senza correttivi pubblici. Ci si incontra gradualmente in un'area che diremmo di centro, fatta di libero mercato con interventi pubblici e tutela dei lavoratori, e allora la differenza la fanno le politiche puntuali, l'onestà e la capacità tecnica di operare scelte. Questo naturalmente al netto di qualsiasi altra variabile meno nobile, ma lo do per sontato: mi riferisco alla percezione pulita della politica.
Vargas
Vargas

Messaggi : 526
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 55

Torna in alto Andare in basso

La Balena Bianca riemerge? Empty Re: La Balena Bianca riemerge?

Messaggio Da Rom Ven 04 Ott 2013, 00:58

Vargas ha scritto: Uno dei motivi, a mio avviso, è il superamento delle ideologie: so che l'amico Rom non è d'accordo, so quanto ancora nobilmente dia valore al termine ideologia, e gliene riconosco il merito, ma è innegabile che ovunque si guardi l'elettore si trova a decidere sempre più sulla base di criteri che hanno poco a che fare con diverse visioni del mondo: nessuno più afferma di voler superare l'economia di mercato e la proprietà privata dei mezzi di produzione
D'accordo, lasciamo da parte la questione dell'ideologia.
Lasciamo da parte anche l'economia di mercato e il suo contrario, come discriminanti.

L'elettore decide sulle alternative, simili o dissimili, che gli sono proposte, e  queste alternative, da più di vent'anni, sono tratte dal medesimo argomento: la contabilità.
Non l'economia - che con la E maiuscola sarebbe già un ambito ideologico - ma proprio, precisamente, la Contabilità: quella del Ministero delle Finanze, quella dei tagli, delle spending rewiew, delle aliquote fiscali, dell'infinità gamma delle percentuali.
Il Buon Governo si è ridotto a una prima nota, dal livello comunale a quello statale: al massimo - in un empito di socialità, stavo per dire di socialismo - si parla di servizi sociali, intesi ovviamente nel senso minimo, cioè come prestazioni da fornire al "cittadino-cliente".
Anche senza scomodare le "visioni del mondo", basterebbe considerare, per esempio, la sanità, la scuola, la ricerca scientifica, l'ambiente, etc, nella loro connessione con la loro dimensione umana, con la "felicità", con la "giustizia", per ricreare diversità di programmi e di posizioni.
Invece, quando la sanità e la scuola, l'ambiente e la ricerca, sono viste, giudicate e calcolate solo, prevalentemente, sui libri contabili, allora sì che lo spazio delle alternative diventa stretto, le differenze marginali.

PS
Ma perchè usi il maledetto [size18], che si attacca anche al testo di risposta peggio della carta moschicida?
Rom
Rom

Messaggi : 996
Data d'iscrizione : 10.04.13

Torna in alto Andare in basso

La Balena Bianca riemerge? Empty Re: La Balena Bianca riemerge?

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.