AreaForum
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

Il fulcro e la leva

Andare in basso

Il fulcro e la leva Empty Il fulcro e la leva

Messaggio Da Rom Gio 14 Nov 2013, 09:23

Torniamo per un momento a metterci a mezza costa, sulle pendici del monte, e a guardare il panorama svincolati dalla stringente attualità. In fondo, non faremmo altro che seguire il consiglio del buon Machiavelli, che di queste cose se ne intendeva.

Di critiche siamo ormai frastornati, essendocene giustamente per tutto e tutti.
Da qualunque parte guardiamo, non c'è un settore che si salvi, dall'economia alla politica, dalla comunicazione al calcio, dalla burocrazia alle infrastrutture, alla scuola, alla sanità, ai rapporti sociali.

Di soluzioni, invece, se ne propongono poche, e quelle poche affrontano tutt'al più l'immediato: solo discutibili pezze a colori, diciamo così, che non mostrano di inserisi in un progetto ben definito, un'idea di società e di futuro.
Una soluzione corrisponde a ciò che possiamo definire una leva, sulla quale esercitare la nostra forza, e, date le premesse appena esposte, la domanda s'impone: quale soluzione - quale leva - possiamo immaginare, noi (o chi per noi) che non siamo assillati dalla ricerca nevrotica del consenso elettorale?

Ma ogni leva a poco o niente serve, senza un fulcro, ossia un punto forte sul quale poggiare.
La domanda, quindi, è: esiste un punto forte, sicuro, sul quale poggiare, nel nostro sistema?

E' evidente che le due cose vanno insieme: quale leva che faccia forza su quale fulcro?
Rom
Rom

Messaggi : 996
Data d'iscrizione : 10.04.13

Torna in alto Andare in basso

Il fulcro e la leva Empty Re: Il fulcro e la leva

Messaggio Da Tarzan Gio 14 Nov 2013, 17:55

Rom ha scritto:
La domanda, quindi, è: esiste un punto forte, sicuro, sul quale poggiare, nel nostro sistema?
E' evidente che le due cose vanno insieme: quale leva che faccia forza su quale fulcro?
Una domanda che dire immensa è poco.
Non so da che parte iniziare, e proprio per questo, starò in attesa di qualche nick,
di qualche amico che riesca a scrivere qualcosa.
Sono ansioso di vedere chi si potrà avvicinare a dare, magari anche al sottoscritto, una possibile risposta.
Grande rom
Il fulcro e la leva 2035563755
Tarzan
Tarzan

Messaggi : 222
Data d'iscrizione : 17.04.13
Età : 78
Località : Pesaro - Aosta

Torna in alto Andare in basso

Il fulcro e la leva Empty Re: Il fulcro e la leva

Messaggio Da einrix Ven 15 Nov 2013, 23:06

La leva è uno strumento per raggiungere con certi mezzi il fine. Ci sone tanti tipi di leve, e il "lavoro" in fisica, per ottenere un certo risultato, è sempre lo stesso (per le trasformazioni reversibili) , qualunque tipo di leva si usi. Credo che si debba partire dal problema, più che dalla soluzione. Quasi sempre, definito il problema, la soluzione la si trova. E' quando non si ha chiaro il problema che diventa difficile, se non impossibile trovare le soluzioni. Senza domande non ci sono risposte. Le domande possono non avere senso per chi le riceve e per chi le pone, ma non sono mai sbagliate-false. Solo le risposte possono essere giuste-vere o sbagliate-false, ed anche loro possono essere prive di senso, sia per chi le da che per chi le riceve, per un problema di incomunicabilità. Emblematico è quel dire di Apollo "che sa". Il problema nasce quando Apollo deve comunicare ciò che sa incondizionatamente-completamente, utilizzando il linguaggio degli uomini. Allora ciò che lui dice, e non può farlo che attraverso l'oracolo, può essere difficile da comprendersi per gli uomini, dato che attraverso i rudimenti del linguaggio, quel sapere completo, si degrada, al più divenendo  enigma. Anche nel caso che Apollo non esista, e sia la Natura o qualsiasi altra cosa ad esistere, l'indagine su di essa non può che fondarsi su quelle intuizioni che poi si articolano in concetti che si consolidano attarverso quella conoscenza limitata che è la scienza.
Veniamo all'arte del governo. Sarebbe già un grosso lavoro fare un elenco di quali siano i problemi che ci assillano, o che minacciano la nostra stessa esistenza. E non è con un elenco comunque fatto che si possono intercettare i veri problemi, quelli che alla fine riducono la nostra capacità di esistere in un certo contesto. Talvolta scrivo che un problema è che non sappiamo sfruttare il benevolo aiuto che ci viene dall'aumento della produttività del lavoro, tanto che essa, anziché portare alla riduzione della fatica ed all'aumento della felicità, porta alla disoccupazione. Trattandosi di un sistema complesso, il mondo in cui viviamo, molte cause non producono solo effetti diretti, ma si incrociano insieme ad altre cause, così cambiando la natura degli effetti. Solo se limitiamo il numero delle cause, possiamo sperare di controllarne gli effetti diretti. E' quello che fa l'Europa con la politica di bilancio. La Cina o gli Stati Uniti seguendo altre politiche, e il Giappone un'altra ancora, perché vi è anche una peculiarità nazionale che orienta le scelte per i processi causa-effetto che devono dare il risultato.
Riassumendo, e tornando alla leva ed al fulcro. Il fucro può essere proprio quel problema vero che deve essere identificato, la causa vera di una deriva che può essere arrestata, e la leva può essere dimensionata ed usata, proprio per servire a quegli scopi, ottenere gli effetti desiderati. Compito non facile per chi conosca solo una parte del passato, viva le difficoltà del presente, e più importante di ogni cosa, non conosca il futuro, che in altre parole significa pure, che non si conosce la natura dell'essere che siamo.
einrix
einrix

Messaggi : 10584
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 78
Località : Bergamo e Rimini

Torna in alto Andare in basso

Il fulcro e la leva Empty Re: Il fulcro e la leva

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.