AreaForum
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

i ministri di comunione e liberazione..

Andare in basso

i ministri di comunione e liberazione.. Empty i ministri di comunione e liberazione..

Messaggio Da cciappas Gio 02 Mag 2013, 06:22

gli affari segreti del movimento...impegnato nel sociale...

ma praticamente si beccano tutte le gare...
senza gara
Rolling Eyes

e chi non è ammanigliato si suicida

http://cronachelaiche.globalist.it/Detail_News_Display?ID=72999&typeb=0&Governo-Letta-Comunione-e-liberazione-brinda-ai-nuovi-affari

cciappas

Messaggi : 239
Data d'iscrizione : 22.04.13

Torna in alto Andare in basso

i ministri di comunione e liberazione.. Empty Re: i ministri di comunione e liberazione..

Messaggio Da Adam Gio 02 Mag 2013, 07:38

cciappas ha scritto:gli affari segreti del movimento...impegnato nel sociale...

ma praticamente si beccano tutte le gare...
senza gara
Rolling Eyes

e chi non è ammanigliato si suicida

http://cronachelaiche.globalist.it/Detail_News_Display?ID=72999&typeb=0&Governo-Letta-Comunione-e-liberazione-brinda-ai-nuovi-affari

Infatti. L'ho fatto notare sin dal giorno della nomina. Lupi alle infrastrutture è, citando Tremonti, come nominare Dracula amministratore dell'AVIS (quella del sangue non quella dei noleggi auto)
Adam
Adam

Messaggi : 609
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 89
Località : Roma

Torna in alto Andare in basso

i ministri di comunione e liberazione.. Empty Re: i ministri di comunione e liberazione..

Messaggio Da einrix Gio 02 Mag 2013, 08:32

Il problema è che in quel partito, come si diceva in modo truculento un secolo fa: con le budella dei più buoni occorrerebbe strozzare quelli cattivi.

Va detto, che in una situazione simile, la scelta erano personaggi ancora meno simpatici di questi. Brunetta o Schifani non sono di Comunione e liberazione, ma mi avrebbero fatto ancora più rabbrividire. Senza contare quelli che la Meloni (brava quella donna, simpatica da morire) ha messo nel surgelatore di Fratelli d'Italia, all'opposizione con Grillo, altrimenti ci saremmo trovati papabili anche alcuni soggetti della famiglia Addams.

Questo è un governo difficile e di frontiera, occorre prenderlo per quello che è, sapendo che sarà un miracolo se riuscirà a fare anche quello che solo potrà.

In alternativa c'è l'attesa per quello che verrà, come nel deserto dei tartari.
einrix
einrix

Messaggi : 10584
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 78
Località : Bergamo e Rimini

Torna in alto Andare in basso

i ministri di comunione e liberazione.. Empty Re: i ministri di comunione e liberazione..

Messaggio Da cciappas Gio 02 Mag 2013, 09:41

einrix ha scritto:Il problema è che in quel partito, come si diceva in modo truculento un secolo fa: con le budella dei più buoni occorrerebbe strozzare quelli cattivi.

Va detto, che in una situazione simile, la scelta erano personaggi ancora meno simpatici di questi. Brunetta o Schifani non sono di Comunione e liberazione, ma mi avrebbero fatto ancora più rabbrividire. Senza contare quelli che la Meloni (brava quella donna, simpatica da morire) ha messo nel surgelatore di Fratelli d'Italia, all'opposizione con Grillo, altrimenti ci saremmo trovati papabili anche alcuni soggetti della famiglia Addams.

Questo è un governo difficile e di frontiera, occorre prenderlo per quello che è, sapendo che sarà un miracolo se riuscirà a fare anche quello che solo potrà.

In alternativa c'è l'attesa per quello che verrà, come nel deserto dei tartari.

e figuriamoci se questi sono i migliori...

gente non mischiata con i soliti centri di potere non ce ne è più in italia???

fate solo piangere con le vostre scuse.

cciappas

Messaggi : 239
Data d'iscrizione : 22.04.13

Torna in alto Andare in basso

i ministri di comunione e liberazione.. Empty Re: i ministri di comunione e liberazione..

Messaggio Da einrix Gio 02 Mag 2013, 11:25

Discorso sul metodo:

Mai un ragionamento che sia un ragionamento, solo un copia incolla e una frase acida buttata li. In un forum sei solo un parassita, incapace neppure di apportare costrutti dialettici che possano aiutarci alla discussione.

Un po sullo stile di quel calabrese che ha sparato ai due carabinieri: per colpire i politici.

Da retta a me, datti una regolata e pensa, prima di scrivere: «do un contributo alla discussione o rompo solo le palle»?

E se è la seconda, vattene a fare una passeggiata.


Indovinello: a chi mi sono rivolto?


Einrix, per favore, cerca di moderarti e di rispettare il tuo interlocutore. Chiunque esso sia
Post di questo tipo esulano del tutto da un corretto e maturo forumismo


Ultima modifica di Guya il Gio 02 Mag 2013, 16:36, modificato 1 volta (Motivo della modifica : OT e offese)
einrix
einrix

Messaggi : 10584
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 78
Località : Bergamo e Rimini

Torna in alto Andare in basso

i ministri di comunione e liberazione.. Empty Re: i ministri di comunione e liberazione..

Messaggio Da cciappas Gio 02 Mag 2013, 11:37

cciappas ha scritto:

e figuriamoci se questi sono i migliori...

gente non mischiata con i soliti centri di potere non ce ne è più in italia???

fate solo piangere con le vostre scuse.

Gente non ammanigliata coi soliti centri di potere non ce ne è più in italia??

si fsnno i governi solo per privilegiare caqpitale, chiese e indagati???

nessuno risponde alla domanda??

cciappas

Messaggi : 239
Data d'iscrizione : 22.04.13

Torna in alto Andare in basso

i ministri di comunione e liberazione.. Empty Re: i ministri di comunione e liberazione..

Messaggio Da einrix Gio 02 Mag 2013, 13:26

cciappas ha scritto:

Gente non ammanigliata coi soliti centri di potere non ce ne è più in italia??

si fsnno i governi solo per privilegiare caqpitale, chiese e indagati???

nessuno risponde alla domanda??

Sarai un esperto in ammanigliature. Io che non ho chiesto mai un favore a nessuno, e che non ho mai fatto un favore a qualcuno, devo parlare per sentito dire, o per le sentenze della magistratura.

Che questo sia un paese così, lo sia sa da diversi secoli. Quante volte per una qualsiasi fesseria ti senti rispondere, dalla zia, dalla madre o dalla nonna: bisogna sentire quello li! Ma a quel mondo di comparaggio ho sempre fatto spallucce sin dalla più tenera età, ed ho preferito fare le mie domande, i miei solleciti, restando sempre in attesa delle risposte. E per quanti politici conosca o abbia conosciuto, evito sempre di frequentarli quando ricoprano cariche. Lo stesso mio cugino non l'ho frequentato per due legislature, visto che è stato senatore prima e deputato dopo.

Una volta mi trovai in grande imbarazzo per un invito a ristorante che mi fece un sindaco di una ridente città balneare, anche lui amico di infanzia. Prima che fosse sindaco ci frequentavamo, e tantissime volte abbiamo ospitato lui e sua moglie, quando insegnava a Bergamo, ma quando mi ritrovai al tavolo con persone simpaticissime - anche qualche personaggio della TV nazionale - mi feci la domanda: chi paga questa sera? Il Partito socialista (di cui questo amico sindaco era un esponente), il Comune della ridente cittadina turistica, o lui personalmente? Da allora, nel dubbio decisi che conveniva mantenere una debita distanza da chi svolgesse attività amministrative pubbliche.

Come vedi, non devono essere solo i politici ad avere un codice deontologico corretto, ma anche i cittadini, che non devono approfittare della politica per il proprio tornaconto. Ma questo alla gente comune, che sparla della politica è l'ultima cosa che gli passa per la testa. E pensare che se ognuno migliorasse i propri comportamenti ci sarebbero meno argomenti di critica da rivolgere ad altri.

Conosco una persona che si ritiene onestissima, che si lamentava del fatto che suo suocero, morto ormai da molti anni, per avere gli appalti delle ferrovie, doveva ungere personaggi che in quel caso non erano politici, ma, mi immaginavo, funzionari e tecnici delle ferrovie. Poi però, mi raccontava - ormai è in pensione da molti anni - che per vendere gli impianti della sua ditta in varie parti del mondo, doveva ungere opportunamente le ruote in terra straniera. Insomma anche quelli che corrompono si sentono delle vittime, mentre al contrario sono i soggetti della corruzione insieme a chi è concusso. Ecco, queste contraddizioni, riguardano la politica solo in minima parte, e più spesso sono gli organi professionali della società civile, e non il Parlamento, ad essere pieni di malandrini. Certo è che se un paese ha così diffuso il senso della raccomandazione amicale, familistica, di partito, poi può capitare che le ricompense non siano più soltanto dei ringraziamenti, ma autentiche dazioni anticipate di denaro. Una società civile più civile, avrebbe una politica meno malandrina. E questo mai nessuno lo dice.

Lo stesso Grillo non è uno stinco di santo, e se fosse un parente me ne guarderei bene dal frequentarlo, eppure avete visto che seguito s'è fatto? Nel paese di Pinocchio e Pulcinella tutto questo è possibile, caro cciappas e porta a ca.
einrix
einrix

Messaggi : 10584
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 78
Località : Bergamo e Rimini

Torna in alto Andare in basso

i ministri di comunione e liberazione.. Empty Re: i ministri di comunione e liberazione..

Messaggio Da cciappas Gio 02 Mag 2013, 13:54

einrix ha scritto:

Sarai un esperto in ammanigliature. Io che non ho chiesto mai un favore a nessuno, e che non ho mai fatto un favore a qualcuno, devo parlare per sentito dire, o per le sentenze della magistratura.

Che questo sia un paese così, lo sia sa da diversi secoli. Quante volte per una qualsiasi fesseria ti senti rispondere, dalla zia, dalla madre o dalla nonna: bisogna sentire quello li! Ma a quel mondo di comparaggio ho sempre fatto spallucce sin dalla più tenera età, ed ho preferito fare le mie domande, i miei solleciti, restando sempre in attesa delle risposte. E per quanti politici conosca o abbia conosciuto, evito sempre di frequentarli quando ricoprano cariche. Lo stesso mio cugino non l'ho frequentato per due legislature, visto che è stato senatore prima e deputato dopo.

Una volta mi trovai in grande imbarazzo per un invito a ristorante che mi fece un sindaco di una ridente città balneare, anche lui amico di infanzia. Prima che fosse sindaco ci frequentavamo, e tantissime volte abbiamo ospitato lui e sua moglie, quando insegnava a Bergamo, ma quando mi ritrovai al tavolo con persone simpaticissime - anche qualche personaggio della TV nazionale - mi feci la domanda: chi paga questa sera? Il Partito socialista (di cui questo amico sindaco era un esponente), il Comune della ridente cittadina turistica, o lui personalmente? Da allora, nel dubbio decisi che conveniva mantenere una debita distanza da chi svolgesse attività amministrative pubbliche.

Come vedi, non devono essere solo i politici ad avere un codice deontologico corretto, ma anche i cittadini, che non devono approfittare della politica per il proprio tornaconto. Ma questo alla gente comune, che sparla della politica è l'ultima cosa che gli passa per la testa. E pensare che se ognuno migliorasse i propri comportamenti ci sarebbero meno argomenti di critica da rivolgere ad altri.

Conosco una persona che si ritiene onestissima, che si lamentava del fatto che suo suocero, morto ormai da molti anni, per avere gli appalti delle ferrovie, doveva ungere personaggi che in quel caso non erano politici, ma, mi immaginavo, funzionari e tecnici delle ferrovie. Poi però, mi raccontava - ormai è in pensione da molti anni - che per vendere gli impianti della sua ditta in varie parti del mondo, doveva ungere opportunamente le ruote in terra straniera. Insomma anche quelli che corrompono si sentono delle vittime, mentre al contrario sono i soggetti della corruzione insieme a chi è concusso. Ecco, queste contraddizioni, riguardano la politica solo in minima parte, e più spesso sono gli organi professionali della società civile, e non il Parlamento, ad essere pieni di malandrini. Certo è che se un paese ha così diffuso il senso della raccomandazione amicale, familistica, di partito, poi può capitare che le ricompense non siano più soltanto dei ringraziamenti, ma autentiche dazioni anticipate di denaro. Una società civile più civile, avrebbe una politica meno malandrina. E questo mai nessuno lo dice.

Lo stesso Grillo non è uno stinco di santo, e se fosse un parente me ne guarderei bene dal frequentarlo, eppure avete visto che seguito s'è fatto? Nel paese di Pinocchio e Pulcinella tutto questo è possibile, caro cciappas e porta a ca.

in parte hai ragione in parte no... perchè gente che non chiede favori ce ne è tanta,, io per esempio non ho mai stretto la mano neppure ad un consigkiere di quartiere,,.e cone me ce ne sono tant... +ma è anche vero che quella che viene chimata ripartizione delle spoglie pretende proprio che i centri di potere intrighino per conquistre le poltrone più redditizie per procurare privilegi al gruppo e avere il potere di distrinuirne alle proprie clientele per aumentare il proprio potere.

spetta in definitiva al capo supremo dle momento distribuire gli incarichi con intelligenza per evitare questo mercato delle vacche ,,ma se anche il capo indulge in simili comportaenti significa soltanto che a sua volta ha ricevuto favori e consenso per aver fatto scelte non proprio al massimo della trasparenza e della decenza

cciappas

Messaggi : 239
Data d'iscrizione : 22.04.13

Torna in alto Andare in basso

i ministri di comunione e liberazione.. Empty Re: i ministri di comunione e liberazione..

Messaggio Da einrix Gio 02 Mag 2013, 14:44

cciappas ha scritto:

in parte hai ragione in parte no... perchè gente che non chiede favori ce ne è tanta,, io per esempio non ho mai stretto la mano neppure ad un consigkiere di quartiere,,.e cone me ce ne sono tant... +ma è anche vero che quella che viene chimata ripartizione delle spoglie pretende proprio che i centri di potere intrighino per conquistre le poltrone più redditizie per procurare privilegi al gruppo e avere il potere di distrinuirne alle proprie clientele per aumentare il proprio potere.

spetta in definitiva al capo supremo dle momento distribuire gli incarichi con intelligenza per evitare questo mercato delle vacche ,,ma se anche il capo indulge in simili comportaenti significa soltanto che a sua volta ha ricevuto favori e consenso per aver fatto scelte non proprio al massimo della trasparenza e della decenza

Quando iniziai a lavorare, sin dal primo giorno che entrai in azienda come ingegnere, andai alle dipendenze da qualcuno che attraverso la selezione del personale, mi aveva assunto, e dipendevano da me le persone che già lavoravano nell'ufficio che mi fu affidato. Da allora, non ho mai potuto scegliermi i collaboratori o i superiori ed ho dovuto sempre fare con le risorse di cui disponevo. Anche il fatto che la selezione fosse già stata fatta da qualcuno prima di me, era una buona cosa, che mi risparmiava molti grattacapi. Quindi, non so come funziona nella pratica lo Spoil System. Posso farmene una particolare idea, che però cambia in funzione dello scopo. Che so, se apro una attività con un socio, lo scelgo in modo da avere alcune garanzie sull'onestà, in primo luogo, e poi sulle sue capacità inerenti quell'attività.
Penso che farei lo stesso anche se venissi eletto ad una carica amministrativa, ritenendo di aver bisogno di una persona di fiducia per legare bene al bastone di comando quella certa direzione o assessorato. Ma qui viene il difficile, perché se fossi davvero la persona del destino per quel settore da prendere in mano, e rigirare come un calzino, allora dovrei essere bravissimo e ricorrerei all'aiuto di qualcuno sicuro ed altrettanto bravo, che mi garantisse che il flusso delle decisioni giungesse sino all'ultimo angolo della struttura. Se al contrario, mi mettessero a capo di una struttura efficiente, che c'è solo da dirigere facendone una semplice e normale manutenzione, preferirei non avere collaboratori che non fossero già della struttura, anche per non creare frustrazione in chi lavora li da anni.
Insomma, se c'è da tagliare teste, si manda un tagliatore di teste con l'aiutante a cui si fa fare il lavoro sporco, se invece c'è da gestire basta solo mandare una persona che abbia autorevolezza quanto meno motivata dall'essere stato scelto dal voto di una comunità.

Poi, certo, si può andare anche in una amministrazione come ha fatto il sindaco di Roma ( edi sicuro, non solo lui), imbucando tutti quelli che si potevano e contornandosi di persone di fiducia per poter fare quelle porcherie, nascondendole dentro il cerchi magico. Quello è davvero un sistema che fa bottino e che ha poco a che vedere con il giusto ricambio che ci deve essere quando cambia il giudizio degli elettori, e con il giudizio, la scelta di chi deve amministrare.

Evitiamo di fare dei monumenti per dei concetti che quando si generalizzano troppo perdono persino di significato: Spoil system è proprio uno di quei concetti.
einrix
einrix

Messaggi : 10584
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 78
Località : Bergamo e Rimini

Torna in alto Andare in basso

i ministri di comunione e liberazione.. Empty Re: i ministri di comunione e liberazione..

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.