Episodi o strategia in atto?

Pagina 10 di 13 Precedente  1, 2, 3 ... 9, 10, 11, 12, 13  Seguente

Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da einrix il Gio 16 Nov 2017, 19:14

16/11/2017 18:29
Alfano:rischi foreign fighter in Europa

 "Dopo la sconfitta dell'Isis in Iraq e 
 in Siria, i combattenti stranieri pos- 
 sono tornare in Libia e da lì in Euro- 
 pa. Soprattutto in questo momento l'at-
 tenzione ai confini libici è un impera-
 tivo per la sicurezza". Lo sottolinea  
 il ministro degli Esteri, Alfano, alla 
 riunione del Consiglio di sicurezza Onu
 di cui l'Italia è presidente.          

 "E' un compito che deve essere condivi-
 so dai principali attori della comuni- 
 tà internazionale", aggiunge Alfano. E 
 avverte: "Indispensabile" una soluzione
 politica senza "scorciatoie militari".

La prima parte la si capisce, meno la seconda, quella delle scorciatoie militari. A che si riferisce?
Ma anche per la prima occorrerebbe sapere chi fa fuggire i combattenti di ISIS. Mosca denuncia gli USA per non aver bombardato colonne di ISIS che lasciavano l'IRAQ in direzione della Siria.
Non vorrei che altri stati della regione li trasbordassero in Libia per poi farli arrivare in Europa, da dove poi, li avevano fatti partire come mercenari.

Insomma, siamo ancora in un gran pasticcio, grazie agli USA, la Francia, la Gran Bretagna, e naturalmente all'Arabia che li pagava. Quando dovessero fare del terrorismo da noi, sappiamo chi ringraziare.
avatar
einrix

Messaggi : 9178
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 76
Località : Bergamo e Rimini

Torna in alto Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da einrix il Sab 18 Nov 2017, 09:12

18/11/2017 08:30
Giunto a Parigi ex premier libanese
  
 Saad Hariri, ex premier del Libano, è  
 atterrato all'aeroporto "Bourget" di   
 Parigi. Lo riferiscono i media france- 
 si. Previsto a mezzogiorno l'incontro  
 all'Eliseo con il presidente francese, 
 Macron.                                

 Hariri è giunto a Parigi con un volo   
 decollato da Riad, in Arabia Saudita.  
 Il premier libanese dimissionario è    
 stato invitato dal presidente francese 
 per tentare di trovare una soluzione   
 alla crisi politica in Libano, in un   
 contesto giudicato esplosivo per gli   
 attriti tra Arabia Saudita e Iran.

Devo dedurre che a Riad ci sia la percezione della sconfitta in Siria, in Iraq, e neppure nello Yemen le cose vanno tanto bene. Per non parlare dei fronti in Somalia ed in quelli dell'Africa sub sahariana, in cui il terrorismo di Boko Haram ha seminato morte e distruzioni, senza conquistare nulla.
Se poi si esamina il sentimento degli europei e statunitensi, provato da un terrorismo usato come arma asimmetrica e del quale ha sperimentato violenze e brutalità, si può concludere che la campagna per l'impero islamico termina qui.

Hariri mostra proprio il disagio di questa situazione. Lui sunnita di uno stato multiconfessionale, deve rendere conto all'Arabia Saudita della guerra che gli hezbollah sciiti libanesi, combattono in Siria a fianco degli iraniani. Così Riad lo strattona, gli fa richieste. Quasi lo costringe alle dimissioni, e la Francia interviene per quel paese, che è stato un suo protettorato, per lungo tempo.

Non credo che l'Arabia Saudita possa affrontare uno scontro con l'Iran, senza l'appoggio degli USA che non paiono intenzionati ad affrontare una guerra che completerebbe la distruzione di una regione che da un secolo patisce conflitti interni ed esterni, dalla Libia al Pakistan.

Questi, in fondo sono gli strascichi dell'antica colonizzazione europea, succeduta alla caduta dell'Impero Ottomano. Per rimarginare quelle ferite, occorre intanto smettere di ferire, e poi ci vorrà tempo e cure per ripristinare un grado di civiltà accettabile.
avatar
einrix

Messaggi : 9178
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 76
Località : Bergamo e Rimini

Torna in alto Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da einrix il Sab 18 Nov 2017, 14:36

due video che raccontano parzialmente quanto è successo nel M.O.



avatar
einrix

Messaggi : 9178
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 76
Località : Bergamo e Rimini

Torna in alto Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da einrix il Dom 03 Dic 2017, 20:36

03/12/2017 20:36
Iran: Trump modificato accordo nucleare
  20.36                                 
 Iran: Trump modificato accordo nucleare
 Gli accordi internazionali sul nucleare
 iraniano hanno lasciato Teheran "capace
 di produrre il combustibile per un in- 
 tero arsenale nucleare in un decennio. 
 Ora,il presidente Usa ha creato l'op-  
 portunità di correggere i difetti di   
 quell'accordo". Invito a "sostenere i  
 leader politici in Europa e al Congres-
 so" per sfruttare tale opportunità".   

 Lo ha detto il premier israeliano Ne-  
 tanyahu a un summit a Washington. "Non 
 permetteremo all'Iran di acquisire armi
 atomiche e impedirò di stabilirsi mili-
 tarmente in Siria" per sdradicarci.

Ecco i nazisti del terrorismo ISIS e simili: sono loro, a cominciare dagli israeliani. La guerra in Siria è quasi conclusa, ma vogliono aprire nuovi fronti. Se fossi nella Russia, regalerei all'Iran cinquanta bombe atomiche e così la partita sarebbe finalmente chiusa, visto che a Israele gliene hanno date, forse cento.

https://it.wikipedia.org/wiki/Stati_con_armi_nucleari

da questo documento risulta che non hanno mai fatto un test. O avevano i disegni costruttivi, oppure i test li hanno fatti negli USA o nel Pacifico, su qualche atollo francese. Anche la Francia, quasi sicuramente, è coinvolta nello sviluppo del nucleare israeliano.

https://www.peacelink.it/pace/a/4536.html


http://www.ossin.org/israele/1744-la-bomba-atomica-di-israele



una bomba qualsiasi... forse quella di Hiroshima.
avatar
einrix

Messaggi : 9178
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 76
Località : Bergamo e Rimini

Torna in alto Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da einrix il Ven 08 Dic 2017, 14:37

Nell'ambito delle strategie tendenziali, c'è questa notizia che i media occidentali, insieme ad altre, trascurano di trasmettere:
"Presidente turco: Putin visiterà la Turchia lunedì e discuterà con Erdogan i due problemi di Siria e Gerusalemme".

Da tempo ormai la Turchia ha stretto accordi con la Russia, sui temi della Siria, ma più in generale sulla prospettiva di quel sud ovest asiatico. Ormai gli aerei che trasportano armi e personale militare russo, da e per la Siria, passano dalla Turchia e non dall'Iran, come nel recente passato.

Sarà interessante leggere il comunicato congiunto su quei due temi, sapendo che anche altri grandi paesi come la Cina, convergono nel sostegno al legittimo governo siriano.
avatar
einrix

Messaggi : 9178
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 76
Località : Bergamo e Rimini

Torna in alto Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da einrix il Ven 08 Dic 2017, 22:41

Alle 21 ora italiana del 7 dicembre 2017:

"Gli Stati Uniti rimarranno in Siria Indefinitamente, dicono i funzionari del Pentagono"

Tanto tuonò che piovve!
La guerra non è finita e ci sarà competizione tra gli USA che proteggono i curdi, e la Turchia, in primis.

Non è detto che Russi e governo siriano, se sono davvero furbi, non lascino le castagne sul fuoco, a bruciarsi.
Stesso problema avranno gli iracheni che potranno agire di concerto con i turchi, per quella parte che non è curdistan, e con i siriani, per la parte del curdistan.

Bella anche la mossa dei russi che se ne vanno dalla Siria, mantenendo le basi con l'autorizzazione del governo siriano. Autorizzazione che gli USA non hanno.

Insomma, Trump è proprio uno che i pasticci se li crea, con i consigli e gli aiuti dei peggiori.

Non credo che la notizia verrà data dai media italiani. Io l'ho letta qui:
http://syria.liveuamap.com/en/2017/8-december-us-to-remain-in-syria-indefinitely-pentagon-officials
avatar
einrix

Messaggi : 9178
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 76
Località : Bergamo e Rimini

Torna in alto Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da einrix il Sab 09 Dic 2017, 14:52

Altra notizia da leggere in relazione al conflitto irano-statunitense. E' la versione russa, ma è sicuro che se i russi pensano quelle cose, allora agiscono di conseguenza.

Una delle nazioni chiave, dopo la Siria, è la Turchia, e sembra che le prospettive siano peggiorate rispetto al 2012, ed il fronte che si sta saldando, contro sunniti e curdi, stia diventando territorialmente più importante e motivato.

La Russia ne ha approfittato e non è detto che non continui a farlo, con una certa flessibilità.

il link:
https://it.sputniknews.com/punti_di_vista/201712075375912-guerra-Iran-USA-Iraq/
avatar
einrix

Messaggi : 9178
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 76
Località : Bergamo e Rimini

Torna in alto Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da einrix il Dom 24 Dic 2017, 12:38

Dal dire al fare c'è di mezzo il mare.


http://www.lastampa.it/2017/12/24/multimedia/esteri/leditoriale-di-molinari-la-muscolosa-realpolitik-dellamerica-ShUkuNZovCnzmoykjRwx3K/pagina.html

L'islamismo, in chiave di egemonia continentale è stato favorito dagli USA, usandolo per la guerra asimmetrica contro il comunismo e contro le primavere arabe sin dai tempi di Nasser, e dall'Afganistan in poi è diventato terrorismo, dall'Africa, al Medio Oriente, sino al Kossovo. Un terrorismo addestrato dagli Statunitensi in competizione con gli inglesi, e pagato dall'Arabia saudita e dagli stati feudali del Golfo.

Per non parlare della strategia della tensione che in Grecia e in Cile ha portato al potere i colonnelli e che in Italia è stata sconfitta al prezzo di migliaia di morti, tra le stragi sui treni, quelli alla Stazione di Bologna, nelle piazze, e in qualche banca.

E questa gente ci viene a raccontare che vuole lottare contro il terrorismo?

Certo, l'egemonia che avevano gli USA nel Pacifico, subito dopo Hiroshima e Nagasaki, non c'è più, perché il potenziale delle flotte è messo in crisi dalla missilistica. 

Per chi usa toni minacciosi, cielo, terra e mare sono diventati pericolosi, dato lo sviluppo che hanno avuto le armi ed i congegni di avvistamento, e puntamento. 
Allora la Cina era un paese distrutto, e il sud est asiatico stava appena venendo fuori dalla decadenza, che era causa ed effetto del colonialismo europeo, con i britannici in testa. Adesso la Cina si avvia ad essere la nazione più grande, popolosa e organizzata del mondo, e seppure la deterrenza nucleare la porta alla pari di molte altre nazioni che dispongono di analoghi armamenti, è pur sempre una potenza da non sottovalutare. La Russia, pur essendo un piccolo paese, in rapporto alla popolazione, disponendo di una micidiale  deterrenza nucleare ed essendo abile costruttore di sistemi d'arma, rappresenta una sfida altrettanto grande, per gli USA.

Veniamo all'Europa. Debole politicamente e forte economicamente. Proprio per questa sua condizione non potrà che favorire pace e commerci. Così appoggerà a turno tutti e da tutti prenderà le sue distanze. Quando maturerà una sua più spiccata unità politica interna, e riuscirà a mettere insieme un esercito federale, a quel punto potrà anche pretendere che ai suoi confini, cambi il clima di guerra in pace, e agirà in quella direzione senza guardare troppo in faccia a qualcuno.

Un'America imperialista, per varie ragioni non può essere amica dell'Europa, perché l'Europa nel mondo può competere economicamente, ma non militarmente, così che le guerre fredde e le spaccature non possono che frenare il nostro sviluppo.
avatar
einrix

Messaggi : 9178
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 76
Località : Bergamo e Rimini

Torna in alto Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da einrix il Mar 26 Dic 2017, 10:16

26/12/2017 06:42
Nave britannica "scorta" fregata russa

 Una fregata britannica "ha scortato"   
 una nave da guerra russa che si era    
 avvicinata alle acque territoriali bri-
 tanniche il giorno di Natale, ha detto 
 il ministero della Difesa inglese.     

 L'HMS St Albans è stato inviato a scor-
 tare la nave da guerra russa "Ammira-  
 glio Gorchkov" nel Mare del Nord per   
 "monitorare la sua attività in aree di 
 interesse nazionale" e tornare al suo  
 porto di origine, Portsmouth. "Non esi-
 terò a difendere le acque territoriali 
 da qualsiasi aggressione", ha detto il 
 ministro britannico, Gavin Williamsont.

Stuzzicano, ma non vogliono essere stuzzicati!
Peccato per la GB che monitor e processori li facciano anche in Cina, così che per la Russia di Putin non è difficile essere aggiornati sui prodotti più strategici che ci sono, per le applicazioni di automazione militare.
Ormai contano più le flotte missilistiche che non quelle con i cannoni, alla Nelson, e loro, i russi, sono molto più bravi e determinati a difendere il vasto territorio che possiedono.
avatar
einrix

Messaggi : 9178
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 76
Località : Bergamo e Rimini

Torna in alto Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da einrix il Gio 28 Dic 2017, 09:23

28/12/2017 09:16
San Pietroburgo,Putin:"atto terrorismo"

 "Come sapete ieri c'è stato un attenta-
 to terroristico a San Pietroburgo". E' 
 quanto ha affermato il presidente rus- 
 so, Putin, durante un incontro al Crem-
 lino con ufficiali che hanno partecipa-
 to alle operazioni in Siria.           

 Ho ordinato "al direttore dei Servizi  
 federali di sicurezza (Fsb) di agire a 
 norma di legge nelle operazioni di ar- 
 resto dei terroristi. Nel caso in cui  
 dovesse esserci un rischio per i nostri
 agenti si dovrà agire con decisione,non
 catturare nessuno e uccidere i terrori-
 sti sul posto", ha dichiarato Putin.

Credo che Putin si stia brutalizzando. Mentre il suo amico Berlusconi è partito per "la gnocca", Putin sembra stia partendo per la "Guerra". L'intraprendenza in quel campo, fino a quando si mantiene sul difensivo è giusta ed encomiabile, ma quando valica il limite e passa all'offensivo, all'ora diventa deprecabile. Il terrorismo è utilizzato dagli stati che non vogliono intervenire direttamente, proprio per non apparire deprecabili agli occhi del mondo. Difendersi dal terrorismo è sacrosanto, anche duramente, se lo scontro è duro, ma non si deve mai dire-fare:"non catturare nessuno e uccidere i terroristi sul posto", che è segno di disumanità sullo stesso livello di chi ammazza a caso, persone inermi. Poi, mi rendo conto che la prigionia spesso non basta, dato che ancora più spesso acuisce l'ideologia del terrorista, come a Guantanamo. A quel punto occorre parlare chiaro con gli stati che come l'Arabia Saudita stanno dietro a quegli atti di terrorismo. E invece, con l'Arabia Saudita, quando si tratta di fare fronte comune, sul prezzo del petrolio, la Russia di Putin, ci va a tarallucci e vino.
avatar
einrix

Messaggi : 9178
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 76
Località : Bergamo e Rimini

Torna in alto Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da einrix il Mer 03 Gen 2018, 08:05



Annoto questa notizia de la Stampa sull'Artico

http://www.lastampa.it/2018/01/03/economia/cina-russia-e-usa-verso-le-rotte-del-nord-cominciata-la-grande-guerra-dellartico-i3I0c46rAVM9u1gHhQEoFL/pagina.html

Nuove rotte e petrolio, gli ingredienti che da sempre creano affari e tensioni. I ghiacci che si sciolgono lasciano territori ambiti, che fuori da certi limiti non dovrebbero essere tali, visto che comunque si tratta di mari.
avatar
einrix

Messaggi : 9178
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 76
Località : Bergamo e Rimini

Torna in alto Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da einrix il Sab 06 Gen 2018, 10:50

In questo articolo scopriamo che vi sono truppe mercenarie russe che combattono in Siria sin dal 2013.

https://www.reddit.com/r/syriancivilwar/comments/3yq5kq/russian_private_military_company_wagner_and_their/?st=jc37sjbq&sh=623f497c

L'articolo è pieno di informazioni che mostrano quanto le guerre siano complesse, e costose.

Se gli USA usano contractors, ecco che lo fanno anche gli altri, e le guerre perdono molte caratteristiche di difesa della Patria e diventano attività aggressive di natura pericolosa.
avatar
einrix

Messaggi : 9178
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 76
Località : Bergamo e Rimini

Torna in alto Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da einrix il Sab 03 Feb 2018, 18:28

03/02/2018 18:20
Mosca: dottrina atomica Usa antirussa
  18.20                                 
 Mosca: dottrina atomica Usa antirussa  
 "Il contenuto della nuova dottrina nu- 
 cleare resa pubblica dagli Stati Uniti 
 ci ha profondamente deluso: già ad un  
 primo sguardo, il grado di ostilità e  
 l'orientamento anti-russo di questo do-
 cumento sono impressionanti".          

 Così il ministero degli Esteri russo in
 una nota pubblicata sul sito. "Noi, ov-
 viamente, dovremo prendere in conside- 
 razione le intenzioni di Washington e  
 adottare le misure necessarie per ga-  
 rantire la nostra sicurezza". 

Pensare che piccole bombe atomiche possano non far scoppiare conflitti nucleari è un controsenso. Non sono le bombe che fanno scoppiare le guerre, ma gli uomini, che facendo scoppiare le bombe, fanno le guerre. 
Uno usa le atomiche per la deterrenza, e più grandi e numerose sono (entro certi limiti), e maggiore è la deterrenza. Questo è quello che è avvenuto dopo Yroshima e Nagasaki, con la guerra fredda.

Se uno le fa piccole, anche la deterrenza è piccola, anzi, è un invito ad usarle nelle guerre convenzionali. Ipocrisia vuole che si mettano in discussione i gas e gli attacchi biologici, al contrario delle piccole atomiche che sono comunque sempre troppo grosse.

Naturalmente, a bombe piccole, si risponde con bombe altrettanto piccole. Altro che deterrenza: è un ivito al conflitto per generali pazzi che pensano di essere loro a determinare la politica della pace e della guerra.

Comunque la si rigiri, ha perfettamente ragione Putin, quando dice di dover prendere in cosiderazione le intenzioni di Washington. Che altro potrebbe fare!
avatar
einrix

Messaggi : 9178
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 76
Località : Bergamo e Rimini

Torna in alto Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da einrix il Mar 06 Feb 2018, 08:24

06/02/2018 06:01
Unicef:Siria, 59 bimbi uccisi a gennaio
   6.01                                 
 Unicef:Siria, 59 bimbi uccisi a gennaio
 Sono 59 i bambini uccisi a gennaio in  
 Siria. Lo denuncia l'Unicef parlando di
 "bilancio brutale". In questo mese nero
 "di gennaio i conflitti e le violenze  
 in Medioriente e nel Nord Africa hanno 
 provocato ancora una volta un duro col-
 po per i bambini.                      

 Sono stati uccisi in conflitti,attenta-
 ti kamikaze o sono morti mentre fuggi- 
 vano da zone di guerra", ha dichiarato 
 Geert Cappelaere, direttore regionale  
 Unicef per il Medio Oriente e il Nord  
 Africa.In Iraq, Libia, palestina, Siria
 e Yemen a gennaio sono morti 83 bimbi. 

Chi ha cominciato le guerre in Iraq, Libia, palestina, Siria
 e Yemen. Sono loro i responsabili di quelle morti a Tel Aviv, A Washington, a Londra, a Parigi, a Riyad. Ma nessuno ne fa parola. E perciò questo è solo falso pietismo!
avatar
einrix

Messaggi : 9178
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 76
Località : Bergamo e Rimini

Torna in alto Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da einrix il Mer 07 Feb 2018, 12:20



Il riarmo è cominciato da tempo. Nuove tecnologie comportano l'aggiornamento delle tattiche, anche se le strategie restano le stesse della contrapposizione tra occidente ed oriente, in un mondo sempre più stretto.
L'articolo deve essere letto in quest'ottica e come un segnale che siamo lontani da una inversione di tendenza.
Basterebbe poco: che l'Europa non seguisse Stati Uniti e Gran Bretagna nelle loro politiche imperialiste, ma l'Europa è ancora fragile e senza una sua vocazione alla pace.

http://www.lastampa.it/2018/02/07/esteri/missili-a-kaliningrad-la-scelta-di-mosca-rilancia-la-sfida-alla-nato-s6BXCUYBPhr4FkR4nQXOUO/pagina.html
avatar
einrix

Messaggi : 9178
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 76
Località : Bergamo e Rimini

Torna in alto Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da einrix il Mar 13 Feb 2018, 09:17




13/02/2018 05:51
Kabul, vertice militare con Nato e Usa
   5.51                                 
 Kabul, vertice militare con Nato e Usa 
 I massimi responsabili militari di Af- 
 ghanistan,Pakistan,Nato e Usa impegnati
 nella crisi afghana partecipao oggi a  
 una conferenza dei capi della difesa   
 che si terrà a Kabul,per mettere a pun-
 to le prospettive di pace nella regione

 Alla conferenza intervengono fra gli   
 altri il comandante dell'esercito pa-  
 chistano, gen.Qamar Javed Bajwa,il col-
 lega afghano,gen.Mohammad Sharif Yafta-
 li, il capo del comando delle forze    
 Usa,gen.Joseph Votel,e il comandante   
 della missione Nato,gen.John Nicholson.

I russi furono messi alle corde con l'Afganistan e la Cecenia, e se in Cecenia ne uscirono vincitori, l'Afganistan fu per loro una severa sconfitta. Oggi i russi possono essere felici per le difficoltà in cui si trovano la NATO e gli USA, proprio in Afganistan, dato che per quanti discorsi si facciano sulla pace, li c'è un conflitto che pare non si possa spegnere, tanto e tale è l'odio che si è provocato in un trentennio di ribellioni ed imposizioni. Se fossi in Putin e desiderassi una piccola vendetta, soffierei nascostamente sul fuoco, almeno fin quando gli USA e Israele vogliono la totale afganistanizzazione della Siria. Nell'immagine, le zone in mano ai ribelli afgani sono quelle scure. Sono estese e si trovano ovunque, in un paese montagnoso e adatto a secoli di guerriglia.
avatar
einrix

Messaggi : 9178
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 76
Località : Bergamo e Rimini

Torna in alto Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da einrix il Sab 17 Feb 2018, 15:54

ho cercato questo articolo, dopo aver letto:"

Mcmaster says Iran network of proxies is becommg more powerful. 'time is to act' against it #MunichSecuntyConference"

http://www.thetower.org/article/meet-the-proxies-how-iran-spreads-its-empire-through-terrorist-militias/

Attribuiscono all'Iran ciò che fanno da sempre loro, a cominciare dall'Afganistan, per finire in Siria e Yemen.
E' ora di dire agli USA che la smettano di portare la guerra ovunque. Non saranno mai un impero. Questi non sono più i tempi di una volta e la fragilità del mondo è tale che anche loro ne possono pagare le conseguenze.
avatar
einrix

Messaggi : 9178
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 76
Località : Bergamo e Rimini

Torna in alto Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da einrix il Dom 18 Feb 2018, 12:38

18/02/2018 01:28
Curdi, Usa non crede a uso gas Turchia

 Gli Stati Uniti ritengono che sia "al- 
 tamente improbabile" l'utilizzo di armi
 chimiche da parte della Turchia contro 
 i curdi. Lo scrive la Associated Press 
 citando una fonte della Casa Bianca.   

 Nelle scorse ore due medici che operano
 nel principale ospedale nell'enclave   
 curdo di Afrin avevano riferito alla   
 Associated Press che sei persone sono  
 in cura presso la struttura sanitaria  
 con sintomi da intossicazione, sono    
 tate ricoverate venerdì sera e proven- 
 gono dal villaggio di Arandi che stato 
 attaccato da truppe turche.

Gli americani credono solo in ciò che gli fa comodo. Con i gas e le armi di distruzione di massa ci giocacano da Saddam in poi. Non si rendono conto che un "bel gioco dura poco", e pensano che la gente sia così stupida da creder loro. In effetti la gente fa la stupida solo se vuole stare al gioco e le guerre per conseguenza scoppiano approfittando della distrazione volontaria.
avatar
einrix

Messaggi : 9178
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 76
Località : Bergamo e Rimini

Torna in alto Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da einrix il Lun 26 Feb 2018, 11:24

Qualche considerazione sul nucleare strategico.

In pratica, il passaggio dal confronto nucleare tra USA e URSS a quello tripolare che comprenda la Cina, disturba molto la deterrenza. Per non parlare dei piccoli paesi (in termini di potenza nucleare) come Israele o l'India e il Pakistan, per arrivare alla Corea del Nord e all'Iran, che complicherebbero molto la difesa da un qualunque attacco.
Poniamo che l'India aggredisca il Pakistan. Resta un problema tra loro che sono piccole potenze e la loro distruzione, salva in parte il resto del mondo, non spostando l'equilibrio tra Russia e Stati Uniti. Ma se l'India usasse la sua forza per distruggere gli USA, anche parzialmente, puntando all'industria, alle infrastrutture ed alle grandi città, sarebbe la Russia a prevalere sul piano strategico per molti anni a venire. In questo quadro i pericoli per gli Stati Uniti vengono dalla Corea del Nord e dall'Iran che sono suoi tradizionali nemici, ed è per questo che alcuni governi di Washington cercano attraverso la trattativa, di depotenziare i cattivi rapporti con l'Iran, mentre altri cercano di esacerbarli per distruggere un governo che potrebbe mettere in crisi la politica nucleare, in termini di difesa del proprio paese. Per la stessa ragione la Russia cerca di mantenere buoni rapporti con le potenze nucleari, compreso Israele, e nel contempo persegue una via che porti al controllo degli armamenti nucleari attraverso la trattativa, e nel contempo sviluppa le armi convenzionali, considerandole uno strumento opportuno per poter agire indisturbata a livello mondo.

Per ora le guerre convenzionali vengono combattute, prevalentemente da Israele, Stati Uniti, Arabia Saudita e un po meno, anche da Mosca, con le armi del terrorismo e delle insurrezioni pilotate che pur essendo localmente distruttive, sono meno impegnative sul piano della competizione globale. E lo si vede in Libia, in Siria, nello Yemen, in Afganistan e nella fascia islamica sub sahariana. Ma anche in Jugoslavia, in Ucraina, nei Carpazi e in altri paesi.
avatar
einrix

Messaggi : 9178
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 76
Località : Bergamo e Rimini

Torna in alto Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da einrix il Gio 01 Mar 2018, 14:44



Putin si trova a poche settimane dal voto e ciò che fa vedere è funzionale alla sua campagna elettorale, nel contempo è anche una sorta di programma di legislatura ove mostra ciò che già è stato fatto e ciò che ancora si dovrà fare.

Per questa ragione credo valga la pena ascoltarlo, specie in un  momento come questo in cui la guerra cova sotto la cenere di molti focolai.

http://www.repubblica.it/esteri/2018/03/01/news/putin_mostra_un_nuovo_super-missile_invulnerabile_e_agli_usa_ora_ascoltateci_-190085868/?ref=RHPPLF-BH-I0-C4-P9-S1.4-T1
avatar
einrix

Messaggi : 9178
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 76
Località : Bergamo e Rimini

Torna in alto Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da einrix il Ven 02 Mar 2018, 15:39

Se è vero questo:

Il Pentagono in precedenza ha risposto che le informazioni fornite da Putin sulle nuove armi non cambierebbero la strategia degli Stati Uniti per quanto riguarda le armi e lo sviluppo, dal momento che tutti i nuovi sviluppi russi sono già stati presi in considerazione nella strategia militare statunitense.

Queste:
"Merkel e Trump hanno espresso preoccupazione dopo le dichiarazioni di Putin sui nuovi missili"
sono frasi di circostanza. In fondo non deve importare nè alla Merkel, né a Trump se le cose stanno così, altrimenti, loro o i loro omologhi, ci avrebbero pensato qualche anno prima.

E' evidente che se i sovietici non erano bravi a fare auto, TV e lavatrici, hanno imparato benissimo a progettare armi, ed ora i russi hanno ereditato gran parte di quelle tecnologie che con l'aiuto dei cinesi (nella cibernetica) possono raggiungere le prestazioni più elevate possibili.
avatar
einrix

Messaggi : 9178
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 76
Località : Bergamo e Rimini

Torna in alto Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da einrix il Ven 02 Mar 2018, 16:03




E' l'Arabia Saudita che finanzia il terrorismo, e questa è la contraddizione, perché talvolta entra in contrasto con gli stati come la Francia che gli sono formalmente alleati. Il solo vantaggio? Mantenendo destabilizzata l'Africa Sub Sahariana ed il MO possono impedire che nuove forze vitali e rivoluzionarie possano distruggere il loro vecchio mondo coloniale. Questa è solo una ipotesi. L'altra è che nel bene e nel male li rende protagonisti. Tertium non datur.

http://www.lastampa.it/2018/03/02/esteri/burkina-faso-attacco-armato-ad-ouagadougou-spari-nellambasciata-francese-bvfMvN3iTMQd3q65VkMMjI/pagina.html
avatar
einrix

Messaggi : 9178
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 76
Località : Bergamo e Rimini

Torna in alto Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da einrix il Ven 02 Mar 2018, 16:19

In questo articolo si spiegano le ragioni strategiche dei sovietici in termini di causa-effetto:

"Gli Stati Uniti continuano a sviluppare le capacità anti-missili anti-missili, e questo mina il valore degli accordi di riduzione nucleare, come il nuovo trattato START. Gli Stati Uniti stanno lavorando sodo sulla sua capacità di intercettare i missili.
La risposta della Russia a questa minaccia è stata lo sviluppo di nuove e migliori armi strategiche, con contromisure migliorate che le rendono più difficili da intercettare. La Russia ha anche sviluppato il nuovo ICBM pesante noto come Sarmat, che sostituirà i vecchi missili attualmente in Russia."

https://syrianfreepress.wordpress.com/2018/03/01/putin-russian-parliament/
avatar
einrix

Messaggi : 9178
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 76
Località : Bergamo e Rimini

Torna in alto Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da einrix il Sab 10 Mar 2018, 21:06

Questa è la notizia...



[...]in precedenza il comandante delle forze NATO in Europa, il generale americano Curtis Scaparrotti, aveva detto gli Stati Uniti sperano che la Turchia rinunci a comprare i sistemi anti-missile russi S-400, mettendo in guardia Ankara dalle "conseguenze" di questa decisione.


A dicembre dello scorso anno ad Ankara, i rappresentanti russi e turchi avevano firmato un accordo per la concessione di un prestito per l'acquisto dei sistemi di contraerea S-400. Secondo la segreteria dell'industria della difesa turca, Ankara acquista due batterie di questo sistema che saranno gestite da personale turco. Inoltre le parti hanno concordato una cooperazione tecnologica in questo settore per sviluppare la produzione di sistemi missilistici antiaerei in Turchia[...]

Anche l'arabia saudita ha comperato missili contraerei russi. la spiegazione è semplice: per abbattere aerei russi ci vogliono missili americani, ma per abbattere aerei americani (o israeliani, o greci...), ci vogliono missili russi. Così, chi vuole avere cintura e bretelle, li compera entrambi.

Gli americani, in questa loro competizione globale, stanno incontrando diverse difficoltà, e le avvisaglie sono un po queste,la Turchia in primis.
I russi, le loro carte se le stanno giocando proprio bene, con armi e petrolio, e pur spendendo il 15% di ciò che spendono gli USA, in armamenti, pare che abbiano maggior successo nell'allargare la loro sfera di influenza, in Asia ed in Africa.

https://it.sputniknews.com/politica/201803105757722-Cavusoglu-USA-NATO-Occidente-Russia-cooperazione-difesa-geopolitica/
avatar
einrix

Messaggi : 9178
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 76
Località : Bergamo e Rimini

Torna in alto Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da einrix il Gio 15 Mar 2018, 16:45

15/03/2018 12:15
Mosca,Lavrov:presto via diplomatici GB
  12.15                                 
 Mosca,Lavrov:presto via diplomatici GB 
 Ministro degli Esteri russo Lavrov e-  
 spellerà presto diplomatici britannici 
 in risposta all'espulsione di 23 diplo-
 matici russi da parte del Regno Unito. 
 Lo riporta l'agenzia russa Ria.        

 "Le azioni di Londra sono pericolose"ha
 aggiunto la portavoce del ministero    
 Maria Zakharova, nel suo briefing con  
 la stampa a Mosca."Quando il leader di 
 una potenza nucleare si presenta da-   
 vanti al Parlamento e accusa,senza pro-
 ve,uno stato di aggressione nei suoi   
 confronti e dà un ultimatum di 24 ore, 
 si comporta in modo pericoloso".

Strana vicenda quella delle spie che fanno il doppio o il triplo gioco.
Strana anche l'idea che solo 007  di sua maestà, possa avere la licenza di uccidere. Quante migliaia di persone innocenti sono state ammazzate in Afganistan, in Libia, in Siria, con il concorso e su istigazione del governo inglese. E che si aspettano dalla concorrenza. Facciano pure tutti gli atti che ritengano convenienti per loro, ma non possono esprimere alcuna patente di moralità, avendo ammazzate più persone, in questo mezzo secolo ed oltre, in giro per il mondo, che ogni altro paese europeo, a cominciare dall'Irlanda.
avatar
einrix

Messaggi : 9178
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 76
Località : Bergamo e Rimini

Torna in alto Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da einrix il Gio 15 Mar 2018, 22:22

Robert Kaplan ha detto tutto ed il contrario di tutto, quindi è possibile che se ha torto, ha anche ragione, e se non ha torto, non ha ragione. Dipende da chi lo legge.

http://www.lastampa.it/2018/03/15/esteri/le-grandi-manovre-degli-imperi-ecco-come-mosca-e-pechino-sfidano-le-democrazie-in-difficolt-vZ9RPaLtLkeeVFCaLKlm6I/pagina.html

Gli imperi non sono per sempre. La Russia e la Cina hanno avuto il loro momento più basso ed ora si sono ripresi. Qualche cosa vorrà dire anche per l'Europa e gli Stati Uniti che hanno distrutto il Medio Oriente, gran parte dell'Africa e dell'Asia pur di vivere potenti e felici.

Imbalsamati come siamo dal Day-After, anche se ce ne dimentichiamo, non è che siamo liberi di fare ciò che vogliamo, seppure nelle maniere subdole ed indirette del terrorismo di comodo.

La vita, di per se è già dura, tra la nascita e la morte, eppure c'è chi fa di tutto per renderla peggiore, e talvolta crede pure in Dio e nel Paradiso, per dare coerenza ad un progetto che non ne ha affatto.
avatar
einrix

Messaggi : 9178
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 76
Località : Bergamo e Rimini

Torna in alto Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da einrix il Sab 17 Mar 2018, 20:53

17/03/2018 09:46
Mosca espelle 23 diplomatici britannici
 
 La decisione è stata notificata all'am-
 basciatore del Regno Unito,Laurie Bri- 
 stow,a Mosca.                          

 C'è una forte probabilità che la so-   
 sanza utilizzata contro l'ex ufficiale 
 Skripal a Salisbury provenga dai labo- 
 ratori americani o britannici. Così l' 
 inviato della Russia presso l'organiz- 
 zazione per la proibizione delle armi  
 chimiche,Shulgin, ha intanto ribaltato 
 le accuse britanniche:"E molto probabi-
 le che il componente chimico utilizzato
 provenga da alcuni laboratori dei paesi
 occidentali", ha precisato.

E chi potrebbe dire il contrario, quando si tratta di governi che cercano appigli per non perdere terreno sul piano dell'imperialismo.

Dopo le torri gemelle, ci furono negli USA avvelenamenti dovuti ad una sostanza biologica (Antrace) prodotta nei laboratori di quello stesso paese e si voleva far credere che fosse stato Saddam.

Prima, per giustificare l'aggressione al Vietnam, si costruì a tavolino il falso incidente del golfo del Tonchino. 
Per non parlare delle armi di distruzione di massa di Saddam, mentre loro usavano quelle "inteligenti": Inteligenti al punto che una si infilò nel condotto di aereazione di un rifugio, e vi morirono duemila persone.

Come si può credere, senza prove, a dei bugiardi. E se lo avessero ammazzato loro, gli inglesi, proprio allo scopo di allestire questa provocazione? Ci sarebbe più senso, per il rilievo che viene dato, rispetto al vantaggio, per i russi, di uccidere una spia che era stata mandata in GB con uno scambio di prigionieri.
avatar
einrix

Messaggi : 9178
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 76
Località : Bergamo e Rimini

Torna in alto Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da einrix il Dom 25 Mar 2018, 19:48

http://www.lastampa.it/2018/03/25/esteri/iraq-erdogan-annuncia-operazione-militare-contro-i-curdi-del-pkk-JPrywspQmMUyPBvHHH933L/pagina.html

Questa volta Giordano Stabile congettura in anticipo e le parole di Erdogan vengono riprese quasi in diretta, ma su tutta questa vicenda siriana/irachena hanno prevalso i silenzi.

In ogni caso Erdogan sta lontano da Manbij per paura degli USA, e questo non so se è un buon o un brutto segno, ma è comunque un segno.
avatar
einrix

Messaggi : 9178
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 76
Località : Bergamo e Rimini

Torna in alto Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da einrix il Mar 27 Mar 2018, 09:22

La Gran Bretagna è molto più pericolosa della Corea del Nord. Posseggono armi nucleari e perseguono metodi imperialisti in ogni campo, dall'Irlanda del Nord, alla Siria, l'Iran, L'Afganistan e molti paesi ex coloniali dell'Africa. Non se ne parla perché non conviene alla Gran Bretagna che non se ne parli, ma la Corona inglese, come quella saudita sono le teste di un'Idra che cerca di avvelenare il mondo con il terrorismo e l'antiterrorismo.

Se mi domando quale vantaggio possa avere la Russia nell'avvelenare una spia doppiogiochista, la mia risposta è "quasi nessuno", salvo il piacere di una vendetta che potrebbe anche essere di qualche "cane sciolto".

Se mi domando quale scopo possa avere la Gran Bretagna, sconfitta in Siria, e sconfitta in Europa dalla Brexit, allora posso pensare anche ad una messa in scena dei suoi servizi, magari aiutati da quelli americani che sono contrari ad una politica di distensione in Europa e nel Mondo.

La seconda guerra mondiale è stata iniziata dal nazifascismo, è vero, ma sbaglia chi pensa che non vi sarebbe stata lo stesso, anche con la democrazia in Germania ed in Italia, e sempre per le stesse ragioni: imperialismo di mare e imperialismo di terra di quelle stesse nazioni che si sono scontrate sul campo.

Dopo mezzo secolo, con la guerra tenuta a freno dalla deterrenza atomica, il carattere imperialistico della Gran Bretagna, non è cambiato, ed in questi anni sta cercando di riprendersi un posto nel mondo, con l'aiuto dei suoi alleati naturali: gli Stati Uniti e l'Arabia Saudita, a cui si accoda, per motivi contingenti, Israele. E ciò può allargare il conflitto che cova da troppo tempo, sotto una cenere troppo calda.

L'Europa avrebbe dovuto isolare la GB in questa occasione, sino a prove evidenti che se ci sono state erano solo la costruzione dei servizi di Sua Maestà. Sarebbe stato meglio che l'Europa avesse chiesto di indagare, magari appoggiandosi ad un tribunale internazionale sopra le parti. Invece, stando al gioco, si favorisce lo scontro tra gli imperialismi di questo millennio, di cui l'Europa disunita non può starne alla testa, ma esserne solo risucchiata.
avatar
einrix

Messaggi : 9178
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 76
Località : Bergamo e Rimini

Torna in alto Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da einrix il Mar 03 Apr 2018, 18:50

Putin in visita in Turchia: al via i lavori per la prima centrale nucleare del Paese


L'articolo fa pensare ad un cambiamento di alleanze in corso, per la Turchia, che potrebbe coinvolgere Iraq e Siria, oltre che l'Iran, costituendo un blocco Medio Orientale, molto robusto e capace di difendersi molto bene contro Arabia Saudita, Stati Uniti e Israele. L'Europa non conta!

In fondo, la sconfitta di chi ha voluto distruggere la Siria, si sta rivelando un boomerang. La Turchia non è nazione da poco, specie se è appoggiata e armata dalla Russia. Quando Erdogan, che resta pur sempre un brutto ceffo, da del terrorista a Netanyahu, non solo non sbaglia indirizzo, ma mette anche una pietra tombale nei rapporti con Israele che a mio avviso deve sentirsi preoccupato, con i problemi che ha sull'uscio di casa ed in casa.

http://www.repubblica.it/esteri/2018/04/03/news/putin_erdogan_centrale_nucleare_turchia-192873207/?ref=RHRS-BH-I0-C6-P15-S1.6-T1
avatar
einrix

Messaggi : 9178
Data d'iscrizione : 10.04.13
Età : 76
Località : Bergamo e Rimini

Torna in alto Andare in basso

Re: Episodi o strategia in atto?

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 10 di 13 Precedente  1, 2, 3 ... 9, 10, 11, 12, 13  Seguente

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum